Parkour a Gaza

FYI.

This story is over 5 years old.

Foto

Parkour a Gaza

Fares e Fahed hanno sempre visto il parkour come un modo di evadere dalla difficile realtà di chi vive a Gaza. Ora hanno messo in piedi una vera e propria squadra e si sono guadagnati un gran seguito sui social network.
17 agosto 2015, 7:39am

Fahed salta da un edificio distrutto all'altro a Gaza. Fares lo ha preceduto e ora corre verso il prossimo ostacolo. Tutte le foto di Loulou D'Azi, UNICEF

Fin da bambini Fares e Fahed hanno considerato il parkour un modo per rendere più tollerabile la vita a Gaza. I due amici, ora adolescenti, passano le lunghe giornate estive a correre tra i palazzi distrutti dalle bombe con una ventina di altri ragazzi. Del loro hobby Fares dice: "Non riesco a immaginarmi un futuro, viviamo sotto assedio. Questo è l'unico modo che abbiamo per sentirci liberi."

Ora si allenano all'aperto, tra le strade affollate e la spiaggia, dove la sabbia attutisce le cadute.

Nonostante i problemi e le incertezze del luogo in cui vivono, Fares considera il parkour un buon modo di dimenticare le responsabilità. Suo padre è morto quando lui aveva due anni, e il ragazzo vive con le sorelle e la madre. Privi di rendita, vivono grazie agli assegni governativi e agli aiuti dell'Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l'occupazione dei rifugiati (UNRWA). "Gaza è un vicolo cieco," dice Fares. "Viviamo qui perché non abbiamo altra scelta. È l'unica vita che abbiamo, e cerchiamo di farla funzionare."

Potete dare il vostro sostegno al programma dell'UNICEF per i bambini, i giovani e le donne di Gaza qui.

Fares e Fahed si sono creati un seguito internazionale sui social media tra i coetanei e gli appassionati di parkour.

I ragazzi si esibiscono in un backflip a beneficio dei passanti vicino alla spiaggia di Beit Lahia, nella Striscia di Gaza.

Fahed studia il modo più sicuro per scendere dall'ammasso di detriti di un palazzo distrutto, Gaza.

I due amici saltano dalle panchine vicino alla spiaggia della città di Beit Lahia.

Fares e Fahed in un palazzo distrutto.

Stretching prima di un pomeriggio di allenamento sulla spiaggia di Beit Lahia. Fares si è rotto il polso poco tempo fa, e deve ancora stare attento ad alcuni movimenti.

Fares mostra una foto del padre. È stato ucciso durante il conflitto quando Fares aveva due anni.

Fahed si esibisce in un backflip. Il palazzo è crollato nel corso degli scontri del 2014.

Fahed con la sua squadra di parkour.

Fahed in equilibrio sulle mani di un compagno di parkour sul tetto di un edificio distrutto durante gli scontri del 2014 a Beit Lahia. Intorno a loro, cinque dei 23 membri della loro squadra di parkour. Fares è il secondo da destra.