Internet

Perché più di 20mila persone sono convinte che io sia Alda Merini

Cosa succede quando i tuoi disegni vengono scambiati per versi di Alda Merini, e tutti li condividono.

di Anna Magni; come raccontato a Laura Tonini
18 settembre 2017, 8:51am

Grab via Instagram/therealauroragram.

Ho cominciato a fare I DISEGNINI un sacco di tempo fa perché avevo voglia di esprimermi in un modo diverso da quello che uso per lavoro—sono una grafica web. Non saprei bene come definirli neanche io, ma diciamo che sono delle frasi un po' a caso che mi vengono in mente e che mi segno su un blocchetto o sul telefono. È una cosa molto istintiva: non sono mai stata bravissima a disegnare, però li illustro in modo semplice, con uno stile un po' "fatto male". Di solito—attenzione, particolare rilevantissimo—li firmo AM perché Anna Magni è troppo lungo.

anna magni disegnini
Uno dei Disegnini.

Non è esattamente una cosa rivoluzionaria, e ci sono un sacco di artisti che usano tecniche simili, tipo Wasted Rita o David Shrigley, ma più o meno da quando ho cominciato a mettere questi schizzi su tumblr e a creare un apposito account, dargli un nome e via dicendo un sacco di persone hanno cominciato a seguirmi.

Col tempo ho fatto qualche mostra, e spesso capita che qualcuno dei Disegnini giri un po' per l'internet e finisca ripostato su varie pagine, quindi non mi sono stupita particolarmente quando qualche mese fa ho visto che era successo anche al disegnino "Romanticismo", anche se lo avevo disegnato più di tre anni fa.

Quello che capita un po' meno spesso è che a ripubblicare i miei lavori sia una pagina letteraria molto seguita che di solito posta citazioni di autori famosissimi. Io non ero famosissima l'ultima volta che ho controllato, né una "poetessa, aforista e scrittrice," quindi ho immaginato che dovesse esserci un errore.

Effettivamente, l'errore c'era. Improvvisamente, a mia insaputa come un parlamentare qualsiasi, ero diventata Alda Merini. Quell'Alda Merini (1931 - 2009) che Wikipedia definisce appunto "poetessa, aforista e scrittrice italiana."

Ovviamente la mia prima reazione è stata prendere il volo dalle risate e planare per tutta la Lombardia, ma una volta atterrata ho deciso di segnalare alla pagina che c'era stato, come dire, un piccolo malinteso (a discolpa della pagina c'è da dire che si sono immediatamente scusati e hanno messo l'attribuzione corretta, anche se ormai era passato un po' di tempo e quattromila brave persone avevano pensato di aver messo mi piace a una frase di Alda Merini).

Queste persone sarebbero potute rimanere le uniche, e invece no, perché le fake news corrono come il vento e soprattutto si ingrossano lungo il tragitto, quindi la seconda apparizione di "Romanticismo" di Alda Merini è addirittura fuoriuscita da internet per andare a depositarsi sotto forma di stampa appesa alle spalle di Aurora Ramazzotti (che non ha una pagina Wikipedia, ma più di tre a lei direttamente collegate in quanto figlia di Eros Ramazzotti e Michelle Hunzicker e ragione di esistere della canzone "L'aurora"):

Anche questa volta ho scritto subito ad Aurora Ramazzotti per il bene e l'integrità morale dei suoi follower e dei 10.000 mi piace che aveva accumulato. Anche lei è stata molto gentile e ha subito cambiato l'intestazione del post, taggando me e la pagina. Anche in questo caso troppo tardi, perché la maggior parte delle persone potesse sapere che no, anche stavolta non ero Alda Merini.

Da questo momento in poi il Disegnino "Romanticismo" ha preso una vita del tutto sua che non ne vuole sapere di staccarsi da Alda Merini. La frase è ormai indicizzata così, la si trova anche come gif e una volta ho visto addirittura un cofanetto porta rose personalizzato.

romanticismo non significa regalare rose alda merini
I risultati di ricerca per "Romanticismo non significa regalare rose."

Infatti da allora ci sono state altre apparizioni, tipo questa, in una pagina dedicata unicamente ad Alda Merini in cui viene riportato per intero il testo di "Romanticismo".

Nel frattempo ho smesso di segnalare, perché tanto è inutile. E poi parliamone: chi mette like su Facebook ad Alda Merini? Qualcuno segue la pagina di Giovanni Verga o simili? Alla fine chi la vedrà? Non saprei da dove iniziare.

Però a parte farmi molto ridere in qualche modo questa storia ha anche un po' cambiato la mia percezione dell'internet. Ha parecchio diminuito la fiducia nei confronti di quello che sento o che leggo e ha fatto sì che mi affidassi molto di più alle persone che ho vicino per capire/imparare qualcosa o per approfondire qualche discorso. In un certo senso ho alzato il sistema di filtraggio me-internet (comunque che sia chiaro: sono grata a internet e amo internet per il modo in cui mi posso esprimere, ma questo lo sappiamo tutti), anche se non essendo io una utente da buongiornissimo kaffeee ero già mediamente diffidente.

Comunque rimane il fatto che a oggi, facendo un po' di conti, circa 20.000 persone pensano che io sia Alda Merini e questa rimane comunque per sempre una stupenda Storia di Internet.

Per vedere altri disegnini di Anna, vai sulla sua pagina. Laura Tonini ha collaborato alla stesura del post. Si ringrazia anche Alda Merini.