FYI.

This story is over 5 years old.

medio oriente

Come cambia il potere di Erdogan dopo il golpe fallito in Turchia

Quali saranno le prossime mosse del presidente Tayyp Erdogan? Su quali esponenti politici potrà fare affidamento? E come reagirà sul piano diplomatico?
18.7.16
[Foto di Ismail Coskun/IHA via AP]

Dopo aver resistito al fallito colpo di stato di venerdì scorso, ci si chiede quali saranno le prossime mosse del presidente Tayyp Erdogan.

Su quali esponenti politici potrà fare affidamento? E come reagirà sul piano diplomatico?

Per cercare di rispondere a queste domande, VICE ha parlato con Miltiadis Sarigiannidis, professore di legge internazionale alla Aristotle University di Salonicco.

VICE: Professor Sarigiannidis, innanzitutto, come vede il futuro della Turchia?

Pubblicità

Miltiadis Sarigiannidis: La Turchia attraverserà tempi duri. Da un punto di vista politico, il divario tra "il governo di stampo islamico" che Erdogan ha adottato e il regime tradizionale kemalista si sta allargando.

Che cosa pensa dell'idea che il golpe sia stato architettato ad arte?

Chiunque sostiene che il colpo di stato fosse falso probabilmente si sbaglia. Non si organizzano golpe per fornire un alibi ma per assicurarsi che non ci sia un alibi.

Nego la possibilità di un complotto. Invece, credo che probabilmente ci sia stata una congiura per deporre Erdogan che ora è stata svelata.

Questo scenario sembra più probabile dell'idea che Erdogan abbia orchestrato il colpo di stato per giustificare la sua presenza e consolidare ulteriormente il proprio potere.

Crede questi eventi abbiano scalfito la reputazione da "leader onnipotente" che Erdogan si era creato?

Assolutamente. Erdogan era sempre stato visto, sia in Turchia che all'estero, come un leader potente che può contare sul sostegno del popolo - come dimostra il 52 per cento dei voti ottenuto nelle elezioni.

Ora, quell'immagine è stata distrutta. Non esiste più. L'uomo che con l'Operazione Martello avrebbe dovuto colpire duramente il regime militare kemalista e il cosiddetto stato oscuro, non ha avuto successo.

Leggi anche: Che cosa è successo di preciso in Turchia

Erdogan ha dovuto difendersi da un golpe e questo prova che lui non controlla qualsiasi cosa e non detiene il potere assoluto sugli apparati militari. Al contempo, credo che ci saranno delle conseguenze sul piano delle relazioni internazionali.

Non penso che continuerà a essere visto come un leader che può vantare un'ampia legittimità politica e, quindi, può essere un alleato affidabile.

Pubblicità

Secondo lei, quali saranno i suoi prossimi passi?

Credo che cercherà di sfruttare al massimo questa legittimazione popolare. Facendo leva sulle percentuali di voto che ottiene, e sul fatto di aver sventato un golpe, Erdogan proverà a presentarsi come un leader della gente e un difensore della democrazia. In questo modo, cercherà di rafforzare la sua base politica, che è già ampia.

Tuttavia, chi dice che i media e le persone per strada lo sostenevano possibilmente esagera.

Quindi chi erano queste persone che sono scese per strada?

Sostenitori del suo partito, l'AKP. Sono stati chiamati a lottare per Erdogan dai minareti. Certamente, chiunque sente che la sua sensibilità democratica sia stata offesa può reagire a un golpe.

Però il governo di Erdogan non è democratico, sebbene sia stato eletto democraticamente. E dato che i golpisti hanno cercato di deporre un leader con un enorme mandato, non sono stati in grado di organizzare un colpo di stato in nome della democrazia.

Perciò, direi che i suoi sostenitori sono scesi in strada per difendere il loro leader. Ricordiamoci che questo è successo soprattutto a Istanbul, dove Erdogan è stato sindaco e dove gode di ampio supporto politico – ecco perché aveva scelto di andare lì. Ma non abbiamo sentito parlare di gente scesa in strada in altre città come Izmir, per esempio, roccaforte repubblicana.

Leggi anche: Sono stata fermata per 30 ore in Turchia ed espulsa e nessuno ha saputo dirmi il motivo

Nonostante alcune esitazioni iniziali, i leader di tutto il mondo hanno poi fatto sentire il loro sostegno alla Turchia.

Questo è abbastanza normale. Non credo che nessuno si aspettasse che i vari capi di stato rilasciassero un comunicato in favore del colpo di stato. La loro reazione è stata soltanto una formalità; tutti i governi devono comportarsi così. Il punto è che il prestigio diplomatico di Erdogan ha subito un duro colpo.

Pubblicità

Cosa succederà, nelle relazioni con Siria e Russia?

Erdogan è stato incaricato di stabilire relazioni bilaterali, ma con un prestigio diplomatico compromesso non può più presentarsi con arroganza nei confronti delle altre parti in causa. Immaginiamo, per esempio, come potrebbe trattarlo Assad. Erdogan lo accusa di non avere il consenso popolare, e ora Assad può dire lo stesso di lui.

Crede che cercherà nuovi "nemici"?

Non credo che il golpe fallito offra a Erdogan l'opportunità di approfittare di una certa benevolenza politica, per governare la Turchia. Dobbiamo ancora vedere quale sarà la sua prossima mossa, certamente. Non mi sorprenderebbe se tentasse di allontanare ogni responsabilità per il colpo di stato lontano dall'esercito. Sicuramente vuole mantenere il controllo sull'esercito, quindi potrebbe far ricadere le accuse sui suoi avversari, come Gulen, per esempio, o il Partito dei Lavoratori Kurdi (PKK).


Questo articolo è apparso originariamente su VICE Grecia.

Segui VICE News Italia su Twitter, su Telegram e su Facebook