Un ragazzo in Giappone ha riprodotto il gusto della Coca Cola con una bevanda artigianale

Kobayashi Cola ha viaggiato per il mondo alla ricerca dei segreti della Coca Cola. Oggi gira per Tokyo su un furgoncino e riproduce il gusto della bevanda in maniera sana e nutriente.
18.10.18
Coca cola giapponese iyoshicola
Foto di Iyoshicola via sito web

Io sinceramente non mi sono mai chiesto da cosa è composta la Coca Cola. Anche perché mi fa abbastanza schifo e non la bevo dai tempi delle medie, a meno che non lo si voglia considerare come uno dei due ingredienti chiave del Cuba Libre. Però, dobbiamo ammetterlo, il suo inconfondibile gusto ha conquistato bambini, adolescenti e adulti di ogni angolo del mondo, superando tutti i confini conosciuti, e da qualche tempo è diventato anche la maniacale missione di Kobayashi Cola, un ragazzo giapponese che ha girato il mondo per scoprirne i segreti e riprodurli in un mix naturale e nutriente. Perciò se siete flippati di Coca Cola e siete di passaggio a Tokyo, non vi resta che rintracciare il furgoncino di Kobayashi e assaggiare la sua prodigiosa miscela.

Tutto merito del nonno di Kobayashi, Ryotaro Ito, professionista della medicina olistica cinese, fondatore, nel 1954, di un’attività commerciale d’erbe medicinali, e, a sua insaputa, fonte d’ispirazione per la pazzesca idea del nipote, sfegatato della bevanda americana. Un Grand Tour del gusto alla ricerca di spezie, aromi, sapori e segreti, che alla fine lo ha riportato a casa e alla fondazione della Iyoshi Cola, la sua personalissima creatura dedicata al nonno. Kawasemi, il simbolo del logo, più noto come king fisher, è un uccello che salta in acqua per catturare i pesci, metafora della rottura con le regole dell’industria.

Solitamente il food truck di Iyoshi Cola si attiva nel weekend e staziona al Farmer’s market, di fronte all’edificio delle Nazioni Unite. Il miscuglio costa 500 yen (quasi 4 euro), viene offerto in una busta di plastica trasparente e va miscelato bene con la cannuccia prima di ogni sorso; il colore è più chiaro, più nitido rispetto alla Coca o alla Pepsi, il gusto è più ricco e profondo, con una sensazione finale di speziato, secondo quanto racconta l’articolo di Japan Today.

iyoshi cola giappone

Foto di Iyoshicola via sito web

A quanto pare il giornalista Tasuku Egawa è il primo ad essersene innamorato e ad averne parlato su SoraNews24, ma la ricetta rimane assolutamente segreta, bilanciata a mestiere sul rapporto acidità-speziato, giocato sul succo di agrumi nipponici, tipo lo yuzu, e più di dieci tipologie di spezie. Obbligatoria la noce della cola, seguita da cardamomo, noce moscata e altri aromi misteriosi.

In attesa di sapere se la nuova alchimia riuscirà a battere il record di vendite miliardarie dell’originale, spero presto di volare a Tokyo per testarla con Kobayashi per il lancio di un craft Cuba.

Segui Raul su Instagram

Segui MUNCHIES su Facebook e Instagram

Vuoi restare sempre aggiornato sulle cose più belle pubblicate da MUNCHIES e gli altri canali di VICE? Iscriviti alla nostra newsletter settimanale.