Pubblicità
difesa e sicurezza

Le agenzie di spionaggio sono come il porno di una volta

Molte agenzie di spionaggio stanno lentamente cominciando a utilizzare dati in open source.

di Jennifer Peters
02 ottobre 2015, 11:30am

Il capo della CIA Director John Brennan (a sinistra) e quello della NSA Mike Rogers (Kevin Dietsch/EPA)

Nella lotta contro lo Stato Islamico (IS), sono stati utilizzati alcuni accorgimenti tecnologici sorprendenti.

Le milizie curde in Siria hanno usato mappe basate su Google e dispositivi Android per dirigere il supporto aereo degli alleati americani. Grazie a questi strumenti, disponibili open source, i guerriglieri curdi possono registrare le esatte coordinate GPS del nemico e inviare una mappa ai partner americani a centinaia di chilometri di distanza, i quali possono poi far piovere terrore - e bombe - sul nemico con un livello di precisione quasi totale.

Questa partnership potenziata dalla tecnologia è oggi possibile solo grazie all'esistenza di software come Google Earth, e le informazioni da queste ricavabili. Si tratta di un gigantesco cambiamento non solo per le guerre tout court, ma anche per il mondo dello spionaggio.

Mentre ci inoltriamo nel 21esimo secolo, uno dei più grandi cambiamenti si verificherà nei servizi segreti, che si stanno lentamente aprendo a un maggior utilizzo di strumenti per la raccolta di informazioni open source.

Oggi molte agenzie di spionaggio stanno letalmente - molto lentamente, qualcuno potrebbe dire - andando verso un maggior inclusione nelle loro attività di dati liberamente fruibili.

L'industria del porno fa affidamento su qualcosa di difficile reperimento per attirare clienti disposti a pagare, mostrando cose che generalmente non vedresti—se oggi la moda donna non copre più le caviglie, per dire, non c'è più un interesse morboso nel guardarle o nel pagare per farlo. Aggiungiamoci poi che il fotografo o il regista deve riprendere il soggetto e riuscire a farlo diventare così eccitante che qualcuno sia disposto a sborsare soldi pur di vederlo.

Ora il modello di business è cambiato. Internet ha reso semplice trovare praticamente qualsiasi tipo di materiale pornografico online, gratis. Inoltre, poiché chiunque abbia un cellulare e una vena esibizionista può produrre e distribuire video o foto pornografiche nel giro di pochi minuti, i professionisti sono costretti a competere con dilettanti che hanno costi di produzione nulli.

Mettiamolo a confronto con l'età dell'oro del porno - gli anni '70 -, quando film come Gola Profonda venivano proiettati nei cinema e riviste come Penthouse e Hustler vendevano milioni di copie ogni mese. Certo, si possono ancora comprare i film porno o le riviste di nudo, ma non è più necessario, e i pornografi professionisti lo sanno. Ci sono certe cose per cui devi ancora pagare per poterle vedere? Senza dubbio. Ma pagheresti per qualcosa che è disponibile in grande quantità, gratis, online? Probabilmente no.

Ecco: le agenzie di spionaggio tradizionali assomigliano molto all'industria del porno di un tempo: tentano ancora di fare e vendere porno come se fossimo nel 1979, anche se gran parte di ciò che offrono si trova con facilità online, disponibile e scaricabile gratis per tutti. Per rimanere influenti, devono smettere di sprecare soldi per produrre materiale che loro o i propri clienti possono avere gratis e invece sviluppare nuovi modi per trovare, raccogliere e curare quelle informazioni.

Questo gli permetterebbe di risparmiare le poche risorse per informazioni che possono essere ottenute solo con operazioni sotto copertura, allo stesso tempo utilizzando nuovi metodi open source per analizzare a fondo dati che sono giàstati messi a disposizione—se si sa dove trovarli.

Lo scorso Luglio, Raymond Cook è stato scelto come prossimo information officer della comunità dell'intelligence americana - in breve, uno dei lavori più ambiti nel mondo dell'informatica. Una delle più grandi sfide del suo nuovo ruolo sarà quella di aiutare i servizi segreti a trovare e utilizzare nuovi strumenti che siano in grado di scovare e condensare le informazioni di spionaggio open source.

L'intelligence open source (OSINT) racchiude tutte quelle informazioni che i servizi segreti raccolgono in modo libero e non segreto. Se la stragrande maggioranza delle persone crede che l'intelligence tratti informazioni ottenute da spie che agiscono sotto copertura e dati noti a pochissimi, OSINT è l'esatto opposto. OSINT traccia post sui social media, blog, articoli di giornale, podcast e qualsiasi nota o documento pubblicato da governi stranieri. Sono dati su cui la persona media può mettere mano—l'importante è sapere dove cercare. E la comunità dell'intelligence, dopo anni in cui ha concentrato la maggior parte della propria attenzione sulle informazioni segrete, sta rivalutando l'importanza di questo tipo di ricerche dati.

Robert Cardillo, direttore della National Geospatial-Intelligence Agency (NGA), ha definito i cambiamenti all'interno della sua agenzia come uno "spostamento sismico." Eppure, lo spionaggio open source non è una cosa completamente nuova. Fonti tradizionali di OSINT includono giornali e programmi radiofonici già utilizzati durante la Seconda Guerra Mondiale per raccogliere informazioni sui nemici degli Stati Uniti. OSINT rappresentava anche una grossa parte dell'intelligence accumulata sull'Unione Sovietica durante la Guerra Fredda.

