Pubblicità
Motherboard

I 'DNA Detective' aiutano i bambini adottati a trovare i genitori biologici

Il gruppo Facebook dei DNA Detectives ha più di 24.000 membri, e molti di loro sono in cerca di risposte.

di David Silverberg
11 ottobre 2016, 2:28pm

Immagine: Shutterstock

Quando Gayle Helps era un adolescente e si guardava allo specchio, riusciva a vedere solo una sconosciuta.

"Volevo conoscere la mia famiglia [biologica], i miei antenati," ha rivelato la donna di 57 anni di Montreal in un'intervista. La Helps ha appreso di essere stata adottata quando frequentava ancora l'asilo. Così, ha desiderato fin da subito scoprire l'identità dei suoi genitori biologici, cercando di rintracciarli.

Nel corso degli anni successivi, la Helps ha condotto una serie di indagini, spulciando tra i certificati di nascita e altri documenti, o recandosi nella cittadina nei pressi di Montreal dove credeva vivesse la sua madre naturale. Tre decenni fa, è venuta a sapere che la sua madre biologica era morta prima che avessero la possibilità di incontrarsi. La donna non è mai riuscita a risalire al nome del suo padre naturale.

Così, come fa un numero crescente di persone, anche la Helps si è rivolta ad internet.

Proprio su internet, la Helps ha imparato a conoscere DNA Detectives, un gruppo di Facebook gestito da volontari che si definiscono "search angel," i quali aiutano le persone adottate, i bambini nati attraverso donatori di sperma e altre persone a caccia dei loro parenti biologici.

DNA Detectives. Immagine: CeCe More

DNA Detectives, che vanta più di 24.000 membri, è nato nel febbraio 2015, ha raccontato CeCe Moore, la fondatrice della pagina che lavora da San Clemente, in California. La Moore si definisce un genealogista genetica. Lavora come consulente nello show della PBS "Finding Your Roots" e la sua compagnia, "The DNA Detectives," collabora con i media in merito a storie che coinvolgono il riconoscimento genetico, promuovendo la pratica dell'educazione alla genealogia genetica attraverso conferenze e seminari.

Oggi, grazie a tecnologie di sequenziamento del DNA più economiche e facilmente reperibili, oppure a network online come questo gruppo di Facebook, condurre questo genere di ricerca è più semplice di quanto sia mai stato prima d'ora. Chiunque voglia rintracciare i propri genitori naturali o saperne di più sui propri antenati, non deve più fare affidamento sulle banche dello sperma oppure spulciare tra necrologi vecchi di decenni. Gli strumenti digitali e i kit per il test del DNA domestici stanno spalancando sempre di più le porte del passato a chiunque.*

Il gruppo Facebook DNA Detectives fa parte della stesso trend che ha generato Ancestry.com e 23andMe.com. Tuttavia, l'anonimato dei donatori di sperma resta ancora una questione controversa, sia dal punto di vista del donatore che da quello dei figli.

Le leggi che trattano l'accesso a documenti riservati delle adozioni variano in tutto il Nord America, in alcuni stati sono accessibili, così come in province canadesi come l'Ontario e la British Columbia.

Su DNA Detectives, gli iscritti postano una domanda o la loro storia e gli altri utenti rispondono con dei suggerimenti. Le domande spesso provengono da persone adottate che cercano di risalire all'identità dei loro genitori naturali o da persone che vogliono conoscere le loro origini. I volontari che si sentono più preparati sulle questioni di genealogia rispondono alle domande direttamente sul gruppo oppure lavorano a stretto contatto con queste persone per guidarle.

I volontari incoraggiano i membri a sottoporsi ad un test del DNA—offerto attraverso siti come Ancestry.com—e a cercare le corrispondenze genetiche all'interno del loro database.

La persone di cui sono in cerca potrebbero benissimo essere state incluse anche dentro uno di questi database e quindi esserci delle corrispondenze. Con approssimativamente 2,3 milioni di persone registrate su Ancestry.com, oggi, abbiamo le maggiori possibilità di trovare questi aghi nel pagliaio sono di sempre.

