Pubblicità
polizia

Un poliziotto ha sgomberato degli studenti a Pisa credendo di essere Robocop

Un video pubblicato su Facebook mostra un agente che tira fuori la sua pistola durante un'operazione di sgombero all'università di Pisa.

di Leonardo Bianchi
23 ottobre 2015, 7:20am

Grab via Facebook

Nel pomeriggio del 22 ottobre 2015, a Pisa, un poliziotto ha estratto la pistola durante un'irruzione delle forze nell'ordine all'interno del polo universitario "ex Gea."

È quanto si può vedere chiaramente da un video pubblicato su Facebook. Nello stesso video si sente l'agente - che risulta essere un dirigente della Digos - intimare ai ragazzi: "Mettetevi tutti là, forza."

Il polo - un edificio da tempo sottoutilizzato e che l'Università sta cercando di vendere - era stato occupato il 20 ottobre a seguito di un'assemblea di ateneo. La decisione si inseriva all'interno di diverse iniziative di protesta contro la nuova riforma dell'Isee (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) che, denunciano gli universitari, solamente a Pisa "ha eroso oltre 2mila borse di studio e costringerà molti borsisti ad abbandonare gli alloggi nelle residenze universitarie."

Quando sono entrati dentro l'ex Gea, gli studenti hanno scoperto che lo scantinato era completamente allagato, e che il magazzino era zeppo di libri nuovi e abbandonati, la cui provenienza non è ancora stata chiarita del tutto. Una parte di essi sarebbe della Pisa University Press, di proprietà dell'ateneo.

Proprio ieri gli studenti avevano convocato una conferenza stampa per chiedere all'Università, appunto, di prendere una posizione pubblica su provenienza e proprietà dei libri.

Leggi anche: Il dj arrestato in Italia che comanda una delle gang più pericolose della Colombia

(Il magazzino all'interno dell'ex Gea. Foto via Facebook.)

Alle cinque e mezza, però, all'interno del polo è arrivato uno spiegamento di forze dell'ordine.

"Ci trovavamo in 30-40 all'interno dell'ex Gea e stavamo allestendo una mostra di illustratori indipendenti," racconta a VICE News Carla, una studentessa che fa parte del network contro l'Isee e che si trovava sul posto. "Poi abbiamo le sentito le sirene. Il polo ha un piazzale interno, a cui si può accere in macchina. Sono arrivate un paio di volanti e due o tre blindati. Dalle auto sono usciti poliziotti e funzionari della Digos. Uno di questi aveva la pistola in mano, rivolta verso il basso, quando è sceso dalla macchina."

L'agente, aggiunge la studentessa, "sembrava proprio entrato nella parte del detective americano."

Non sorprendentemente, un gesto tale ha provocato "un attimo di panico, anche perché c'era tanta gente che non aveva un'esperienza 'militante.'" Inoltre, la situazione non sembrava per nulla tesa. "Molti erano intenti a scaricare o spostare cose, i più si aggiravano per il piazzale. Ci hanno urlato 'Nessuno si muova!', in stile da film poliziesco, poi ci hanno accerchiati e chiesto documenti e cellulari."

L'intento delle forze dell'ordine era di portare tutti in questura. "Abbiamo tergiversato," dice ancora Carla, "e siamo rimasti accerchiati per mezz'ora." Nel frattempo un avvocato si recava sul luogo, e la voce di quanto stava accadendo all'ex Gea aveva cominciato a diffondersi. Dalle facoltà nei pressi del polo sono così arrivate centinaia di persone e non sono mancati brevi momenti di tensione.

(Polizia e studenti all'interno dell'ex Gea. Foto via Facebook.)

Stando alla versione delle forze dell'ordine si sarebbe trattata di un'operazione di polizia giudiziaria per "stroncare un'attività di furto." Il riferimento è alla circostanza che alcuni studenti avrebbero "prelevato" i libri abbandonati nel magazzino.

"Durante l'occupazione moltissima gente è venuta a vedere la 'biblioteca abusiva'," spiega Carla. "Ma in quel posto si entrava spingendo una porta, senza troppi problemi e in qualunque momento."

Al termine delle operazioni, ha detto l'avvocato Tiziano Ceccholi al Tirreno, "non ci sono stati fermi ma solo procedure di identificazione, anche se con modalità diverse." Secondo le cronache, una quarantina di studenti sarebbero stati denunciati per "furto in flagranza di reato." L'edificio, invece, sarà messo sotto sequestro giudiziario.

Verso sera, un corteo spontaneo ha attraversato il centro della città. Di fronte al rettorato, gli studenti hanno chiesto le dimissioni di rettore, questore e sindaco.

Al termine della manifestazione è stato deciso di occupare la facoltà di lettere a Palazzo Ricci, dove si è tenuta un'assemblea per decidere le prossime mobilitazioni.

"Per una città come Pisa," conclude la studentessa, "è stata veramente una cosa senza precedenti."

Leggi anche: Cosa sta succedendo a Bologna, la nuova capitale degli sgomberi

Segui VICE News Italia su Twitter e su Facebook
Segui Leonardo Bianchi su Twitter: @captblicero