Come una guerra energetica nei Balcani ha ritardato gli orologi europei di 5 Minuti

Se ultimamente sei sempre in ritardo potrebbe non essere colpa tua.
9.3.18
Immagine: Shutterstock

Se qui in Europa siamo tutti in ritardo, più del solito, non è per colpa nostra — ma dei nostri orologi.

Sabato, l'ente European Network of Transmission System Operators for Electricity (ENTSOE) ha dichiarato che il sistema energetico europeo, una rete che connette 25 paesi, ha subito una serie di cali energetici a partire da metà gennaio che hanno causato un rallentamento di tutti gli orologi non al quarzo per un totale di quasi 6 minuti.

Pubblicità

Qualche giorno fa, l'ENTSOE ha rilasciato un altro comunicato che indicava una faida tra Serbia e Kosovo su questioni energetiche come la ragione della mancanza di corrente. Secondo ENTSOE, questa faida avrebbe fatto sparire 113 Gigawatt/ora dalla rete del continente europeo.

Questo, a propria volta, avrebbe fatto scendere la frequenza della corrente sotto i 50 Hertz (questa è la misura del numero di volte in cui il voltaggio ha raggiunto il suo valore massimo al secondo. In Europa, questo ciclo ha una cadenza di 50 volte al secondo). Molti orologi elettrici tengono il tempo misurando la frequenza della rete a cui sono allacciati. Quindi, se la rete elettrica devia dalla frequenza normale, causerà un rallentamento o una accelerazione dell'orologio — a seconda dei cicli di voltaggio più o meno frequenti.

ENTSOE ha detto che "una cosa del genere non è mai accaduta nel sistema energetico della comunità europea, e deve finire prima possibile," sottolineando la necessità di una soluzione politica per sopperire ai problemi tecnici.

Kosovo e Serbia hanno infatti una storia controversa che è culminata in una guerra sanguinosa che è costata oltre 13.000 vite alla fine degli anni novanta. Il risultato è stata la dichiarazione di indipendenza del Kosovo nel 2008, che però la Serbia non vuole riconoscere. Dalla fine del conflitto, nel 1999, quattro città del nord del Kosovo sono rimaste fedeli alla Serbia e hanno rifiutato di pagare il governo kosovaro per l'energia che usano, riporta Balkan Insight.

A dicembre, il governo kosovaro ha detto che taglierà i costi dell'energia elettrica del 3,5 percento dopo aver smesso di pagare le bollette per le quattro città dopo 19 anni. Lunedì, ha dichiarato che allocherà 1 milione di euro derivanti da questi costi. "La domanda su chi compenserà la perdita necessita di una risposta," ha dichiarato ENTSOE in uno statement.

Secondo Swissgrid, che opera nella rete Svizzera, l'attuale frequenza della corrente in Europa è 49,99 Hertz. Non una grossa differenza rispetto ai normali 50 Hertz, ma con il tempo anche i piccoli scarti si sommano. Mentre scrivo, il ritardo degli orologi è arrivato a 344 secondi. Se la frequenza dovesse mai scendere sotto i 47,6 Hertz, secondo ENTSOE, i device si disconnetterebbero automaticamente.

Nel frattempo, ENTSOE ha fatto sapere che è possibile resettare gli orologi manualmente e poi sincronizzarli di nuovo quando la rete torna normale. In alternativa, dovremmo aspettare diz alla normalità. La vera difficoltà non è tecnica, ma politica. Quando si tratta della faida energetica tra Kosovo e Serbia, una soluzione efficace richiederà del tempo — nel vero senso della parola.

Questo articolo è apparso originariamente su Motherboard US.