Su Facebook, esistono altri gruppi simili ai DNA Detectives, ma nessuno di questi è così popolare. "La maggior parte [dei membri del gruppo] non hanno un background scientifico," mi ha raccontato Moore. "Hanno bisogno di qualcuno che gli spieghi i metodi e le tecniche per supportare la comunità."

Dopo decenni di ricerche, anche la Helps è riuscita a farsi un'idea sensata di chi possa essere il suo padre naturale.

Quando la donna si è rivolta a DNA Detectives per saperne di più, ha ottenuto immediatamente un feedback e assistenza. Parte del fascino del gruppo potrebbe risiedere anche nel connettersi con una comunità di persone in grado di capire cià che si sta attraversando.

Dopo avere eseguito il test su 23andMe.com, la Helps ha trovato una corrispondenza con un cugino di secondo grado sconosciuto. È pure riuscita a scovare le origini del suo trisnonno facendo un po' di ricerca.

Nel 2015, dopo decenni di ricerche, si è finalmente avvicinata ad una identità per il padre naturale. Era riuscita a sapere alcuni dettagli su di lui grazie ai servizi sociali, ad esempio, le sue origini franco-canadesi, i capelli imbiancati precocemente e gli occhi azzurri. Alla fine, è riuscita a mettere le mani su certificati pubblici di due fratelli che rientravano in questa descrizione. Entrambi sono già morti. Ma il periodo di tempo in cui sono vissuti corrispondono alle sue supposizioni, così, ha contattato uno dei suoi lontani parenti per fare un test del DNA.

Il parente ha accettato e ora la Helps è in attesa trepidante dei risultati.

Non tutti vogliono essere raggiunti da un lontano parente genetico perduto da tempo

"Amo la storia, sono una patita, per questo mi affascina moltissimo poter tornare indietro e scoprire dettagli sulla mia famiglia che altrimenti non avrei mai conosciuto," ha spiegato la donna.

La Helps è stata cresciuta da una coppia ucraina a Montreal, ma fin da quando era giovane, ha sempre amato qualsiasi cosa di celtico. Dalla danza, al cibo, alla storia, era completamente assorbita dalla cultura celtica, senza sapere bene il perché. Da quando ha ricostruito il suo albero di famiglia e ha approfondito le notizie disponibili riguardo la sua madre naturale, ha scoperto di avere delle radici in parte irlandesi.

Questo è il beneficio apportato da gruppi on-line come DNA Detectives: dare alle persone la possibilità di risalire il loro albero genealogico con metodi che le generazioni precedenti non potevano neanche sognare. Anche solo vent'anni fa, non esistevano kit per il test del DNA che costassero meno di 300 dollari (270 euro.) Le persone che volevano conoscere la verità dovevano tormentare gli assistenti sociali o le banche dello sperma.

Naturalmente, non tutti desiderano essere rintracciati da un parente genetico a lungo perduto. A proposito delle ricerche di persone che non vogliono essere trovate, una "search angel" volontaria di nome Heather MacPherson, che vive a Prince George aC, mi ha detto: "Queste persone adottate hanno certamente il diritto di sapere da dove vengono. Ma se i genitori naturali decidono di non volere nessun rapporto con chi li sta cercando, i figli devono rispettare questa scelta."

In questo momento, la Moore e gli amministratori del suo gruppo vengono inondati di richieste. Ci sono troppe persone che chiedono di essere assistite personalmente, eppure la Moore esamina tutti i post, addestra nuovi search angel e concede volentieri interviste per promuovere il suo gruppo di Facebook, la propria attività e lo show televisivo con cui collabora. Questa donna si rende benissimo conto di quanto possa essere importante un legame familiare per una persona il cui passato è solo un'ombra.

Oppure, come nel caso in cui Helps, per una persona la cui famiglia era solo un'estranea che la fissava allo specchio.