Pubblicità
russia

In Russia un uomo rischia un anno di carcere per aver scritto su internet che "Dio non esiste"

L'uomo - ateo - è stato portato in tribunale per aver "insultato le credenze religiose e i sentimenti dei cittadini."

di Reem Saad
04 marzo 2016, 4:12pm

Foto di Khaled Elfiqi/EPA

Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato 

Un ateo che vive nel sud della Russia rischia fino a un anno di carcere per aver negato l'esistenza di Dio in una conversazione online abbastanza infuocata avvenuta su un sito internet.

Viktor Kransov, un 38enne di Stavropol, è apparso in tribunale mercoledì, 16 mesi dopo aver scritto "non c'è nessun Dio!" su un sito internet nell'ottobre del 2014.

"Se dico che la raccolta di favole ebraiche chiamata 'Bibbia' è una completa stronzata, è così, punto. Almeno per me," aveva scritto Krasnov.

In seguito a una segnalazione di una delle persone coinvolte nella conversazione online, il Comitato Investigativo russo ha accusato Krasnov di "aver insultato le credenze religiose e i sentimenti dei cittadini." Questo nuovo reato è stato introdotto dopo che le componenti del gruppo femminista e anarco-punk Pussy Riot sono state arrestate e imprigionate nel 2012 per un'esibizione nella principale cattedrale di Mosca.

Secondo il sito di informazione anti-governativo Grani.ru, lo scorso anno Krasnov è stato costretto a trascorrere un mese in un ospedale psichiatrico, prima di essere finalmente dichiarato "sano." L'avvocato di Krasnov ha detto ad AFP che il suo cliente è "semplicemente un ateo," e che nel corso della discussione ha criticato anche Halloween e le festività Yiddish.

Leggi anche: La situazione economica in Russia è un casino totale

La libertà su internet in Russia si è costantemente degradata negli ultimi anni. Nel 2012, le autorità hanno approvato una norma che permette all'agenzia federale per le comunicazioni di mettere siti web dentro una black list anche senza un'ordinanza del giudice. Lo scorso anno è entrata in vigore una legge per la creazione di un registro di blogger famosi, che ora sono soggetti alle stesse regole dei media mainstream — una mossa che è ritenuta un modo per minacciare l'opposizione con possibili procedimenti penali.

In passato, il governo russo ha anche approvato delle modifiche per aumentare significativamente le pene per l'incitamento online al separatismo, all'estremismo e all'odio. Per questi reati si può finire in carcere anche per cinque o sei anni.

In Russia, nel solo 2015, almeno quattro persone sono state arrestate e condannate per aver violato queste norme — secondo quanto riportato dal gruppo di difesa dei diritti umani Freedom House, che monitora le libertà online in tutto il mondo e stila una classifica dei paesi in base al loro accesso a internet e alle violazioni dei diritti degli utenti. Nel suo rapporto del 2015, l'organizzazione ha dato alla Russia un voto complessivo di 62, definendo il paese "non libero" per gli utenti.

Leggi anche: Abbiamo fatto il "tour della cleptocrazia" tra le ville dei miliardari russi a Londra


Segui VICE News Italia su Twitter e su Facebook

Alec Luhn ha contribuito alla stesura di questo articolo.