Quantcast
Com'è drogarti con i tuoi genitori

Ci sono alcune cose che quasi nessuno di noi farebbe davanti ai propri genitori: sesso e drogarsi, per esempio. Ma c'è anche chi ha meno remore: tre ragazzi ci hanno raccontato com'è farsi di cocaina, MDMA e 2C-B con mamma e papà.

Illustrazioni di Fernando Leon.

Dato che hai vissuto con loro per—almeno—due decenni e ti hanno visto nudo per buona parte del tempo, probabilmente non ci sono molte cose di te che imbarazzano i tuoi genitori. Comunque, alcune cose è meglio non farle davanti a loro—tra le prime che mi vengono in mente, fare sesso, guardare porno e drogarsi. E invece, ci sono persone che non si fanno problemi a tirare un paio di righe o farsi una pasta insieme alle persone che le hanno messe al mondo.

Be', e com'è? Per scoprirlo, l'ho chiesto a tre ragazzi olandesi che si drogano abbastanza regolarmente con i propri genitori.

ROBIN, 21 ANNI, OGNI TANTO SI FA DI COCAINA CON SUO PADRE

VICE: Cosa ti dicevano delle droghe i tuoi genitori?
Robin: La mia famiglia è piuttosto tranquilla. Mio padre era uno spacciatore un tempo, e anche mia mamma. Andavano spesso al RoXY [leggendario nightclub di Amsterdam], e sono sempre stati molto aperti sul loro passato e sulle cose che hanno fatto. Mio padre voleva che fossi sempre onesto con lui, soprattutto sulle droghe. Ma alla fine non gli ho detto niente quando mi sono fatto la prima volta, perché comunque era un po' strano, ero un po' spaventato all'idea di dirglielo. Avevo 16 anni quando ho preso la prima pastiglia, e ovviamente lui se ne è accorto appena sono entrato in casa.

Che ti ha detto?
Si è arrabbiato perché voleva che ne parlassimo prima. Voleva che io conoscessi tutti i rischi e che non facessi niente di stupido—per esempio prendere una pastiglia tagliata.

La prima volta che ti sei drogato con tuo padre, è successo per caso o era programmato?
No, non era programmato. È successo. Avevo 18 anni, mio padre mi ha dato un po' di cocaina mentre io stavo uscendo con un amico per andare a una festa. E da quel momento la nostra relazione è stata più o meno così. Quando quello stesso amico è venuto alla cena di Natale, è successo: i miei genitori, il mio amico e io abbiamo passato un bianco Natale.

Bene, e com'è andata?
È stato bello. Abbiamo fatto un sacco di discorsi, anche su cose di cui prima facevamo fatica a parlare—è stato un momento di intimità e apertura.

Se ci ripensi ora, com'è?
Be', mio padre lo considera un modo di avvicinarci, di rafforzare la nostra relazione padre-figlio. Perciò non so quanto sia stato tutto spontaneo, forse la considera una specie di rimpiazzo per la connessione emotiva assente tra di noi. È stato divertente farci insieme per uno o due anni, ma ora la penso diversamente: non credo che debba essere la base del nostro rapporto.

E i tuoi amici cosa ne pensano del fatto che ti droghi con tuo padre?
Anche i miei amici hanno preso cocaina con mio padre a volte, e pensano che sia figo che io possa farlo con i miei. Alcuni pensano che sia un po' strano—e li capisco anche.

Non sono mai successe cose imbarazzanti?
Una volta mi sono fermato dai miei genitori con alcuni amici dopo il Gay Pride di Amsterdam e ci siamo fatti una riga tutti insieme. Quella volta mio padre mi ha davvero messo in imbarazzo, continua a dire ai miei amici che erano fantastici e urlare, "Oh Robin, che amici pazzeschi hai!"

TIMO, 28 ANNI, HA PRESO MDMA A UN FESTIVAL CON SUA MADRE

Che cosa ti dicevano delle droghe i tuoi quando eri piccolo?
Timo: Era un vero tabù. Le droghe sono cattive e ti rendono dipendente—questo mi dicevano. La mia idea del drogato era una persona in un covo sporco con un ago in vena—non un'immagine positiva.

Ma comunque hai cominciato a drogarti?
Sì, avevo circa 23 anni ed ero in un brutto periodo sentimentalmente. I miei amici mi hanno portato a un festival in Belgio, dove per la prima volta ho provato l'ecstasy. Mi si sono aperti gli occhi—ero completamente rapito da quell'esperienza. Non mi ero mai sentito così in vita mia, e non capivo nemmeno come fosse possibile. È stato l'inizio di qualcosa di completamente nuovo per me—tutto quello che mi avevano detto sulla droga era falso. Non sono diventato su due piedi un drogato o una pessima persona—al contrario ero aperto, empatico, pieno d'amore. Ho cominciato a chiedermi che altro ci fosse che non sapevo, ho provato tutto.

E i tuoi genitori come ci sono entrati?
Tre mesi dopo, l'ho detto a mia madre. Ero molto nervoso, non avevo idea di come l'avrebbe presa. Gliel'ho detto mentre eravamo in palestra insieme, e lei era curiosa e molto aperta sull'argomento. Le ho detto che quella era stata l'esperienza migliore della mia vita. Ho disegnato un quadro molto roseo, penso, perché poco dopo mi stava dicendo che voleva provare qualcosa anche lei.

