FYI.

This story is over 5 years old.

Stuff

Ho trascorso una giornata nei panni di Gwyneth Paltrow

Avete presente quella citazione famosa, "Non giudicare un uomo prima di aver percorso un miglio nelle sue scarpe"? Ho deciso di metterla in pratica per comprendere a fondo l'astio che provo per Gwyneth, e non è stato divertente.
14.12.13

(Thumbnail via)

Una settimana fa Blythe Danner, detentrice di una vagina maledetta e madre di Gwyneth Paltrow, ha descritto le critiche a proposito della figlia "ingiuste e alimentate da gelosia." In un'intervista a tale Naughty But Nice Rob, Blythe ha detto: “[Gwyneth] è una donna di successo in ogni ambito e alla gente questo non piace, la attaccano appena possono. Io non leggo cose del genere, ma le trovo semplicemente molto brutte.”

Pubblicità

La mia sensazione è che Blythe abbia torto, e che ogni animosità verso Gwyneth sia giustificata. Eppure, per quanto mi sforzavo non riuscivo a individuare le ragioni di quell'astio.

Come diceva Einstein o Shakespeare, "Non giudicare un uomo prima di aver percorso un miglio nelle sue scarpe". Così, al fine di comprendere meglio Gwyneth e stabilire se i miei sentimenti di odio nei suoi confronti fossero giustificati o meno, ho deciso di trascorrere una giornata nei suoi panni. Non letteralmente, ovviamente. È probabile che qualsiasi cosa stia nel suo guardaroba costi di più di quanto spenderò in capi d’abbigliamento nel corso di tutta la vita.

Fortunatamente, Gwyneth ha di recente lanciato l’applicazione Goop City Guides. Goop, per chi non lo sapesse, è il marchio di lifestyle creato da Gwyneth, apparentemente con l’intenzione di imprimere un po' della sua bella esistenza in faccia a chiunque si sia iscritto alla sua mailing list nella speranza che fosse sufficientemente ridicola da risultare divertente. Non è così.

L'app è l'ultima componente di questo impero e permette di navigare tra i luoghi preferiti di Gwyneth in tre città diverse—Londra, Los Angeles e New York. Trovandomi a LA, ho deciso di sperimentare la sezione dedicata a questa città.

L'app ha un video introduttivo in cui Gwyneth dà il benvenuto a Los Angeles, un posto di cui parla come "la città dove sono nata, dove tornerò sempre e che conserva un posto speciale nel mio cuore.” Mentre pronuncia queste parole, sullo schermo passano in rassegna immagini del sole tra le palme, fioristi e mercati che popolano la Los Angeles di Gwyneth, e nessuna delle persone senza fissa dimora e i cumuli di immondizia che popolano la mia Los Angeles e quella di chiunque altro.

L'applicazione è divisa in quartieri. Ho deciso di iniziare la mia giornata a Silver Lake, perché è la zona che Goop definisce più "cool".

Prima tappa, Yolk. Un negozio che descrive i suoi prodotti come "free range design", espressione che, dopo averci pensato per ben 10 minuti, posso tranquillamente confermare non significhi nulla.

Pubblicità

Gwyneth lo consiglia in quanto è lì che le piace acquistare "accessori e regali per bambini."

Vendono un sacco di roba simile a quella nella foto qui sopra, ovvero giocattoli che sembrano fatti per stare sulla copertina di un album di Regina Spektor.

Sono quei giocattoli che stanno sulle riviste di arredamento, e che quindi pensi non troveresti mai in una casa vera. Roba vecchio stile come blocchi di legno e animali con le ruote da tirare con la cordicella. Come se mettendo letteralmente in pericolo la vita dei propri figli e dando loro nomi sufficientemente stupidi da condannarli ad anni di battute di Leno non bastasse, li fanno anche giocare con queste cose.

Nell'app, Gwyneth, che è la stella della serie Disney di Iron Man, dice di essere fan dei "negozi di giocattoli di una volta, prima che arrivassero mega store e catene." Qualcuno può avviare una raccolta fondi per comprare ai suoi figli una PS4 o qualcosa del genere? Poveri ragazzi.

Parte del negozio era rivolta agli adulti e offriva oggetti parzialmente utili e totalmente stravaganti. Per lo più oggetti che erano una cosa, ma fatti a forma di un'altra cosa. Come sottobicchieri a forma di stati (26 euro), collane a fantasie canine (97 euro) e piccole scatole a forma di farfalle (11 euro). Tutto sembrava prodotto da marchi che scrivono i loro nomi in minuscolo.

Passo successivo, un caffé suggerito dall'applicazione, l'Intelligentsia.

Ho come l'impressione che il proprietario di questo posto abbia pescato a caso una lista di potenziali nomi, abbia cercato ognuno su Google e, arrivato a questo e compreso il significato del termine, abbia pensato, "Perfetto!"

Pubblicità

Comunque, questa era la fila per le ordinazioni. Dopo aver aspettato per un paio di minuti, ho tagliato la corda.

Mentre mi allontanavo sono stato fermato da un uomo, che con atteggiamento completamente privo di ironia mi ha chiesto di firmare una petizione per "arrestare la gentrificazione del quartiere."

Avvertendo il bisogno di una dose di caffeina, ho deciso di andare in un ristorante dall'altra parte della strada, il Forage.

Ciò che rende speciale il Forage è che i clienti possono portare le verdure coltivate a casa e affidarle alle mani dei cuochi perché le trasformino in deliziosi piatti. Secondo la lista dei preziosi forager appuntata su una lavagna dietro il bancone, il cibo di quel giorno era stato fornito da persone con nomi come Rupert, Ethel e Una.

