Ho provato a cucinare i piatti futuristi inventati da Marinetti

I futuristi volevano rivoluzionare le abitudini alimentari italiane tramite abbinamenti e prescrizioni assurde. Ho provato a cucinare una cena seguendo le ricette inventate da Marinetti per vedere se il risultato sarebbe stato commestibile.

|
30 novembre 2015, 9:19am

"Pur riconoscendo che uomini nutriti male o grossolanamente hanno realizzato cose grandi nel passato, noi affermiamo questa verità: si pensa si sogna e si agisce secondo quel che si beve e si mangia."
—Filippo Tommaso Marinetti

È passato poco più di un secolo dalla pubblicazione del Manifesto del Futurismo, l'opera di Filippo Tommaso Marinetti che ha dato vita all'omonima corrente artistica e culturale che è stata una delle avanguardie più assurde di sempre. Negli anni successivi alla pubblicazione di quel testo, Marinetti si è dedicato ad applicare i precetti futuristi a quante più discipline possibile—compresa la gastronomia. E così si è messo a scrivere un ricettario, poi pubblicato con il titolo di Manifesto della cucina futurista .

La nostra tavola futuristicamente imbandita. Tutte le foto di Stefano Santangelo

Nella pratica, la cucina futurista ha avuto vita breve. Per qualche tempo, Marinetti stesso ha aperto un ristorante futurista a Parigi con l'aiuto del cuoco francese Jules Maincave, ma dopo questo tentativo i diversi locali che nel corso del tempo si sono fregiati del titolo di "ristorante futurista" l'hanno utilizzato più in riferimento al loro arredamento che al loro menù. E probabilmente era inevitabile che fosse così, visto che i precetti della cucina futurista sono davvero assurdi.

Tanto per cominciare, nel manifesto Marinetti predica l'eliminazione delle posate "per i complessi plastici che possono dare un piacere tattile prelabiale," dei condimenti tradizionali, "del volume e del peso nel modo di concepire e valutare il nutrimento" e "del quotidianismo mediocrista nei piaceri del palato"—qualsiasi cosa questo voglia dire. Inoltre, afferma che sia necessario abolire quella "assurda religione gastronomica italiana" che è la pastasciutta, per liberare l'Italia dal peso delle importazioni di grano e favorire l'industria del riso.

Per contro, Marinetti sprona a inventare nuovi sapori tramite "pillole, composti albuminoidi, grassi sintetici e vitamine" e auspica la creazione di "bocconi simultaneisti e cangianti." "Questi bocconi avranno nella cucina futurista la funzione analogica immensificante che le immagini hanno nella letteratura," scrive nel Manifesto. "Un dato boccone potrà riassumere un'intera zona di vita, lo svolgersi di una passione amorosa o un intero viaggio nell'Estremo Oriente."

Stregato dal fascino di questa presentazione ho deciso di provare a mangiare seguendo le teorie di Marinetti e mi sono procurato una copia del Manifesto della cucina futurista. Non era solo l'assurdità del tutto a suscitare il mio interesse, ma anche la consapevolezza che sarei stato tra le poche persone—se non l'unico—che hanno preparato e mangiato questi piatti dal dopoguerra ad oggi. Per non dover affrontare tutto questo da solo ho coinvolto il mio amico e collega Federico, e giovedì scorso dopo il lavoro ci siamo diretti a casa sua sentendoci due esploratori pronti ad avventurarsi in territori inesplorati.

Per arrivare preparati alla cena, nei giorni precedenti ci siamo premurati di buttare giù un menu di quello che avremmo mangiato—anche se a dire il vero tutte le ricette avrebbero meritato di finire sulla nostra tavola. I criteri di selezione sono stati l'ispirazione del momento, la facilità di preparazione, la bellezza del nome del piatto e la sua resa estetica in foto. Per questo motivo abbiamo escluso sia piatti iconici ma troppo complicati come il celebre "Carneplastico," sia ricette facili da preparare ma a nostro avviso non abbastanza futuriste come le "Uova divorziate" ( " Dividere a metà delle uova sode estraendone intatti i rossi. Disporre i rossi sopra una poltiglia di patate e i bianchi sopra una poltiglia di carote").

