Pubblicità
Questo articolo è stato pubblicato più di cinque anni fa.
Motherboard

Stampare esseri umani su altri pianeti è un buon modo di colonizzare lo spazio

“Forse colonizzeremo altri mondi non con astronauti in tute spaziali, ma tramite batteri."

di Meghan Neal
30 maggio 2014, 11:36am
L'idea della NASA negli anni 70 sulla colonizzazione dello spazio. Immagine: NASA

Considerando il fatto che i viaggi nello spazio profondo si sono rivelati essere non solo incredibilmente pericolosi, ma forse “una stupida follia” e “ridicoli”, come ha affermato il biologo di Harvard Gary Ruvkun, l'irremovibile sogno di una civilizzazione interstellare porta necessariamente a un pensiero fuori dagli schemi. Che cosa succederebbe se, invece di spedire gli uomini su altri pianeti, ne facessimo una copia esatta sul posto? 

Adam Stelzner, l'ingegnere a capo della missione del rover Curiosity della NASA, pensa che prima di spedire uomini su dei pianeti distanti, c'è prima bisogno di fare un paio di cose: trovare il modo per affrontare lo spazio-tempo—viaggiando attraverso cunicoli spazio-temporali e cose simili—oppure ripensare la fondamentale nozione di “noi stessi.”

“Stampare esseri umani, organicamente, su un altro pianeta, potrebbe essere la nostra scommessa migliore per l'esplorazione dello spazio”, ha detto Steltzner sul palco della conferenza Future Is Now, organizzata questo mese dallo Smithsonian Magazine a Washington.

Molte delle più brillanti menti scientifiche credono che l'unico modo per garantire la sopravvivenza a lungo termine della razza umana, è che si colonizzino altri pianeti. Il problema è che non abbiamo la minima idea su come poter viaggiare in modo sicuro verso Marte, per non parlare di maggiori distanze cosmiche. Mandando istruzioni su come stampare noi stessi ai suoi lontani abitanti, potremmo evitare il viaggio.

L'idea di stampare esseri umani è iniziata dalla codificazione di informazioni genetiche umane all'interno di batteri in modo che il nostro DNA possa farsi dare un passaggio verso un altro pianeta. Alcuni scienziati hanno scoperto recentemente che i microbi sono in grado di sopravvivere ad un viaggio dalla Terra a Marte, la teoria quindi è: perché non far portar loro alcuni codici genetici la prossima volta? Una volta che i microbi traghettatori di DNA fossero arrivati sul nuovo pianeta, i mattoni da costruzione della vita verrebbero riassemblati come esseri umani.

"Se si propone la colonizzazione dello spazio, si può anche proporre di mandare batteri con sequenze umane. Non è una follia."​

“Forse colonizzeremo altri mondi non con astronauti in tute spaziali, ma tramite batteri", ha detto Steltzner all'evento. ”Queste considerazioni mi sembrano meravigliose, fantastiche."

Meravigliose, fantastiche e completamente fuori di testa. Considerato l'interesse, ho chiamato Ruvkun—che con George Church, suo collega presso il dipartimento di genetica della Harvard Medical School, è stato il pioniere del concetto di viaggi spaziali del DNA—per scoprire se l'idea fosse soltanto una hubris futuristica o fosse effettivamente realizzabile. La risposta è veloce: è un po' tutte e due.

L'idea di stampare esseri umani non è mia, ma di Ruvkun, Church e altri del dipartimento di genetica della Harvard Medical School. Sono dei grandi pensatori e avanti coi tempi.
— Adam Steltzner (@steltzner) 17 Maggio 2014

Ruvkun mi ha detto che è possibile codificare dei segmenti del DNA umano all'interno di batteri, e farli sopravvivere al viaggio su altri pianeti. “I batteri vengono usati come la memoria del computer” ha detto. “È come se venisse mandato un iPod su un altro pianeta. E i batteri possono immagazzinare informazioni in modo molto concentrato.”

Un'estensione di questa idea è la progettazione di batteri da mandare nello spazio per colonizzare Marte. La teoria ipotizza che questi pionieri microbici potrebbero stimolare l'evoluzione di una nuova biosfera, ricavando l'ossigeno e il cibo e le condizioni ambientali di cui gli abitanti della Terra avrebbero bisogno per vivere sul pianeta rosso.

“Se si propone la colonizzazione dello spazio, si può anche proporre di mandare batteri con sequenze umane,” ha detto Ruvkun. “Non è una follia.”

Siamo vicini a stampare organi umani, ma stampare un essere umano—o farlo crescere dal DNA—è ancora solo una teoria.

Ciò che è potenzialmente una follia, tuttavia, è il piano di riassemblaggio della sequenza genetica sull'altro pianeta. Questo va oltre le nostre possibilità. “Non abbiamo nessuna possibilità di riuscire a riassemblare un essere umano dal DNA,” ha affermato Ruvkun.

Tuttavia non è completamente impensabile. Visti i progressi continui di ingegneria genetica, clonazione e tecnologia del bioprinting, l'immaginazione viaggia. Se si pone un centesimo di un genoma umano in un batterio, ha affermato Ruvkun, si dovrebbero assemblare 100 segmenti umani, ha affermato. Sembra fattibile.