L'arredamento era esattamente come ci si immagina un posto dove mangia Gwyneth: pavimenti in cemento grezzo, vecchie sedie da aule scolastiche e zucche in miniatura.

Ho preso un caffè e un biscotto. Il biscotto sapeva un po’ di segatura. Che immagino sia il gusto della maggior parte dei dolci assunti da Gwyneth.

Poco lontano c'era Vacation, un negozio di dischi. Non ho neanche bisogno di dirvelo, avete già indovinato: vende solo vinili.

Interessante curiosità musicale su Gwyneth Paltrow: una volta ha scritto una lista dei suoi “tormentoni estivi” per il sito di Jay-Z (ricordate?), in cui diceva che “Don’t Like” era uno dei suoi pezzi preferiti: “Sto aspettando l'uscita della 'clean version'. Infatti finora l’ho sentita solo in macchina.” Non so se avete presente la canzone, ma contiene 24 volte la parola nigga. Un fatto che, se siete un po’ come me, vi porterà a pensare a Gwyneth che continua a pronunciare quella parola mentre è in giro per la città con la sua auto.

Poi è stata la volta del Mohawk General Store. Che, per mia grande delusione, non aveva niente di general. Era solo un negozio d'abbigliamento con un nome ingannevole.

Avevo sperato di acquistare caramelle o qualcosa del genere, ma all'interno del negozio ho trovato un film d'epoca su una TV d'epoca su uno scaffale d'epoca circondato da finti foulard d'epoca che costano 130 euro.

Pubblicità

Il negozio, come tutti gli spazi frequentati da Gwyneth, odorava di candele profumate (di quelle costose, ovviamente). Essendo un tipo tendenzialmente allergico, l'effluvio di profumi eleganti stava cominciando a darmi alla testa. Avevo bisogno di ibuprofene, e chiedendomi cosa avrebbe fatto Gwyneth ho consultato la sezione "salute" dell'app.

Tra consigli sui dispensari di marijuana (Gwyneth!) e dentisti olistici (ahi) compariva un luogo specializzato "nella fusione di pratiche curative occidentali e orientali". Li ho chiamati. Un receptionist mi ha detto che invece di usare i farmaci preferiscono esaminare storie personali e stili di vita dei pazienti in cerca delle cause profonde del loro malessere. Accettando una consulenza dal valore di 250 euro avrei potuto sapere di più. Ho riattaccato e preso una compressa.

Poi mi sono diretto a West Hollywood, da Tweak, un negozio che si autodefinisce "l'originale." Che presumibilmente significa che è lì da almeno un migliaio di anni.

Mi ha offerto uno spaccato sul genere di cose che riceverei in regalo se fossi amico di Gwyneth: giocattoli poco divertenti e stravaganti libri con nomi come Haiku per ebrei.

Vendevano anche tazze che invece di scritte tradizionali avevano frasi divertenti tipo: "Il mio lavoro è top secret: non so nemmeno cosa sto facendo" o "Futura signora Brad Pitt". I tipi di cose che le persone che pensano di essere al di sopra di ogni umorismo fingono di trovare divertenti.

Pubblicità

Successivamente, ho cercato di entrare da Feal Mor, che—secondo il sito—è "Una raccolta di marchi di abbigliamento francese e giapponese, specializzata in menswear, stile militare e altro." O l'indirizzo di Goop è sbagliato oppure quel posto non esiste più, perché non sono riuscito a trovarlo. È un peccato, perché è proprio lo stile che piace a me.

E invece ho dovuto fare tappa da American Rag. Non lasciatevi ingannare dal nome—i vestiti in vendita non sono né americani né rag. Un nome più accurato per questo negozio sarebbe “Jeans a 500 euro fabbricati in Asia”. Me ne sono andato.

Poi sono entrato da Jonathan Wright. Vendono articoli da scrittura, e si fregiano del termine "shoppe". Vi basti questo.

Vendevano anche biglietti talmente gradevoli da avermi fatto dubitare per un attimo della mia salute mentale.

Era giunto il momento di spostarmi a Venice, a cui Goop rimanda per un po' di "buona vecchia beach vibe."

Ho scelto di mangiare qualcosa al GTA, e dato che avevo voglia di di dolce ho cercato di ordinare un mocaccino. "Sono spiacente, ma non li facciamo," mi ha comunicato il cameriere.

"Una crema fredda al caffè, allora?"  Mi ha risposto con una parola italiana che non ho afferrato. Gli ho chiesto di ripeterla, e quello che ho capito era qualcosa a metà tra "carbanzo" e "cortina."

Preso dal panico, ho accettato il suo secondo consiglio: un latte macchiato. Anche questo, come il biscotto di prima, aveva un retrogusto di segatura.

E direi che con questo si conclude la mia giornata sulle tracce di Gwyneth. Ho completato il percorso in uno degli hotel consigliati dall'app, l'Andaz di Hollywood. Al mio ingresso sono stato accolto da membri dello staff in borghese e armati di iPad. Che noia.

Lungo tutte le pareti c'erano decorazioni come quella sopra. Probabilmente , chi ha avuto quest'idea non ha mai visto quello sketch di Portlandia.

La mattina successiva mi sono svegliato con questa vista davanti, e la citazione fatta di lettere adesive appiccicate al vetro e parzialmente scrostate a forza del gratta gratta degli ospiti. Che, a rifletterci, è una sorta di perfetta metafora visiva di Gwyneth e di qualsiasi cosa lei rappresenti.

Segui Jamie su Twitter: @JLCT

Altro da Jamie:

Mi sono imbucato al compleanno di Corey Feldman