Pubblicità
Droga

In Colorado, sempre più 'turisti della marijuana' si sballano troppo e finiscono al pronto soccorso

Il dipartimento di salute pubblica del Colorado sta pensando a delle soluzioni per educare i turisti sui possibili effetti collaterali e i dosaggi adeguati.

di Colleen Curry
26 febbraio 2016, 10:00am

Rick Wilking/Reuters

Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato 

Maureen Dowd, editorialista del New York Times, non è l'unica turista in Colorado ad avere assunto un po' troppo cibo a base di marijuana da quando, nel 2012, lo stato americano ha legalizzato l'erba.

"Ero nella mia stanza d'albergo a Denver, e ho dato qualche morso sul bordo; poi, quando non è successo nulla, ho mangiato qualche altro boccone," ha scritto nel 2014 sul New York Times dopo aver ingerito più barrette di cioccolato alla marijuana di quante avrebbe dovuto. "Avevo il fiatone ed ero paranoica, ero sicura che quando avrebbe bussato il cameriere del servizio in camera avrebbe chiamato la polizia e mi avrebbe fatta arrestare per non essere stata in grado di reggere la barretta di cioccolato."

Secondo uno studio pubblicato ieri nel New England Journal of Medicine, il numero di turisti provenienti da altri stati finiti al pronto soccorso con sintomi dovuti all'erba è raddoppiato dal 2013 al 2014, mentre il numero di visite al pronto soccorso dei locali è rimasto più o meno lo stesso.

Gli autori dello studio ritengono che gli abitanti del posto siano più consapevoli dei dosaggi e dei possibili effetti collaterali del cibo alla marijuana — in parte grazie alle campagne formative condotte dal dipartimento di salute pubblica del Colorado, ma anche perché possono procurarsi il cibo alla marijuana in qualsiasi momento.

"Quando si fa un viaggio di piacere è più probabile avere meno moderazione rispetto al normale, abbuffarsi. Credo che anche questo sia parte [del problema]," ha detto Howard Kim, professore di medicina d'emergenza alla Northwestern University e co-autore dello studio.

Ha paragonato l'eccessiva indulgenza dei turisti dell'erba ai "liceali che si riempiono di alcool — non sono abituati agli effetti e potrebbero non essere preparati [ad affrontarli]. Quando si diventa maggiorenni non è più così invitante, perché lo si può consumare in qualsiasi momento."

Leggi anche: L'industria della marijuana legale negli USA vola — ma ha un problema con i contanti

Kim ha detto che, generalmente, i pazienti che si recano negli ospedali del Colorado si lamentano di tre disturbi: problemi psichici, soprattutto ansia o agitazione o brevi psicosi; problemi cardiovascolari come pressione alta o tachicardia; e problemi gastrointestinali come nausea o vomito. Secondo lo studio, su 10.000 pazienti che si sono recati nei pronto soccorso nel 2014, 168 erano turisti; 112, invece, erano abitanti del posto.

Stando a Kim, nessuno di questi sintomi è difficile da trattare. Generalmente ai pazienti vengono somministrati liquidi, medicine anti-nausea e farmaci contro l'ansia - se ne hanno bisogno, - poi vengono mandati a casa.

"Credo che molti turisti non siano consapevoli della differenza tra i prodotti con cui l'erba viene inalata o fumata e quelli con cui viene ingerita," ha detto. "E questo è un grande problema, le persone mangiano un brownie alla marijuana o un biscotto, e si aspettano di sentire gli effetti immediatamente; poi quando non li sentono, ne mangiano ancora uno o due, e quando iniziano a fare effetto qualche ora dopo, lo sentono davvero."

Kim ha spiegato che il dipartimento di salute pubblica del Colorado sta ora pensando a delle soluzioni per educare i turisti sui possibili effetti collaterali e sui dosaggi adeguati. 

Il professore non pensa che l'aumento di visite dei turisti nei pronto soccorso abbia contribuito in maniera significativa alla spesa per la sanità, considerando che il numero è ancora relativamente basso. Tuttavia, indica la necessità di educare coloro che si recano in Colorado per provare la marijuana.


Segui VICE News Italia su su Twitter e su Facebook

Tagged:
MARIJUANA
Cannabis
COLORADO
VICE News
erba
legalizzazione
Stati Uniti
crimine
americhe
crimine e droga
cibo alla marijuana