Alla fine, il menu prescelto è stato il seguente: come antipasti e accompagnamento avremmo preparato lo "Svegliastomaco," il "Porcoeccitato" e il "Boccone squadrista." La portata principale sarebbe stata il "Littorio," che secondo la ricetta avrebbe dovuto ricordare nella forma un fascio littorio e che proprio per questo motivo prometteva molto bene. Per accompagnare il tutto, io avrei bevuto una polibibita (la versione futurista di un cocktail) dal nome suggestivo di "Diavolo in tonaca nera": un quarto di succo d'arancia, un quarto di grappa, due quarti di cioccolato fuso con, a galleggiare nel tutto, il tuorlo di un uovo sodo. Per sicurezza, comunque, abbiamo comprato anche delle Peroni.

Dopo una buona oretta spesa a cucinare il tutto e dopo una birretta d'incoraggiamento, ci siamo finalmente seduti a tavola. Abbiamo deciso di cominciare con un brindisi per darmi modo di assaggiare la polibibita. Federico ha brindato con l'acqua.

Il "Diavolo in tonaca nera" — "2/4 di sugo di arancio, 1/4 di grappa, 1/4 di cioccolato liquido. Immergere il tuorlo di un uovo sodo."

Anche se era stata l'ultima cosa che avevamo fatto, era comunque passato già un po' di tempo da quando avevamo preparato la polibibita. Non so cosa avesse in testa Marinetti quando ha scelto gli ingredienti, ma sta di fatto che ora che ci siamo seduti a tavola il cioccolato si era già depositato sul fondo del bicchiere. Il risultato era che sembrava un bicchiere di fango. L'odore era particolarmente terribile, dolce da dare la nausea, e anche il sapore non era granché: sapeva di grappa, sì, ma anche di uovo e di arancia, con un lontano retrogusto di cioccolato. Nella GIF qui sotto potete vedere com'è andata quando l'ho assaggiata.

Prima di giudicarmi male, tenete conto che ho sempre avuto un sacco di idiosincrasie alimentari e che non mangio praticamente nulla. Per cui, se la mia reazione vi sembra esagerata—e in effetti lo era: non sapevo ancora che nel corso della cena avrei assaggiato di molto peggio—pensate che sottopormi a questa prova è stata una sfida con me stesso e una grande dimostrazione di coraggio. In ogni caso, dopo averne bevuto qualche sorso ho messo da parte la polibibita e stappato una Peroni.

Lo "Svegliastomaco" — Una fetta di ananas su cui si dispone un raggio di sardina. Il centro dell'ananas è ricoperto da uno spessore di tonno su cui poggia una mezza noce."

Dopo il brindisi ci siamo messi a mangiare. In virtù del suo nome abbiamo pensato che fosse giusto iniziare dallo "Svegliastomaco"—che credo sia stato pensato da Marinetti come un antipasto, anche se nella cucina futurista è abbastanza inutile cercare di fare distinzioni tra le varie portate.

A prima vista questo piatto può sembrare disgustoso, ma la verità è che si è rivelato forse la cosa più mangiabile tra tutte quelle che avevamo preparato. Il disgusto che provavo prima di assaggiarlo è dovuto più che altro al fatto che non siamo abituati a considerare l'ananas e le sardine come alimenti complementari e abbinabili, quando in realtà i loro due sapori non stanno poi così male insieme. Il risultato dell'incontro tra l'estrema dolcezza dell'ananas e il salato delle sardine è un bolo agrodolce che la presenza del tonno rende piuttosto pastoso. All'inizio sembra strano, ma poi una volta che ci si abitua diventa assolutamente mangiabile. Per completezza, bisogna anche dire che la noce non aggiunge niente all'insieme.

La seconda portata che avremmo dovuto assaggiare era il "Porcoeccitato," un salame crudo servito a mollo in un bagno di caffè e acqua di Colonia—che non avevamo e abbiamo sostituito con del semplice profumo da uomo. Per qualche motivo mi ero fatto l'idea che questa sarebbe stata la portata più invitante dell'intera cena, invece è stata l'unica che non abbiamo nemmeno assaggiato—oltre a temere di prenderci la tenia o la salmonella, l'idea di bere del profumo non ci attirava più di tanto. E ancora meno ci attirava l'odore che saliva dal piatto.

Il "Porcoeccitato" — "Un salame crudo privato della pelle viene servito in un piatto contenente del caffè espresso caldissimo mescolato con molta acqua di Colonia."

Secondo il Manifesto della cucina futurista, per ottenere il pranzo perfetto non basta seguire alla lettera le ricette. A fare la differenza non è nemmeno la qualità degli ingredienti o l'abilità del cuoco, ma piuttosto l'aderenza a un certo galateo al momento della presentazione e dell'assaggio delle varie portate. Ad esempio, per i futuristi era importante, durante gli intervalli tra una portata e l'altra, l'uso della musica "perché non distragga la sensibilità della lingua e del palato e serva ad annientare il sapore goduto ristabilendo una verginità degustativa." Abbiamo seguito con zelo anche questa prescrizione, facendo delle pause tra un piatto e l'altro per ascoltare musica da YouTube. Dato che il testo non specifica quale sia la musica più adatta, abbiamo provato un po' di tutto—dai canti del ventennio, ad Avril Lavigne, a Sfera Ebbasta.