E poi?
Volevo che vivesse l'esperienza completa. Ho iniziato a pensare a dove avrebbe potuto prendere qualcosa in un ambiente positivo, e ho pensato a uno spazio aperto, un giorno d'estate, in un posto in cui non si sentisse "la mamma". Alla fine ho scelto un festival, il Dance Valley, in Olanda, dove a nessuno sarebbe importato che madre e figlio erano insieme. C'ero già stato due volte—suonano musica tranquilla e allegra, non è solo roba da ventenni.

Com'è andata?
Ho dato a mia madre, che allora aveva 51 anni, uno 0,25 di MDMA. L'avevo prima testato con il kit e avevo scelto la dose valutando il suo peso—lei era stata molto ferma su questo. Volevo che lei si sentisse tranquilla, ma non è andato tutto come doveva; si sentiva la testa pesante ed era confusa. Alla fine le ho dato un'altra dose, e allora è andato tutto bene—ha cominciato a ballare. Il punto è che lei è una maniaca del controllo e io volevo che si lasciasse un po' andare.

Come hanno reagito le persone intorno a voi?
I miei amici al festival hanno pensato che fosse tutto molto bello, hanno detto a mia madre che erano contenti fosse lì. Ma molti non riuscivano a immaginare di fare lo stesso con le loro madri.

Quell'esperienza ha cambiato il tuo rapporto con tua madre?
È stato un po' rischioso, ovviamente, i ruoli in quel momento si erano ribaltati. Io ero responsabile per lei. Ma è un bel ricordo, perché lei si fidava di me ed era una bella sensazione. Ha reso più forte il nostro rapporto.

L'avete rifatto?
Sì. Dopo quella prima volta lei è diventata ancora più curiosa, perché all'inizio non era andato tutto bene. Perciò l'anno dopo siamo tornate al Dance Valley e le ho dato subito una dose superiore. È andato tutto a meraviglia. Era contentissima e abbiamo fatto dei bellissimi discorsi. Mi ha detto che sono un figlio meraviglioso, che è stato figo. Avevo avuto conversazioni di quel tipo da fatto con i miei amici, ma mai con mia madre.

È mai successo qualcosa di imbarazzante?
No, ogni tanto doveva sedersi un po', ma era ok. È andato tutto bene. Ovviamente non è come con gli amici che ti abbracci tutto il tempo, ma stavamo seduti nell'erba e chiacchieravamo.

È un'esperienza che consigli?
Be', se può essere un'esperienza intensa che ricorderete per sempre con amore, fatelo. È un regalo per voi e per i vostri genitori. Mia madre è cambiata del tutto, dopo—ora è una persona diversa, molto più affettuosa.

Grazie alla droga?
Sì, certo. Mia madre prima conosceva solo feste piene di ubriachi, che diventano aggressivi e scostanti. Invece lì l'atmosfera era amichevole, piena d'amore—non se lo aspettava. Ora ascolta anche un sacco di musica, siamo anche andati insieme all'Amsterdam Dance Event dello scorso anno. Ci siamo anche fatti di 4fmp e 2cb, è stato bellissimo.

FLEUR*, 21 ANNI, HA PRESO 2C-B CON SUO PADRE DOPO AVER PERSO L'ULTIMO TRENO

VICE: Cosa ti hanno detto i tuoi genitori sulla droga quando eri piccola?
Fleur: I miei genitori sono sempre stati molto aperti su tutto, ma non mi hanno mai spinto a drogarmi. Mi hanno dato dei volantini informativi, perché sapevano che non era molto plausibile che non avrei mai provato niente. A volte dicevano cose tipo "anche noi una volta eravamo giovani, sai," non erano degli ingenui.

La prima volta che ti sei drogata con i tuoi genitori era pianificata?
No, è successo naturalmente. Non ne avevamo discusso prima, è successo e basta.

Com'è andata?
Circa tre anni fa, quando avevo 18 anni, io e mio padre siamo andati ad Amsterdam a bere qualcosa. Ci siamo ubriacati e abbiamo perso l'ultimo treno per tornare a casa, e siamo andati a passare la notte da un amico di mio padre. Al tempo il 2C-B era ancora una relativa novità, e l'amico di mio padre ne stava parlando. All'inizio scherzavamo. Poi lui ci ha chiesto se volevamo provare, perché ne aveva un po', e noi abbiamo detto sì.

Ok, e come è andata?
Be', è stato molto divertente. Abbiamo parlato, abbiamo cominciato a filosofeggiare. A un certo punto non eravamo più sicuri che i mattoni del muro fossero sempre stati di quella dimensione o no. Sia io sia mio padre abbiamo cominciato ad avere allucinazioni, e insieme abbiamo cercato di capire cosa era vero e cosa no. Ci siamo divertiti.

E tua madre cosa ne ha pensato?
Penso che l'abbia trovato divertente. Avevamo fumato erba insieme prima, quindi non penso l'abbia considerata una cosa strana.

E se ci ripensi, ti imbarazza?
No, se ci ripenso è stato divertente, abbiamo fatto una bellissima esperienza insieme che non dimenticherò facilmente.

* Il nome di Fleur è stato cambiato per proteggere la privacy di suo padre

Segui la nuova pagina Facebook di VICE Italia: