Quantcast
Forse anche Gandhi non era questo gran santo

L'immagine di Gandhi è stata costruita con una tale attenzione che è facile dimenticarsi che la sua retorica si reggeva sul razzismo e sul disprezzo per la sessualità femminile.

Nell'agosto del 2012, appena prima del 65esimo anniversario dell'indipendenza dell'Inda, la rivista Outlook India ha pubblicato il risultato di un sondaggio condotto tra i propri lettori, che erano chiamati a esprimersi su chi, dopo il Mahatma, sia stato l'indiano più grande. Il Mahatma era, ovviamente, Mohandas Karamchand Gandhi.

Non sorprende che Outlook abbia dato per scontato il suo primato. Gandhi è il barometro indiscusso della grandezza indiana, se non della grandezza in generale. Chi potrebbe criticare Gandhi? Tutti lo conosciamo come l'ometto debole e malnutrito dalla morale pura e pia. Il padre della resistenza non violenta in India, paese che ha aiutato a liberarsi dalle catene del potere imperialista britannico. Ha combattuto in prima fila finché un fanatico indù lo ha ucciso, rendendolo di fatto un martire.

Mio nonno è stato in prigione con Gandhi nel 1933, per questo sono cresciuto con la consapevolezza che il mito era alimentato da alcune mezze verità, e i miei genitori mi hanno trasmesso un'idea di Gandhi a metà tra l'elogio e la dura critica. Non abbiamo mai creduto che avesse orchestrato da solo il movimento per l'indipendenza dell'India. Nei decenni successivi al suo assassinio nel 1948, l'immagine di Gandhi è stata ripulita dagli aspetti contestabili e ricostruita a tavolino, di modo che è facile dimenticarsi che la sua retorica si reggeva sul razzismo, sull'odio per la sessualità delle donne, e sul rifiuto di sostenere la liberazione dei Dalit, ovvero degli "intoccabili".

Gandhi ha vissuto per più di due decenni, dal 1893 al 1914, in Sudafrica, dove combatteva per i diritti degli indiani—e solo degli indiani. Per lui, come ha ammesso piuttosto candidamente, i neri sudafricani erano a malapena umani. Si riferiva a loro usando il termine slang denigratorio sudafricano kaffir. Si lamentava del fatto che gli indiani fossero considerati "leggermente meglio, al massimo, dei selvaggi o dei nativi africani." Nel 1903 ha dichiarato che "la razza bianca in Sudafrica dovrebbe essere la razza predominante." Dopo essere stato incarcerato nel 1908, ha avuto da ridire sul fatto che gli indiani fossero considerati insieme ai prigionieri neri—non ai bianchi. Questi aspetti del pensiero di Gandhi sono stati riportati al centro dell'attenzione da alcuni autori sudafricani, per esempio in questo libro, ma non sono mai riusciti a scalfire la visione dominante.

In quello stesso periodo, Gandhi ha cominciato a manifestare una forte misoginia. Una volta due sue seguaci sono state molestate da un ragazzo davanti a lui, e Gandhi per tutta risposta ha costretto le due donne a tagliarsi i capelli, per assicurarsi che non attirassero più l'attenzione. (Michael Connellan sul Guardian ha spiegato che Gandhi riteneva che le donne perdessero la propria umanità nel momento in cui un uomo le stuprava.) Era convinto che gli uomini non potessero controllare i loro impulsi più bassi, ma che le responsabili di questi impulsi fossero le donne—a loro volta completamente in balia delle proprie voglie. Rita Banerji, nel suo libro Sex and Power, sostiene che Gandhi considerasse le mestruazioni come "la manifestazione dell'assoggettamento dell'animo femminile alla sua sessualità." Credeva anche che l'uso di contraccettivi fosse segno di facili costumi.

Ha affrontato direttamente il tema della libido facendo voto di castità (senza parlarne prima con la moglie), e usando le donne—incluse alcune ragazze minorenni, come la nipote—per mettere alla prova il suo autocontrollo. Dormiva nudo accanto a loro per dimostrare a se stesso di non provare eccitazione.

Kasturba, la moglie di Gandhi, era la sua vittima più frequente. "Non sopporto di guardare in faccia Ba," ha detto una volta Gandhi. "Spesso la sua espressione è quella di una vacca docile, e come spesso accade con le vacche, ti dà la sensazione che in qualche modo stupido stia cercando di dire qualcosa." Gli apologeti ovviamente diranno che nell'induismo le vacche sono sacre—e Gandhi paragonando la moglie a una vacca le avrebbe fatto un complimento. Ma quando Kasturba ha preso la polmonite Gandhi le ha negato la penicillina, nonostante i dottori sostenessero che l'avrebbe curata; ha insistito dicendo che la nuova medicina era una sostanza aliena al corpo che la moglie non avrebbe dovuto prendere. La malattia l'ha uccisa nel 1944. Solo un anno dopo, forse cosciente del grave errore commesso, Gandhi ha preso del chinino per curarsi la malaria. È sopravvissuto.

In Occidente Gandhi è considerato colui che ha lottato per l'annientamento della casta. Eppure per Gandhi l'emancipazione dei Dalit non era nemmeno da prendere realmente in considerazione. I Dalit continuano ancora oggi a soffrire per le dirette conseguenze dei pregiudizi radicati nel tessuto culturale dell'India.

La storia, come ha scritto Arundhati Roy in "The Doctor and the Saint", è stata incredibilmente benevola con Gandhi. Consideriamo i suoi pregiudizi semplici imperfezioni, piccole macchie in una figura altrimenti cristallina. Gli apologeti insisteranno nel sostenere che Gandhi era imperfetto e umano. Magari trasformeranno i suoi pregiudizi in qualcosa di positivo, per dimostrare che era come noi. Oppure insisteranno su un altro aspetto: puntare l'attenzione sui pregiudizi di Gandhi è segno del fascino malato di una certa parte di mondo per i problemi dell'India, come se gli scrittori occidentali volessero per forza minare la credibilità del Paese.

I lati oscuri di Gandhi qui evidenziati persistono nella società indiana di oggi—il forte razzismo, il comune disprezzo per il corpo femminile, la miopia sulle condizioni dei Dalit. Non è una coincidenza che questi aspetti della retorica di Gandhi siano stati eliminati dalla sua eredità.

Ma la definizione "l'indiano più grande di tutti i tempi" è un fardello colossale per chiunque—soprattutto perché in India vive più di un miliardo di persone. E allora è più facile idolatrare un uomo che non è mai esistito per davvero.