Un'altra prescrizione del manifesto è "l'uso dell'arte dei profumi per favorire la degustazione: ogni vivanda deve essere preceduta da un profumo che verrà cancellato dalla tavola mediante ventilatori." Ma per ovvie ragioni di praticità, abbiamo sorvolato su questo punto come il Vate sorvolò Vienna nel 1918.

Il "Boccone squadrista" — "Cotolette di pesce tra due larghi dischi di mela renetta: il tutto cosparso di rum e infiammato al momento di servire."

A questo punto l'ananas e sardine ci aveva aperto lo stomaco e iniziavamo ad avere davvero fame, così abbiamo deciso di passare senza ulteriori indugi ai piatti più seri del menu. Il primo che abbiamo assaggiato è stato il "Boccone squadrista," una mela tagliata in due con in mezzo una cotoletta di merluzzo. La ricetta originale prevedeva che il piatto venisse annaffiato di rum e servito in fiamme, ma non ci fidavamo del tutto e volevamo evitare di dare fuoco alla casa. Così abbiamo optato per farlo flambé: l'abbiamo messo nel lavandino, gli abbiamo dato fuoco in tutta sicurezza, l'abbiamo spento e poi l'abbiamo riportato in tavola.

A essere sincero, se non fosse stato per quest'ultima parte della preparazione probabilmente sarebbe stato persino buono. La mela e il pesce non sono tanto male insieme. Il vero problema in questo caso è stato il saporaccio del rum che abbiamo comprato al Carrefour, talmente scadente che abbiamo fatto fatica persino a fargli prendere fuoco.

Dopo aver divorato la cotoletta di pesce e aver fatto sparire con qualche fatica un emisfero di mela, eravamo pronti per il mostro finale della serata—il "Littorio" uno dei piatti futuristi più importanti del manifesto di Marinetti. Si tratta di una composizione a base di carne trita, gambi di sedano e riso, che nelle intenzioni del poeta dovrebbe ricordare la forma di un fascio littorio. Nonostante fosse la più difficile tra le ricette selezionate, siamo riusciti incredibilmente a seguirla alla lettera. Devo dire che sono stato davvero fiero del risultato finale.

Il "Littorio" — "Diversi gambi di cardi o sedani della lunghezza di 10 cm cotti preventivamente nell'acqua, disposti diritti in modo da formare un cilindro vuoto. Fissati sotto da una semisfera di risotto bianco e sopra da un mezzo limone. L'interno del cilindro riempito con carne trita, olio, pepe e sale. Sulla semisfera di riso, distribuiti a stelle: un cetriolo, un pezzo di banana, un pezzo di barbabietola."


Quando questa costruzione dall'architettura complessa mi è crollata tra le mani, ho sentito una stretta al cuore. Anche in questo caso, il risultato finale era meglio di quanto mi aspettassi: la carne trita cruda all'interno del cilindro di gambi di sedano, condita con olio, sale e pepe, era praticamente un carpaccio. Il resto era abbastanza insapore—soprattutto il riso.

A questo punto avevo perso il conto di quante birre avevamo bevuto, per cui non sono in grado di dare troppi dettagli sul piatto. Come si può vedere dalla foto, alla fine del pasto eravamo entrambi abbastanza provati e affaticati.



Tutto sommato, dopo averle provate di persona posso affermare che le prescrizioni futuriste in materia culinaria sono meno assurde di quanto non sembrino leggendo le ricette. Certo, a prima vista certi abbinamenti possono sembrare azzardati e certi eccessi sono decisamente rivoltanti, ma in generale dietro sembra esserci sempre un criterio. Anche se non sembra, niente è a caso. Prima di provarla di persona pensavo che la cucina futurista fosse una specie di provocazione fine a sé stessa, ma non è così.

Finito di mangiare abbiamo sparecchiato e accumulato i piatti nel lavabo. Dalla finestra della cucina si vedeva il Cimitero Monumentale, a 100 metri in linea d'aria, dov'è sepolto Marinetti. Prima di andare a casa, mi sono affacciato per controllare che non si stesse rivoltando nella tomba.

Segui Mattia su Twitter

Altro da VICE
Vice Channels