Pubblicità
Stuff

La ventenne olandese vittima di violenze sessuali a cui è stato concesso di morire

Nei Paesi Bassi ha fatto molto discutere il caso di una ragazza che, dopo essere stata per anni vittima di violenze sessuali, è stata giudicata incurabile dai medici e quindi autorizzata al suicidio assistito.

di Diana Tourjée
12 maggio 2016, 9:09am

Foto di Tommaso Tuzj. Questo articolo è tratto da Broadly.

A una ragazza olandese è stata concessa l'eutanasia con una puntura letale dopo che i dottori hanno determinato che i sintomi post traumatici di cui soffriva—frutto di violenze sessuali subite durante l'infanzia—erano "insostenibili".

"Non aveva alcuna prospettiva o speranza," avrebbe dichiarato il suo psichiatra. Secondo Metro UK, i sintomi della paziente includevano una grave forma di anoressia, depressione cronica, allucinazioni e complessi che di fatto la costringevano a letto.

Mentre il Daily Mail e altre fonti hanno riportato che la paziente era stata ritenuta da diversi psichiatri "completamente in grado" di scegliere di porre fine alla propria vita, la sua eutanasia è stata guardata con sospetto, come in generale per la politica dei Paesi Bassi nei confronti del fine vita. "Manda un po' il messaggio secondo cui se sei vittima di violenze, e questo comporta problemi mentali, per punizione ti aspetta la morte—come se la punizione per il crimine di essere una vittima fosse la morte," ha commentato un politico britannico.

"Non direi mai che, nel lungo periodo, una persona sia assolutamente incurabile," ci ha spiegato la dottoressa Yael Margolin-Rice, consulente specializzata nei traumi sessuali. "Di certo i sintomi possono essere assolutamente intollerabili, e la miseria che il trauma causa può essere insondabile per chiunque non l'abbia provata."

Nonostante ciò, con anni di terapia "le persone guariscono," dice. Molti dei suoi pazienti si sentivano privi di ogni speranza, ma sono riusciti a riprendersi, anche se non è un obiettivo che può essere raggiunto in poco tempo. "Devo ribadire: questo processo può impiegare vent'anni di terapia."

Anche se diverse fonti hanno riportato che la paziente era stata ritenuta "incurabile", secondo Margolin-Rice, l'idea di essere "curati"—o non curati—da un disturbo psicologico radicato nel tempo è sbagliata. "La connessione tra la mente e il corpo non funziona così," dice. "Le persone guariscono. Con un lavoro accurato, attento, paziente... guariscono." Margolin-Rice ha poi spiegato che c'è una distinzione importante tra un problema "incurabile" e uno che causa al paziente dolore emotivo intollerabile.

Tra i tanti aspetti tragici di questa storia, c'è la giovane età della paziente. A quanto riportato, la ragazza è stata stuprata da quando aveva cinque anni a quando ne aveva 15, e per le persone che vivono un trauma in un'età così giovane, dice Margolin-Rice, le conseguenze possono essere addirittura peggiori di chi lo vive da più adulto. I traumi infantili "impediscono il normale processo di sviluppo," continua Margolin-Rice, spiegando che la violenza può ritardare o impedire il "normale" processo di crescita mentale ed emotivo. Le persone più grandi che subiscono un trauma "presentano i sintomi, ma i sintomi sono inseriti nel contesto di una persona che ha avuto un processo di crescita normale, e probabilmente possono contare sull'aiuto di un sistema di supporto interno ed esterno—cosa che non possono fare le persone che subiscono il trauma da molto piccole," dice Margolin-Rice.

Inoltre, il trattamento ideale per chi ha subito un trauma dipende dalla relazione che costruisce nel tempo con il terapista, spiega Margolin-Rice. "Il fattore che più aiuta la guarigione, è di fatto la qualità del rapporto tra il paziente e il medico." Nonostante questo, può essere incredibilmente difficile associare un paziente al terapista giusto. "Alcune persone ci impiegano anni," aggiunge Margolin-Rice.

Margolin-Rice si è anche detta in disaccordo sull'utilizzo dell'eutanasia per le vittime di violenza sessuale che soffrono di disturbi scaturiti dal trauma. "Non farei questo lavoro se non credessi che c'è sempre speranza," conclude.

Segui la nuova pagina Facebook di VICE Italia:

Tagged:
stupro
Vice Blog
curaj
eutanasia
abuso sessuale
trattamento