Barrier Reef Floating Resort hotel galleggiante corea del nord
Il Barrier Reef Floating Resort in tutta la sua gloria, negli anni Ottanta. Foto Peter Charlesworth / LightRocket via Getty Images.
Corea del Nord

La strana storia dell’unico hotel galleggiante al mondo, diventato una nave fantasma in Corea del Nord

Era nato come hotel di lusso sulla barriera corallina al largo dell'Australia—oggi giace 6.500 chilometri più a nord, abbandonato.
13.10.21

Al largo di una piccola città turistica e portuale sulla costa orientale della Corea del Nord, a soli 18 chilometri dalla zona demilitarizzata al confine con la Corea del Sud, si trova un’enorme nave derelitta, un tempo nota come il Barrier Reef Floating Resort.

Pubblicità

Alla fine degli anni Ottanta, questa struttura a sette piani—munita di 200 stanze, un nightclub, una pista di atterraggio per elicotteri e un campo da tennis—era pubblicizzata come il primo hotel galleggiante del mondo, che offriva ai suoi ospiti la possibilità di passare numerose notti nel comfort assoluto tra le onde della Grande Barriera Corallina, a 60 chilometri circa dalla costa nord-orientale dell’Australia.

Ora giace in stato di abbandono 6.500 chilometri più a nord: un relitto da 12.000 tonnellate che è stato rimorchiato dall’Australia alla Corea del Nord, dove ha passato gli ultimi dieci anni. Kim Jong Un l’ha dichiarata “fatiscente” qualche anno fa e ha ordinato che fosse rimossa. Eppure, tante persone considerano l’hotel galleggiante un patrimonio importante e ne conservano ricordi preziosi: prima come luogo di feste di lusso, poi come decadente attrazione turistica, e infine come improbabile simbolo delle relazioni diplomatiche tra le due Coree.

hotel galleggiante corea del nord grande barriera corallina

La nave da 12.000 tonnellate si trova ora nella regione turistica di Kŭmgangsan, in Corea del Nord. Immagine per gentile concessione di Hyundai Asan

Col sommarsi delle difficoltà legate alle tensioni nucleari internazionali e alla pandemia globale, il futuro dell’hotel galleggiante non è mai stato così incerto.

“Ricordo tanti giorni meravigliosi a bordo dell’hotel,” racconta in un’intervista di ABC del 2018 Belinda O’Connor, che guidava le imbarcazioni per il trasporto ospiti durante gli anni di gloria del Barrier Reef Floating Resort al largo dell’Australia. “Gite di pesca, feste del personale, immersioni subacquee sotto l’hotel, pizze d’asporto recapitate in elicottero… era incredibile.”

hotel galleggiante corea del nord grande barriera corallina

Foto di Peter Charlesworth / LightRocket via Getty Images

“Era piuttosto sorprendente vedere un hotel galleggiare sulla barriera corallina, con quell’acqua azzurra tutto intorno,” concorda Peter Tarca, il cui padre ha progettato la struttura. “Da lontano, sembrava una nave come le altre. Ma man mano che ti avvicinavi, era chiaro che avevi davanti una struttura di tutt’altro tipo.”

Il Barrier Reef Floating Resort è stato inaugurato nel 1988, ma è stato assediato per diversi anni dal maltempo e colpito più volte da cicloni. Il numero di visitatori ha iniziato a calare—ed entro la fine del 1989, l’hotel galleggiante era stato trascinato a più di 5.000 chilometri verso nord-ovest, fino al luogo che è diventato a quel punto la sua seconda casa, sul fiume Saigon a Ho Chi Minh City, in Vietnam. Ribattezzato il Saigon Floating Hotel—o “The Floater,” per la gente del posto—la struttura unica nel suo genere ha cavalcato l’onda del boom turistico del dopo guerra in Vietnam, diventando una meta di soggiorno popolare finché, alla fine, si è scontrato con nuove difficoltà economiche ed è stato venduto a un nuovo acquirente.

All’arrivo del nuovo millennio, durante un periodo di relativa pace e riconciliazione tra le due Coree, l’hotel galleggiante è stato ricollocato nel luogo dove riposa tuttora, nella regione turistica di Kŭmgangsan, a 210 chilometri da Pyongyang.

hotel galleggiante corea del nord grande barriera corallina

Immagine per gentile concessione di Hyundai Asan

hotel galleggiante corea del nord grande barriera corallina

Rara immagine dell'interno dell'hotel. La nave sembra in perfette condizioni, ma queste foto sono state scattate diversi anni fa. Immagine per gentile concessione di Hyundai Asan

“A quanto pare è stato trasferito in Corea del Nord in un momento della storia delle due Coree di riconciliazione e disgelo dei rapporti,” ha detto ad ABC Robert De Jong, del Museo Marittimo di Townsville. “Si pensava che l’hotel avrebbe potuto attirare turisti in Corea del Nord.”

L’hotel galleggiante è diventato un elemento iconico nel panorama di Kŭmgangsan, i cui resort turistici sono stati sviluppati negli anni Novanta da un’azienda della Corea del Sud, la Hyundai Asan, che gestiva già i tour nella zona. Ribattezzata Hotel Haegumgang, la nave era usata spesso per accomodare i turisti provenienti da oltre confine, finché, nel 2008, una guardia della Corea del Nord è stata uccisa da un turista della Corea del Sud, che si sarebbe avventurato nella zona militare.

I tour a Kŭmgangsan sono stati dunque sospesi—e da allora, le relazioni tra i due paesi si sono raffreddate sempre di più.

hotel galleggiante corea del nord grande barriera corallina

Kim Jong Un ha ordinato la rimozione dell'hotel galleggiante in tempi recenti. Foto: STR / KCNA VIA KNS / AFP

Kim Ha-young, portavoce della Hyundai Asan, spiega a VICE News che il dialogo tra le due Coree sul futuro del turismo a Kŭmgangsan si è interrotto del tutto durante la pandemia di COVID-19—e che “la situazione è rimasta in stallo da allora.”

Kim sottolinea che, dopo l’incidente del 2008, l’hotel galleggiante è stato usato per lo più da turisti cinesi. Ma durante la sua visita più recente a Kŭmgangsan, all’inizio del 2019, spiega, la nave sembrava in condizioni di abbandono totale.

hotel galleggiante corea del nord grande barriera corallina

Interni di una delle molte stanze della nave. Immagine per gentile concessione di Hyundai Asan

“Quando mi sono recato in Corea del Nord nel 2019, ho ispezionato l’hotel a occhio nudo. All’epoca, le sue strutture non erano in uso… La Corea del Nord aveva interrotto le operazioni perché l’hotel galleggiante era ormai troppo vecchio.”

“È difficile dire se sia operativo o meno, per via della pandemia globale,” aggiunge Kim. “Non possiamo saperlo perché non abbiamo il permesso di visitare la Corea del Nord al momento.”

Così, il futuro del Barrier Reef Floating Resort resta abbandonato alle incertezze. Gli abitanti della Corea del Sud non hanno modo di comunicare legalmente con quelli della Corea del Nord, e il processo è complicato persino per il governo.

È passato parecchio tempo ormai da quando Kim Jong Un ha ordinato la demolizione della nave, stando ai media di stato. Viene da chiedersi: è possibile che l’iconico hotel galleggiante sia colato a picco o sia stato demolito da quando Kim Ha-young è stato lì per l’ultima volta?

“No,” ha detto. “Per quanto ne sappiamo, l’hotel è ancora lì.”

hotel galleggiante corea del nord grande barriera corallina

Immagine per gentile concessione di Hyundai Asan