FYI.

This story is over 5 years old.

Cosa imparano gli uomini cinesi nei "corsi sul clitoride" contro la violenza domestica

La Cina sta lavorando alla sua prima legge contro la violenza domestica: VICE News ha partecipato a un workshop sui clitoridi che vuole combattere le obsolete convenzioni sulla virilità dell'uomo cinese.
22.10.15
Photo par Jamie Fullerton

In una stanza spoglia addobbata con alcune tende gialle, all'interno di una casa del tè di Pechino, un gruppo di 15 uomini sta cercando di individuare un clitoride. Uno di loro trova il coraggio per avvicinarsi a una raffigurazione abbastanza rozza dei genitali femminili - sembra più una versione storpiata di Pac-Mac che una vagina - su una lavagna, con una penna in mano.

"Sei abbastanza vicino!" esclama Fang Gang, il coordinatore del workshop, quando l'uomo indica un punto sul disegno. Un altro partecipante si alza per aiutarlo. "OK," dice Fang. "Ci siamo—quello è il clitoride!"

Fang prosegue il suo tour anatomico mentre gli uomini si siedono e prendono appunti. "Quanti di voi hanno leccato il clitoride della vostra compagna?" chiede. Si alzano molte mani, come in un'aula scolastica. "Quanti di voi si sono fatti fare un pompino dalla vostra partner?"

Inizia così una discussione su come instaurare dei preliminari che siano piacevoli per entrambi i componenti della coppia. Poi si fa una pausa per prendere il tè.

Foto di Jamie Fullerton

È il primo pomeriggio, ed è il secondo giorno del corso "Buon Padre, Buon Compagno" organizzato dalla China White Ribbon Volunteers Network (CWRVN). Il corso fa parte del tentativo dell'associazione di promuovere la parità di genere e di combattere le convinzioni sociali sulla mascolinità in Cina. Il masterclass sui preliminari è solo una parte del seminario. Ci sono anche corsi sul ruolo paterno, le faccende domestiche, la cura basilare del neonato, e le cause della violenza domestica.

Fang, direttore del CWRVN, sta lottando per porre fine a gravi piaghe sociali come la violenza domestica, che ritiene derivino da convenzioni obsolete sul ruolo maschile ancora dominanti in Cina. Secondo questi pregiudizi, l'uomo cinese deve essere un capofamiglia tenace e virile, che lascia alla moglie il compito di allevare i figli e occuparsi delle faccende domestiche. Fang vorrebbe invece più uomini "teneri": una definizione coniata recentemente per descrivere uomini premurosi e sensibili che credono nella parità di genere. Tutto ha inizio in questa piccola stanza con il disegno di una vagina.

"Voglio che gli uomini siano più coinvolti nella promozione della parità di genere," dice Fang. "Questo include prendersi cura dei bambini, condividere le faccende domestiche, e lottare contro la discriminazione sul lavoro. In passato, il nostro sforzo si è incentrato sulle persone che avevano commesso violenze domestiche e sulle loro vittime; ora vogliamo fare un passo indietro e rivolgerci alle persone normali, chiedendogli cosa dovremmo fare per evitare innanzitutto che gli uomini siano violenti."

Il tono del corso di oggi, a cui hanno partecipato principalmente membri del CWRVN desiderosi di diffondere il messaggio in Cina, è gioviale. Ma l'obiettivo di fondo, la lotta contro la violenza domestica, permea i temi trattati dal corso.

Il tempismo dell'iniziativa è lampante—il Comitato Permanente dell'Assemblea Nazionale del Popolo sta attualmente lavorando su quella che potrebbe essere la prima legge in Cina dedicata alla violenza sulle donne. Diversi sondaggi suggeriscono che tra il 25 e il 40 per cento delle donne cinesi siano state vittime di violenza domestica, ma molti pensano che il numero reale sia più alto. Fang ritiene che sia probabilmente intorno al 50 per cento.

Foto di Jamie Fullerton

Uno dei motivi per cui la violenza domestica è così diffusa in Cina è l'accettazione generale di questo tipo di reato. Quest'ipotesi è supportata dalle confessioni di uno dei partecipanti del corso. Davanti ai suoi compagni e a un gruppo di giornaliste del posto, ha parlato apertamente di come era solito picchiare pesantemente la sua compagna incinta.

"Le davo calci quando era sul letto," spiega. "Non riesco nemmeno a ricordare perché lo facessi. Diceva che si sarebbe rivolta a un'associazione di donne per chiedere aiuto, ma a me non importava. Poi ho chiamato un numero verde della White Ribbon e ho parlato con un consulente. Mi ha spiegato che lo facevo perché non avevo ricevuto abbastanza amore e attenzione quando ero bambino. Mio padre mi picchiava."

