Foto

Foto della Transnistria, la nazione che non esiste

Le Nazioni Unite non hanno mai riconosciuto lo stato, ma ci sono 500.000 persone in Transnistria che meritano la nostra attenzione.

di Adina Florea
22 agosto 2017, 2:50pm

Tutte le foto di Anton Polyakov.

L'autodichiarata repubblica della Transnistria, tra la Moldavia e l'Ucraina, combatte per essere riconosciuta da 27 anni. Nel 1990, il piccolo paese—lungo circa 200 chilometri—ha dichiarato l'indipendenza dalla Moldavia, che a sua volta si era staccata dall'Unione Sovietica in sfacelo. La Transnistria, che aveva un'ampia popolazione russa, sperava di potersi riunire all'Unione Sovietica. Dopo due anni di guerra, il governo moldavo ha concesso al paese lo stato di "territorio autonomo", con alcune forme di controllo sulla propria economia.

Oggi, anche se ha un suo governo, una sua moneta e il suo esercito, la Transnistria continua a non essere formalmente riconosciuta dalle Nazioni Unite e sopravvive grazie ai prestiti russi. L’influenza della Russia è anche di tipo militare: le sue truppe rimangono schierate lì, nonostante il ministro degli esteri moldavo abbia chiesto invano il loro ritiro.

Lo stato sembra bloccato in un'era sovietica. Una statua di Lenin troneggia sopra il palazzo del parlamento. Sul conio nazionale ci sono effigi di generali sovietici, e quasi in ogni casa e in ogni ufficio del governo c'è un ritratto di Stalin.

Il fotografo Anton Polyakov vuole che il mondo conosca la sua patria. Con la serie "Trannistria Conglomerate" ha recentemente vinto il premio Bob Books Photobook Award del British Journal of Photography per aver "dato voce e visibilità ai cittadini della Transnistria." Ho parlato con Anton per capire com'è vivere in una nazione che non esiste, e cosa vorrebbe che il suo lavoro facesse per quello che molti considerano "il buco nero d'Europa".

VICE: Come vivono i tuoi connazionali il fatto di non essere riconosciuti dall'ONU?
Anton:
Creare una identità nazionale è molto difficile. Storicamente, vari gruppi etnici—russi, moldavi, ucraini, bulgari—vivono qui. Ogni giovane deve affrontare una scelta difficile: rimanere, e allora vivere in un paese senza una tradizione forte, senza un settore industriale, senza arte, cultura, senza la speranza che tutto questo si sviluppi in un futuro prossimo—oppure andare via, ma dove? Molti vanno in Russia, o in Moldavia.

Per molti, dal fuori, la Transnistria sembra un po' un museo della Russia sovietica.
In termini di simbologia e architettura, penso sia così in ogni ex repubblica sovietica. A me piace l'architettura sovietica—bisognerebbe conservarla, non rimpiazzarla. È parte della nostra storia, è una vergogna che la gente cerchi di distruggerla.

Io sono nato dopo la dichiarazione d'indipendenza della Transnistria, quindi non so come fosse davvero la vita sotto il regime. Ma non mi sorprende che ci sia una mentalità ancora sovietica. Per molti, quello è stato un periodo abbastanza felice.

Dalle tue foto, sembrerebbe esserci una specie di amore dei giovani della Transnistria nei confronti di esercito e bodybuilding. Perché, secondo te?
La Transnistria deve ancora sviluppare una cultura e una tradizione proprie. L'attenzione per il lato militare e fisico è un tentativo di instillare valori patriottici nei ragazzi—di farli innamorare del loro paese.

Nel progetto Mahala hai immortalato Hristovaia, un villaggio rurale isolato. Perché questa comunità ti interessava tanto?
Sono sempre meno, oggi, le persone che vivono in zone rurali o comunque isolate, perciò mi interessava capire com'è la quotidianità in un villaggio come quello. Volevo capire quali sono le sfide quotidiane, per i singoli e per la comunità.

E come passano il tempo i giovani, lì?
Puoi immaginare che ci sia davvero poco da fare in un posto così piccolo. Comunque, moltissimi hanno accesso alla tecnologia, perciò sanno quello che succede nel mondo. Gli adolescenti della Transnistria sono come quelli di tutto il resto del mondo—gli piacciono la musica pop, i videogiochi e il gossip.

Perché resti in Transnistria?
Mi sento a casa. Ovunque io vada, sono ri-calamitato in questo posto. Voglio fare tutto il possibile per aiutare la nostra repubblica.

Guarda altre foto da "Transnistria Conglomerate" qui sotto: