Foto

Foto delle notti crude di Tokyo negli anni '70 e '80

"Dopo l'ultima corsa spariscono tutti: gli impiegati, le impiegate, gli studenti e i dipendenti di ristoranti e bar. Tokyo si svuota, ed emerge l'altro volto della città."

di Masotoshi Naito
17 ottobre 2016, 3:30am

All photos by Masatoshi Naito, courtesy of Super Labo

Tutte le foto di Masatoshi Naito, per gentile concessione di

Super Labo

Masatoshi Naito è un fotografo giapponese che dagli anni Sessanta espone in tutto il mondo, dal MoMa al Barbican. Anche se è famoso soprattutto per il suo progetto sull'ascetismo, i rituali e il folklore della regione montuosa di Tohoku (Ba Ba Bakuhatsu), la sua street photograohy degli anni Settanta e Ottanta in Giappone accende i riflettori su tutt'altro tipo di scena.

Pubblicato nel 1985 e riedito quest'anno per Super Labo, Tokyo: A Vision of Its Other Side ritrae i senzatetto, le prostitute e gli alcolizzati che si incontravano nelle strade di Tokyo, quella fetta di popolazione che "abita le aree più buie e profonde della città."

Masatoshi Naito descrive così il suo libro:

Tra il 1970 e il 1985 mi sono concentrato su Tokyo. Il Giappone stava cambiando, in parallelo con l'intensa crescita economica. I vecchi edifici venivano abbattuti e sostituiti da nuove costruzioni, grattacieli inclusi. Tokyo è tuttora in espansione.

Oggi la gente arriva a fiotti e dal mattino alla sera affolla le strade cittadine. Dal primo all'ultimo treno, è sempre così—la linea Yamanote, la Chuo, linee sotterranee e di superficie. Dopo l'ultima corsa, però, spariscono tutti: gli impiegati, le impiegate, gli studenti e i dipendenti di ristoranti e bar. Tokyo si svuota, ed emerge l'altro volto della città.

Tokyo: A Vision of Its Other Side è edito da Super Labo. Può essere acquistato anche su Printed Matter. Qui sotto, altre foto.

Segui la nuova pagina Facebook di VICE Italia: