Food by VICE

Alla ricerca dell'ultima pizza fritta dei Quartieri Spagnoli a Napoli

Durante la Seconda Guerra Mondiale, i napoletani per sopperire alla mancanza di pizza tonda pensarono di friggere l’impasto per dare un maggiore senso di sazietà a chi mangiava.

di Paola Della Monica; foto di Alessandra Mustilli
11 febbraio 2019, 10:18am

Tutte le foto di Alessandra Mustilli per Munchies Italia

I pentoloni pieni d’olio fuori ai vasci sono quasi del tutto scomparsi. Ma attenzione, ho detto quasi.

Dopo l’ultima oscenità della bomba carta da Gino Sorbillo, l’unico rimedio, almeno per me, è raccontare altre Napoli. E in questo caso, raccontare la storia di una famiglia, una storia di impegno e fatica, di cicoli e ricotta, e di una serranda che nessun sigillo sarà mai in grado di abbassare.

Durante la Seconda Guerra Mondiale, a Napoli, la pizza tonda tradizionale era diventata quasi un lusso: mancavano gli ingredienti per condirla e i forni a legna erano andati distrutti. Ma i napoletani, si sa, non si perdono mai d’animo, e così pensarono di friggere l’impasto per farlo gonfiare e dare un maggiore senso di sazietà a chi la mangiava.

I pizzaioli, per arrotondare, preparavano l’impasto nel loro giorno libero e le mogli friggevano fuori l’uscio di casa, fuori al vascio. Segnavano su un quadernetto chi aveva preso la pizza quel giorno ed ecco risolto il problema della fame, al conto poi ci si pensava dopo una settimana.

Pizza-fritta-dove-quartieri-spagnoli
Pizza fritta nei Quartieri Spagnoli. Tutte le foto di Alessandra Mustilli

Il fatto che la pizza fritta abbia un’anima così profondamente legata alla natura della Napoli popolare, secondo me, l’ha messa un po’ ai margini. Mentre la classica pizza tonda napoletana cotta al forno ha raggiunto ormai una dimensione di livello internazionale, i pentoloni pieni d’olio fuori ai vasci sono quasi del tutto scomparsi. Ma attenzione, ho detto quasi.

Nel giorno del Pizza Day ho deciso quindi di andare ai Quartieri Spagnoli, con la migliore spalla di sempre, Alessandra, a trovare l’ultimo baluardo della pizza fritta fatta in casa, la dea su tutti gli dei dell’Olimpo napoletano dello street food.

Quartieri-spagnoli

Esco dal portone di casa, scendo su Piazza Plebiscito e sento odore di sfogliatella e caffè, mi faccio strada tra i turisti e i corrieri di Just Eat e supero a passo veloce gli studenti affrettati su via Toledo.

Fernanda Pizze Fritte

Nel punto dove Piazza Carità incrocia Via Simonelli salgo nel ventre di Napoli e, facendo slalom tra i motorini, arrivo da lei: Fernanda.

Pizza-fritta-Napoli-Fernanda
La signora Fernanda.

Seconda di 6 figli, vive a Via Speranzella, praticamente da sempre. La casa è quella in cui è cresciuta, insieme alla madre, al padre, alle sorelle e al suo fratellino più piccolo. Esattamente di fronte al suo vascio, in uno spazio che sarà di qualche metro quadro, sua madre Filomena, poco meno di 100 anni fa, ha cominciato a friggere la pizza.

Pizza-fritta-vasci

Fernanda è un po’ contrariata, ci dice che non siamo le prime ad averle fatto visita questa settimana, che non vuole pubblicità e che se ha clienti che aspettano non può mettersi a perdere tempo con noi. Cerco di farle capire che non vogliamo darle alcun fastidio, ma solo mangiare una pizza e fare due chiacchiere.

Pizza_Fritta_dove

Sono cresciuta con i film di Vittorio De Sica e quando penso alla pizza fritta la prima cosa che mi viene in mente è la scena de L’Oro di Napoli, in cui Sophia Loren stende l’impasto della pizza sulla tavolozza, lo imbottisce di ricotta e lo butta nel pentolone pieno d’olio bollente.

“Mia mamma friggeva le pizze come Sophia Loren” mi dice Fernanda con la faccia fiera . “’A oggi a otto, la chiamavano all’epoca, perché la mangi oggi e la paghi fra 8 giorni”.

Cicoli per la pizza fritta
Cicoli

E intanto ci prepara una grande completa. La guardo incantata, accarezza quell’impasto come se fosse un neonato in fasce, il cucchiaio affonda nella ricotta, qualche pezzettino di provola di Agerola, un po’ di sugo di pomodoro e una manciata di pepe nero. Ma i veri protagonisti sono quelli che per il resto d’Italia si chiamano ciccioli, ma che per noi sono i lardinzi, i siccioli, le frittole, gli sprittoli, le scittole, i cicoli; e che non sono altro che il risultato della bollitura delle parti grasse del maiale, laddove la parte liquida formerà, dopo la solidificazione, la sugna, mentre i panetti residuali, sono i cicoli.

pizza-fritta-ripieno
Il ripieno con i cicoli della pizza fritta della signora Fernanda.

Hanno un sapore sicuramente molto forte e caratteristico, e sono ricchi di grassi, ma come tutte le cose che aumentano il colesterolo, sono da orgasmo. Dopo la frittura poi la pizza viene storicamente messa in un colino di alluminio forato sul fondo per far scolare l’olio in eccesso.

Pizza-Fritta-Fernanda-Napoli

“Tiè nennè, mangia!”. La pizza fritta è buona, si, ma questa, avvolta nella carta del pane e mangiata così, all’impiedi, è stratosferica.

Pizza-Fritta-vasci-paola-

D’improvviso, tutta la diffidenza e tutto l’astio scemano e comincio a capire che Fernanda ha un sacco di cose da dire e di cui parlare, ma che le piace farlo con pochi. Comincia a raccontarci la storia della sua famiglia, a farci vedere le foto dei genitori che conserva gelosamente e ci invita a fumare una sigaretta insieme mentre parliamo.

Pizza fritta popolare

“Anche mia sorella maggiore, Lucia, faceva le pizze fritte, sempre ai Quartieri Spagnoli, ma più su. Ora ci sono le mie nipotI” dice “ma loro friggono soltanto il sabato. Un sabato fanno le pizze e l’altro i panzerotti”.

Pizza fritta -Cicoli

Lucia per tutti è Pipella. Lucia è bella, Lucia è gentile e il “comm’è bellella, comm’è bellella” di tutti i quartierani, per suo fratello minore diventa presto “comm’è pipella, comm’è pipella”. Pipella a 13 anni riceve una dispensa papale e si sposa con suo marito con cui fa ben 12 figli.

Teresa, Patrizia e Gaetana (detta ‘A Cinese) sono però le uniche che oggi portano avanti la tradizione della pizza fritta della madre.

Quartieri-Spagnoli-Napoli-street-art
Maradona-napoli-street-art

Così saluto Fernanda e salgo da Portacarrese a Montecalvario, supero la Fondazione Quartieri Spagnoli, salgo le scale e arrivo a Largo degli artisti. Mi lascio Maradona alle spalle e Iside a sinistra e giro a destra su Vico Santa Maria Ogni Bene. Ed eccole là, tutte e tre, a formare una catena di montaggio.

Cinese-Pizza-fritt-vascio-Napoli

Una stende, un’altra imbottisce e la terza frigge. Teresa subito mi accoglie calorosamente, le spiego che sto scrivendo un articolo e mi mostra un libro in cui è stata pubblicata una sua foto e la sua storia.

Ci troviamo in una vecchia latteria e sulla parete di fondo sotto la foto di Pipella in bianco e nero, compare un piccolo tagliere che recita: “Finchè la mamma ti sorride, ama la vita e le sue sfide”.

Fino-a-che-la-vita-ti-sorride
Cinese-Pizza-Fritta-uscio

“’A Cinese, me le fai due pizze vengo tra un’ora?” Chiede un ragazzo sul motorino rallentando senza neanche fermarsi. “Vabbuon” e segna sul suo taccuino. Il sabato sera la pizza fritta della Cinese è un imperativo morale.

pizza-che-frigge

Mentre parliamo, le guardo affascinata e comincio a chiedermi perché lo fanno. Per guadagno? No, secondo me lo fanno per affermare ogni giorno la loro identità, quella del quartiere popolare, portando avanti una tradizione secolare.

Pizza fritta

Da qui scaturisce tutto l'amore che usano per impastare, imbottire e friggere. Per chi accoglie questo amore, il premio è di gustare una delizia che sta scomparendo. E il conforto che deriva dalle cose semplici, pulite, belle e piene d'olio.

Pizze fritte dove mangiarle a Napoli

Segui Paola su Instagram

Segui Alessandra su Instagram

Segui MUNCHIES su Facebook e Instagram

Vuoi restare sempre aggiornato sulle cose più belle pubblicate da MUNCHIES e gli altri canali? Iscriviti alla nostra newsletter settimanale

Tagged:
Munchies
Food
Pizza
Napoli
Street Food
Cultura
storia
Pizza Fritta
Food Tour