Pubblicità
Salute

A volte, stare con una persona depressa ti intrappola nella sua stessa malattia

La prima cosa che devi imparare è questa: l'unico al mondo che può curare la sua depressione è lui stesso.

di Louise Mapleston; illustrazioni di Madison Griffiths; traduzione di Giacomo Stefanini
14 gennaio 2020, 9:35am

Illustrazioni: Madison Griffiths

Una volta scherzavo sempre dicendo che i soli uomini che sembravano attratti da me erano quelli depressi. Era l'unica esperienza che avessi avuto, ogni storia lunga, ogni piccola tresca. Non ero mai stata con qualcuno che non prendesse antidepressivi o avesse passato un po' di tempo seduto nello studio di uno psichiatra. Quel tipo tormentato, pensieroso, introspettivo era semplicemente il mio.

Immagino che avendo avuto io stessa problemi di ansia e di depressione, sono sempre stata in grado di empatizzare. Poi c'è la mia personalità, essendo io molto propensa al prendermi cura degli altri; mi piace occuparmi di qualcuno, cercare di aggiustare le situazioni, mettere in contatto la gente con chi potrebbe fornire aiuto. Infatti sto studiando per diventare assistente sociale.

Non voglio paragonare la mia esperienza da partner di una persona depressa alla vita quotidiana di chi soffre davvero di depressione. Ma anni di relazioni con persone che probabilmente non erano in grado di restituirmi lo stesso sentimento mi hanno insegnato alcune cose che penso possano essere d'aiuto per chi si trova ad affrontare una situazione simile. Sono una dei tanti—tantissimi e tantissime—che sono rimasti seduti in silenzio con una persona amata, guardandola mangiare per la prima volta dopo due giorni perché il suo cervello era annebbiato e le facevano male i muscoli e il letto era l'unico posto in cui potesse nascondersi.

Quando ti innamori di una persona malata di depressione, stabilire una connessione con qualcuno che pensava di non poterlo fare sembra cambiarti la vita. Ti senti speciale perché la tua presenza fa diminuire i suoi giorni no e rende più frequenti i giorni sì. Quando ti innamori di una persona malata di depressione, giuri a te stesso che non la identificherai mai soltanto con la sua malattia, ma con la sua intelligenza, il suo dinamismo e la sua profondità. Di solito questo tipo di pensiero resterà immutato, finché non finisce tutto.

Quando ti innamori di una persona malata di depressione, in qualche modo questa malattia solitaria e isolante riesce a contagiare anche te. I suoi giorni no diventano anche i tuoi giorni no. Invece di uscire a vedere un film o al ristorante, passate il tempo a farvi le coccole nel letto per tre ore. Perché quella è tutta l'energia che riuscite ad accumulare.

Dormire diventa un problema. Ci sono nottate passate a guardare il soffitto, a preoccuparsi della conversazione che avete fatto qualche ora prima quando lui o lei ti ha detto che non trova ragioni per continuare a vivere. Non dormi perché pensare alla vita senza la persona che ami sembra ancora più insopportabile del dolore che senti per lei.

La tua ansia rischia di trasformarsi in ossessione: se non pensi abbastanza al tuo partner, alla sua malattia e a occuparti di lui, gli succederà qualcosa di brutto. La tua mente è completamente occupata a pensare come aiutarlo.

Quando ti innamori di una persona malata di depressione, a volte, ma non sempre, le tue conversazioni telefoniche per una settimana o due saranno volte a programmare i suoi appuntamenti con il nuovo psichiatra. A contattare il servizio di ascolto dell'università. Ad assicurarti che si presenti a tutte le visite mediche. Tu sei il suo pilastro, perché ami quella persona.

Con il senno di poi, è palese che il modo in cui cercavo di gestire la depressione dei miei partner non fosse né sano né sostenibile. Alla fine di queste relazioni, io ero completamente svuotata. Ma nessuno ti insegna come occuparti di te stessa. Fin da piccoli, in particolare a noi donne, ci viene insegnato che dobbiamo pensare prima agli altri.

La verità, però, è che non puoi aiutare uno che sta affogando se non sai nuotare.

Non puoi fornire il miglior sostegno possibile a un'altra persona se la tua stessa salute mentale soffre per la sua depressione. Nel mio caso, un corso di 12 settimane di riduzione dello stress basato sulla tecnica della mindfulness mi ha tirata fuori dal momento peggiore. Mi ha aiutata a gestire una grave e invalidante ansia che mi aveva colpita quando tentavo di gestire la depressione del mio ex.

Rimpiango di essere entrata in queste relazioni senza stabilire dei limiti solidi o avere una rete di supporto mia. Ma non mi sono mai pentita di aver avuto una relazione con una persona affetta da depressione. Più che altro perché la malattia non è mai stata ciò che li rendeva attraenti per me. Nonostante i suoi sintomi, la depressione non è una malattia solitaria o egoistica. Certo, può avere un impatto su tutte le persone che ti vogliono bene, ma questo non si può impedire. Non è colpa di nessuno.

L'unica cosa che puoi fare è capire che indipendentemente da quanto ami il tuo partner o da quante ore passi a coccolarlo, non potrai mai guarirlo. L'unico al mondo che può farlo è lui stesso.

Segui Lou su Twitter

Se tu o una persona a te vicina vi sentite tristi o angosciati e avete bisogno di parlarne con qualcuno, chiamate il Telefono Amico ogni giorno dalle 10 alle 24 al numero 199 284 284.

Leggi anche:

Tagged:
amore
relazioni
depressione
curare la depressione