“Siamo nell'era del DNA da soli cinquant'anni,” ha detto, ”tra cinquemila anni probabilmente la considereremo una passeggiata.”

Ma modificare i batteri in un laboratorio universitario è una cosa. Se si sta provando a ricostruire un essere umano intero su un pianeta distante dove non c'è vita intelligente, chi, innanzitutto, opererà il riassemblamento? Ed è qui che l'idea diventa davvero stravagante.

Se vogliamo avanzare ulteriormente nello scenario della colonizzazione, si può immaginare che i batteri codificati con il DNA umano si riassemblino da soli, attraverso dei processi organici, per evolversi poi in organismi che ne discendonouna sorta di nuovo inizio del popolamento umano.

“Forse questo processo è già avvenuto in precedenza” mi ha detto Steltzner, “forse è così che siamo arrivati qui.”

Immagine: Rick Guidice/NASA

Questa linea di pensiero apre una moltitudine di domande su come sia cominciata la vita. Se qualcuno avesse colonizzato la Terra per creare noi? Abbiamo un antenato microbico in comune con Marte? Se noi creiamo della vita appositamente per la sopravvivenza su altri pianeti, stiamo “giocando a fare Dio”? In quella che chiamiamo “vita” c'è qualcosa di più di un genoma ricostruito? Per il momento lasciamo chiuso questo vaso di Pandora e consideriamo lo scenario B: l'edificazione artificiale dei nostri mattoni biologici dopo aver ricevuto un passaggio oltre lo spazio profondo.

Un'idea proposta da Stelzner è che potremmo irradiare il genoma umano nell'universo attraverso delle onde radio—come stiamo già facendo per cercare di comunicare con un'ipotetica vita intelligente—e vedere poi se qualcuno riceve le trasmissioni e trova il modo di interpretarle.

Forse potremmo mandare assieme al segnale delle istruzioni dettagliate, o potremmo codificare un manuale d'istruzioni all'interno dei batteri che portano il DNA. Potremmo addirittura mandare un robot su un altro pianeta, aspettare migliaia di anni per essere sicuri di fidarci dell'apparecchio e poi “irradiare le informazioni sull'uomo e dirgli di costruirlo geneticamente,” pensa Stelzner.

“Il concetto della stampa 3D è qualcosa che è stato elaborato come indipendente dal luogo, legato soltanto alle informazioni. Ed è di questo che stiamo parlando qui” ha detto Steltzner. ”Mi sembra un'idea di stampa 3D molto simpatica.”

Se pensiamo sia possibile stampare un organismo marziano sulla Terra, perché non potrebbe avvenire il contrario? 

Può sembrare una cosa sofisticata, ma è un'area che la biotecnologia sta esplorando. Essere in grado di immagazzinare e trasmettere codici genetici come qualsiasi altro tipo di informazione è il principio che sta dietro agli apparecchi di “life printing” sviluppati dal biologo Craig Venter, il biologo americano reso famoso per l'aiuto che ha apportato alla mappatura del genoma umano e per la creazione della prima vita sintetica.
Venter sta sviluppando un “convertitore biologico digitale” che sia in grado di trasportare un archivio digitale del DNA, alla velocità della luce, e che ricrei la forma di vita originale nel nuovo ambiente da tali informazioni.

Venter crede che il processo potrebbe essere usato per “stampare” vita aliena, se esiste, qui sulla Terra. Nel caso in cui, supponiamo, il rover su Marte scoprisse dei microbi su un pianeta, potrebbe mandarci indietro mediante irradiazione le copie digitali dei genomi, da riordinare qui sulla Terra. Ne esiste già un prototipo, che, come si poteva immaginare, ha ricevuto il supporto della NASA e della DARPA.

Se pensiamo sia possibile stampare un organismo marziano sulla Terra, perché non potrebbe avvenire il contrario? Per il momento, l'esperimento di Venter affronta il life-printing solo a livello di gene individuale, ma gli organismi unicellulari come i batteri sono i prossimi. “Con creature più complesse,” riporta il New York Times, “terrestri o marziane, probabilmente non sarà mai possibile.”

Probabilmente no. Ma dal punto di vista di Ruvkun vale la pena riflettere su questo metodo di esplorazione “umana” dello spazio, se non altro perché è l'ipotesi meno irrealistica tra tutti i progetti irrealistici di colonizzazione del cosmo.

Se vogliamo comunque parlare di colonie interplanetarie, potremmo allora discutere delle strategie che non sono in definitiva scientificamente impossibili, ha inferito. Sappiamo quali sono le leggi fisiche che ci impediscono di trasportare le persone anni luce attraverso l'universo, ma non ci sono ovvie leggi di natura che ci vietano di mandare degli organismi dal DNA codificato per diffondere la specie su altri pianeti.

“Questa è pura speculazione” ha detto Stelzner alla fine della nostra intervista, “ma non richiede che ci si muova a velocità superiori a quella della luce e non richiede un'infinita quantità di energia.”