Attualità

Qualcuno ha 'trollato' la famiglia Mussolini con la proposta di cambiare cognome

L'ha scritto su Facebook Alessandra Mussolini, che poi ha annunciato di voler procedere legalmente contro il Comune di Roma. OK.
10 maggio 2017, 1:02pm

Qualche tempo fa ho scritto un pezzo su perché anche se non uso il mio vero cognome nella vita di tutti i giorni non voglio farmelo cambiare all'anagrafe. Ecco, mi piace pensare che qualcuno l'abbia letto e vi abbia trovato la giusta ispirazione per la (presunta) trollata comunicata al pubblico italiano dalla pagina Facebook di Alessandra Mussolini. Mi piace pensare di avere avuto un ruolo in questa vicenda.

In breve, la storia è questa: ieri pomeriggio una persona ha chiamato un familiare della Mussolini dicendo di essere un funzionario del Comune di Roma. Al telefono, questa persona ha pubblicizzato l'esistenza di un servizio comunale "per far cambiare rapidamente e facilmente il cognome se ritenuto imbarazzante o che crei disagio." E poi, per fare qualche esempio, ha proposto un paio di alternative: Massolini o Messolini (Immagino sia stato più o meno a questo punto che gli hanno attaccato il telefono in faccia).

Ora, come riporta Nextquotidiano, non esistono annunci riguardo a fantomatici nuovi servizi del Comune di Roma a questo proposito. Anche perché non è il comune che si occupa dei cambi di cognome, ma la Prefettura. Il che riduce il campo a due ipotesi: un tentativo di truffa (con un altro status successivo, Mussolini ha detto che il servizio era a pagamento) oppure, appunto, uno scherzo.

Alessandra Mussolini sembra però aver escluso in partenza quest'ultima ipotesi, tant'è che ha annunciato azioni legali contro il sindaco di Roma Raggi ("o Reggi o Ruggi," come ha scritto lei denotando un certo spirito simpatico).

Comunque, stando al (certamente affidabilissimo) sito Cognomix.it, in Italia ci sono ben 24 famiglie Mussolini (la ricerca per Massolini e Messolini invece non dà risultati). Magari era davvero un impiegato di qualche anagrafe che ha solo sbagliato numero.

Segui Mattia su Twitter