Quest'uomo, forse spinto dal rimorso, è diventato un membro attivo del CWRVN dopo aver capito la gravità delle sue azioni. Non sono molti gli uomini cinesi che provano a redimersi così velocemente. "Gran parte degli uomini sono maschilisti," ha detto Fang, forse ingiustamente. "Sono esattamente queste le persone che hanno bisogno di maggiore attenzione. Ma è difficile—non abbiamo le forze per farlo."

Fang sa che è irrealistico aspettarsi che gli uomini violenti, o anche solo quelli leggermente misogini, decidano improvvisamente di sborsare dei soldi e iscriversi a uno dei suoi corsi.

Invece, avendo invitato molti giornalisti cinesi ai suoi seminari, spera che la stampa possa diffondere il suo messaggio. "A causa di radicati fattori storici e culturali, ci vorrà del tempo per cambiare la nostra società," ha detto. "Ma vogliamo farlo passo dopo passo. Da poche gocce può nascere un oceano."

Fang ritiene che la promozione degli ideali anti-violenza sia una questione molto importante, ma ci tiene a parlare anche di altre caratteristiche dell' "uomo tenero." Più tardi nel pomeriggio, esorta i partecipanti del corso a chiedersi se sono pronti a diventare padri. Poco dopo, distribuisce delle bambole di plastica e chiede al gruppo di fare pratica con dei pannolini fatti con la carta di giornale.

Foto di Jamie Fullerton

Ma è questo il tipo di uomo che vogliono le donne cinesi? Davvero la virilità tradizionale deve essere attivamente contrastata? Fang pensa di si. "Tutto quello che facciamo contrasta la virilità," ha detto. "Quando pubblicizziamo il corso online, riceviamo dei commenti da donne che elogiano [quello che facciamo], dicono che sposerebbero un uomo che smette di essere virile. Ma devo ammettere che alcuni uomini hanno commentato dicendo che gli stiamo insegnando a diventare schiavi delle donne."

Il corso ha soddisfatto il 24enne Han Yang. Un ragazzo pacato, occhialuto e dall'aspetto amichevole, che ha pagato 2.000 yuan (circa 280 euro) e ha viaggiato dalla provincia di Hebei fino a Pechino per frequentare il corso. "I miei genitori litigavano spesso e non erano felici, quindi temevo che sarei finito come loro se non avessi imparato a comportarmi diversamente," ha detto Han quando gli è stato chiesto perché si era iscritto. "Devo imparare a gestire le mie emozioni."

Han è single. Teme che le donne della sua età non apprezzino la sua inclinazione premurosa e sensibile? La competizione per trovare una compagna in Cina sta diventando sempre più feroce. Secondo uno studio recente, entro il 2020 in Cina gli uomini saranno 24 milioni in più rispetto alle donne.

Hang ha alzato le spalle. "Se una ragazza vuole una persona più virile, può andarsela a cercare," ha detto. "Io non sono così. A me interessa solo essere felice e a mio agio."

Foto di Jamie Fullerton

Rao Xiutao è un insegnante di scuola media della città in Huainan, nella provincia di Anhui. Crede che il messaggio di Fang si diffonderà anche al di fuori delle quattro mura della sala da tè. È un volontario del CWRVN e vuole organizzare dei corsi nella sua città, ispirato dal seminario di oggi. Ha contattato il CWRVN perché il suo matrimonio era in crisi. Uno dei suoi problemi maggiori è che essendo un insegnante, è abituato a parlare ad alta voce in classe, quindi senza accorgersene alza la voce anche con la moglie.

"Il corso è una testimonianza di progresso sociale," ha detto, riferendosi alla legge sulla violenza domestica che è in via di approvazione. "Ma questo è solo l'inizio. La nuova legge sta arrivando, è importante fare sensibilizzazione. Abbiamo molta strada da fare, ed è difficile far cambiare idea alle persone in poco tempo. Ma una singola scintilla può dar vita a un incendio."

Verso le 6 di sera, Fang termina la lezione e tutti si dirigono verso il buffet della casa del tè. Probabilmente, col tempo, la lezione morale che viene impartita qui si espanderà attraverso la Cina e porterà alcuni uomini a riflettere sulle loro relazioni e a cambiare i propri atteggiamenti. Fang è ottimista, e spera che il governo venga a conoscenza del suo lavoro e aiuti a finanziarlo. Forse i suoi sforzi coincideranno con l'introduzione della legge contro la violenza domestica e la situazione inizierà davvero a cambiare.

C'è bisogno di una grande trasformazione. Ma già da ora, 15 donne si godranno le maggiori attenzioni dedicate dai compagni al loro clitoride.

Segui VICE News Italia su Twitter e su Facebook __Segui Jamie Fullerton su Twitter: @jamiefullerton1 __Ha contribuito Cissy Young.