Tech by VICE

Mi sono perso in un podcast 'infinito' generato da un'intelligenza artificiale

Benvenuti a Sheldon County, dove la vita di ogni personaggio è una simulazione unica.

di Mack DeGeurin
07 marzo 2018, 11:22am

Immagine: Flickr/anokarina 

È la notte del 30 settembre 1840. Un uomo dalla pelle chiara, lunghi capelli biondi e occhi scuri giace in un letto di fortuna in un accampamento lontano. Una voce artificiale femminile mi racconta che quest'uomo non ha né genitori, né amici, né nemici. Il suo nome è Jonathan Patience ed è il personaggio di finzione generato a computer numero 1,515,459,035, residente a Sheldon County. Ascolto la descrizione della vita di Jonathan su un podcast chiamato Sheldon County. A crearlo e presentarlo è un'intelligenza artificiale di nome SHELDON.

SHELDON è stata creata all'Università della California di Santa Cruz, dal PhD James Ryan, come parte del suo progetto di tesi. Passa al vaglio le vite di una serie di personaggi che vivono all'interno di contee americane generate in modo procedurale e crea trame sulla base delle loro esperienze. I personaggi in queste contee vivono e prendono decisioni per conto proprio. Interagiscono uno con l'altro e posseggono sistemi di valori e obiettivi unici. SHELDON trasforma queste storie in un podcast di racconti che ricorda un po' Twin Peaks, chiamato Sheldon County.

Prima o poi, Ryan spera di creare un podcast singolo per ascoltatore, di modo che ognuno possa ascoltare le storie di una diversa Sheldon County.

"Uno dei miei obiettivi principali è dimostrare che i media generativi — con trame procedurali, testi generati e voci artificiali — possono conquistarti," mi ha detto Ryan via email. "Sarei molto emozionato se Sheldon County spingesse altri designer a integrare sistemi generativi nelle loro opere."

LEGGI DI PIÙ:
Il Manifesto per una Musica Algoritmica Espressiva
Secondo i computer esistono 6 tipi di trame possibili
Questa intelligenza artificiale suona in una band e vive in una piastra di Petri

SHELDON funziona in parallelo con un altro progetto di Ryan, chiamato Hennepin, il cui compito è creare le contee simulate e i loro abitanti. Ryan dice che il nome SHELDON è un omaggio a Sheldon Klein — un pioniere dell'intelligenza artificiale espressiva.

Ogni contea simulata presenta propri personaggi generati dalla IA, ognuno con la propria storia. Quando ascolti il tuo primo podcast, SHELDON ti assegna una contea. Gli episodi seguenti descrivono le vite e le azioni degli abitanti di quella contea specifica.

"Quando SHELDON scrive un episodio, il contenuto selezionato per quella puntata può suggerire idee per una successiva," mi ha detto Ryan in una email. "Per esempio, se c'è un personaggio marginale nell'episodio corrente, il fatto stesso che ne abbia scritto può portare SHELDON a considerare la possibilità di parlarne ancora in una puntata futura, dedicata ai retroscena di quel personaggio."

Non è la prima volta che Ryan crea mondi narrativi generati con un software. Nel 2014 è entrato nell'Expressive Intelligence Studio alla UC Santa Cruz, che utilizza tecnologie di intelligenza artificiale nei media espressivi. Ryan ha detto che Sheldon County è costruito sui suoi lavori precedenti, World e Talk of the Town. World era una simulazione che seguiva le vite di piccoli agenti astratti su un arcipelago di isole. Talk to the Town era simile, ma sostituiva l'arcipelago con le contee americane.

Il 22 febbraio, Ryan ha pubblicato una versione pilota di Sheldon County su Soundcloud.

"Questa è la tua Sheldon County," mi ha detto la voce artificiale del podcast. "È tua e solo tua. È un universo accessibile solo a te. Nessuno è mai stato qui prima e nessuno lo farà mai."

Per quanto la versione pilota su Soundcloud sia uguale per tutti, Ryan mi ha detto di voler fare in modo che il progetto finale sia personale. L'idea, ha spiegato Ryan, è che agli ascoltatori viene assegnata una contea in modo randomico. Successivamente, tutti i file audio per quella specifica contea vengono generati e caricati su un RSS dedicato.

Idealmente, ha detto Ryan, gli ascoltatori riceverebbero una email con le istruzioni su come trovare la loro serie personale su piattaforme comuni come l'iTunes Store.

Ryan mi ha detto come possono variare le esperienze di ogni giocatore in conseguenza al meccanismo di feedback alimentato dalle azioni dei personaggi.

"I personaggi potrebbero decidere di dare inizio a una sorta di cittadina utopica costruita su ideali comuni," ha detto Ryan. "Per cui, per esempio, potrebbe esserci un gruppo di personaggi che crede fermamente nella legge, nell'ordine e nello stoicismo e che disprezza la baldoria, e fonderebbero una città su questi principi. I personaggi nella simulazione fanno riunioni e comizi, dove possono proporre nuove leggi e votarle; se la legislazione passa, può condizionare il modo in cui la vita è simulata in quella cittadina."

Ryan mi ha permesso di ascoltare il seguito dell'episodio pilota, intitolato "The good stuff." Fin dai primi secondi, l'atmosfera e il tono erano differenti. Mentre il primo episodio si dipanava leggero, con un senso di meraviglia, il secondo iniziava con una musica cupa e la voce distorta di un bambino. La trama, tanto poetica quanto criptica, seguiva la vita del cittadino di Sheldon County Charlie Dobes.

Ascoltare la traccia sapendo che l'intera creazione è stata generata automaticamente da un software, mette davvero i brividi.

Ryan completerà la tesi quest'estate e ha intenzione di pubblicare una versione beta del podcast per gli ascoltatori all'inizio del 2019. Fino a quel momento, Ryan ha detto che continuerà a pubblicare podcast campione su SoundCloud e Twitter.

Questo articolo è apparso originariamente su Motherboard US.