Il maggior cambiamento però sta nell'allentamento del controllo sui dati e le informazioni che costituiscono l'intelligence. Con così tanto materiale disponibile in modo aperto, infatti, il potere sulle informazioni sta nella gestione del flusso.

"Il valore aggiunto delle informazioni open source è che non sono confidenziali, e per questo possono essere pubblicate senza il lungo processo di desecretazione spesso richiesto dalle organizzazioni di spionaggio," ha detto a VICE News Eliot Higgins, conosciuto anche come Brown Moses, il fondatore di Bellingcat, un sito di risorse e news open source al servizio dei cittadini.

"Una struttura di intelligence può offrire informazioni a sostegno delle proprie affermazioni, presentando intelligence open source a corredo di ogni dichiarazione pubblica che fa," ha detto Higgins. "Più trasparenti sono, più autorità hanno."

Ma l'intelligence open source comporta anche che la comunità dei servizi segreti stia perdendo parte del suo potere. Perché se tutti possono avere accesso ai dati, allora questi non appartengono realmente piùa nessuno. E se i dati sono di proprietà di tutti, cosa rende speciale il lavoro dei servizi segreti?

"Il potere è una caratteristica sociale. Cambia col tempo," ha spiegato a VICE News Chris Rasmussen, il responsabile dello sviluppo di software open source dell'NGA. "Questo organismo non ha un monopolio perenne su alcun tipo di dato che esso produce."

Il cambiamento è già in atto, almeno tra alcune delle agenzie di servizi segreti del paese. A Marzo il direttore della CIA John Brennan ha annunciato una revisione del consiglio direttivo della sua agenzia, compresa la creazione di una Direzione Generale dell'Innovazione Digitale che supervisionerà l'intelligence digitale, tra i cui compiti è compresa la raccolta e l'analisi di informazioni open source.

"Il valore delle fonti open per il nostro lavoro non èmai stato così grande,"ha detto a VICE News Lyssa Abill, portavoce della CIA. "L'ambiente open source comprende una vasta gamma di fonti di informazione - inclusi i social media - sempre più importante per capire le azioni e le politiche degli Stati Uniti e di paesi stranieri."

Abill sostiene che la quantità e la diversità dei dati disponibili sta crescendo e che la CIA sta sviluppando "regole, standard e competenze" per assicurarsi di poter valutare oggettivamente il valore delle informazioni open source che raccoglie, con il fine di "contribuire a una prospettiva bilanciata sugli eventi del mondo."

Le informazioni open source sono state l'unica ragione per cui Higgins - e più tardi altri - sono riusciti a dimostrare con certezza che il gas sarin era stato usato dal governo siriano. E la disponibilitàdelle informazioni è stata resa possibile solo da sviluppi tecnologici abbastanza recenti - come i post sui social media e soprattutto Internet - i quali stanno spingendo OSINT in prima linea.

Higgins afferma che senza questi progressi tecnologici non sarebbe stata disponibile praticamente alcune informazione riguardo agli attacchi gas del governo siriano.

"Le informazioni provenienti dalle zone sotto attacco sarebbero state limitate ed è improbabile che qualcuno avrebbe fatto il collegamento tra le munizioni usate agli attacchi chimici precedenti e tra le munizioni e l'esercito siriano," ha aggiunto.

Ma OSINT è stato un motivo di discussione all'interno della comunità per decenni. Nel 1949, l'analista della CIA Sherman Kent commentò nel libro Strategic Intelligence for American World Policy che la nuova tecnologia stava producendo grandi quantità di informazioni che bisognava classificare.

40 anni più tardi Steele ha pregato la comunità internazionale di prestare più attenzione alle fonti aperte. Ma nel 2015 non ha ancora sfruttato appieno questa potenzialità.

"Bisogna immaginarla come la sfida perenne di ogni analista in risposta alle tecnologie che cambiano," ha detto a VICE News Dr Stephen Marrin, un ex analista della CIA.

"In termini assoluti può darsi che la quantità di dati stia crescendo, ma vale anche la capacità degli analisti di setacciare, organizzare e analizzare i dati," ha detto Marrin. "Grazie a questi aiuti tecnologici io credo che la sfida per gli analisti rimanga sempre la stessa nel tempo."

"Finché ci sarà un valore nel conoscere i segreti di qualcun altro, allora ci sarà bisogno di servizi segreti proprio perché la gente nasconderà i propri segreti dalle piattaforme che mettono i loro dati a disposizione degli altri," ha aggiunto Marrin.

In altre parole, OSINT non è magico. Non può dirti quello che la gente non pubblica. E visto che la quantità di informazioni disponibili cresce, coloro che hanno segreti reali sono un po' più cauti nel farseli scappare.

L'Intelligence Open Source, dice Marrin, non significa la morte di qualsiasi altro tipo di intelligence. È invece un'opportunità per la comunità internazionale di fare un salto di qualità per quanto riguarda la raccolta delle informazioni open source, così che possano utilizzare meglio il materiale segreto che è parte fondante del loro business.

"Ci sarà sempre bisogno di utilizzare tecniche inquietanti," ha detto Rasmussen a VICE News. "Le informazioni disponibili in modo aperto devono essere la base del processo. Da un punto di vista finanziario è la cosa giusta da fare, e finché le informazioni girano è la cosa giusta da fare e [noi] in questo modo possiamo raggiungere migliori risultati."


Segui VICE News Italia su su Twitter e su Facebook

Segui Jennifer Peters su Twitter: @EditrixJen