Pubblicità
Stuff

Cosa fanno i medici quando un testimone di Geova rifiuta le trasfusioni

Per i testimoni di Geova la trasfusione di sangue è peccato: abbiamo chiesto a un po' di medici di spiegarci come fanno a curarli senza.

di Elizabeth Brown
08 marzo 2018, 5:00am

Immagine di Jacinta Lluch Valero via Flickr

Si stima che ogni anno cinque milioni di americani ricevano trasfusioni di sangue. Alcuni di loro sono testimoni di Geova, nonostante la pratica sia condannata e vietata dalla loro fede. La maggior parte dei testimoni di Geova, però, tiene fede alle prescrizioni religiose.

"Sono nata e cresciuta in una religione in cui le trasfusioni di sangue erano considerate la cosa peggiore che una persona potesse fare. Mi dicevano, 'Non fartele fare per nessuno motivo, anche se significa morire'," mi ha detto Linda Curtis, ex testimone di Geova e autrice di Shunned: How I Lost My Religion and Found Myself. "Farsi iniettare il sangue di un'altra persona è considerato un grave peccato."

Curtis mi ha spiegato che le ragioni del divieto si trovano sia nell'Antico che nel Nuovo Testamento. Secondo il sito ufficiale del culto astenersi dal sangue altrui è "altrettanto importante che astenersi dai comportamenti sessuali immorali e dall'idolatria." Ma entrano in gioco anche riferimenti alla santità del sacrificio del sangue di Gesù.

"Gesù Cristo è venuto sulla Terra per vivere una vita perfetta e senza peccato, e per dare questa vita in sacrificio così da espiare i peccati dell'umanità," mi ha detto Curtis. "Quindi spargere il proprio sangue o assumere sangue altrui è considerata la più grande mancanza di rispetto possibile."

Ecco alcune delle tecniche che i medici usano quando si trovano davanti un testimone di Geova che avrebbe bisogno di una trasfusione.

RECUPERO INTRAOPERATORIO DEL SANGUE

Nel caso delle operazioni complicate, uno dei metodi più diffusi per evitare di dover ricorrere alle trasfusioni è il recupero intraoperatorio del sangue. In pratica in questa procedura si prende il sangue fuoriuscito dalle incisioni praticate per operare il paziente, lo si passa in un macchinario che lo 'pulisce' e poi lo si rimette in circolo se e quando ce n'è bisogno.

Il motivo per cui questa procedura è accettabile per un testimone di Geova è che il flusso sanguigno rimane continuo. Il suo sangue passa per un po' in un circuito di tubi all'esterno del suo corpo, ma resta sempre in circolo.

VASOCOSTRIZIONE

Per evitare perdite di sangue in fase operatoria, un'opzione è ricorrere alla vasocostrizione. Usando medicinali che bloccano i vasi sanguigni e riducono temporaneamente il flusso del sangue, è possibile ridurre il rischio di una grossa perdita di sangue per superare la quale ci sarebbe bisogno di una trasfusione. Leonard Grossman, un chirurgo plastico di New York, mi ha detto di aver praticato questa tecnica su diversi testimoni di Geova che non avrebbero accettato una trasfusione di sangue nemmeno in caso di una grave emorragia.

"Negli ultimi 22 di anni ho sempre usato la vasocostrizione, utilizzando una forma molto diluita di lidocaina e un po' di adrenalina. Sto attentissimo ai dettagli e mi assicuro che non ci sia un solo vaso sanguigno che perde sangue durante l'intervento. Sono sempre stato fortunato e i miei pazienti non hanno mai perso più di qualche cucchiaio di sangue."

ERITROPOIETINA

Altri medici usano un ormone chiamato eritropoietina, che stimola la produzione di globuli rossi e di solito si dà ai pazienti anemici. Michael Mencias, direttore medico del Metropolitan Jewish Health System di Brooklyn, mi ha detto di ricordare un caso in cui una paziente oncologica aveva necessità di una trasfusione. Ma per via della sua fede, Mencias e il suo team avevano dovuto trovare un'alternativa.

"È stata una situazione difficile, c'era immediato bisogno di una trasfusione ma la paziente si rifiutava," mi ha raccontato. "La soluzione è stata somministrarle per via endovenosa dell'eritropoietina, che stimola la produzione di globuli rossi. Era il massimo che potessimo fare. Ma perché l'ormone faccia effetto e alzi la conta dei globuli rossi nel sangue ci vogliono un paio di giorni. Una trasfusione di sangue avrebbe fatto effetto subito. La paziente stava sempre più male e la trasfusione era sempre più necessaria, perché era sempre più difficile aumentarle il numero dei globuli rossi. Ma è rimasta ferma nelle sue credenze, e abbiamo rispettato la sua volontà."

PLASMA, PIASTRINE E GLOBULI ROSSI

Mentre accettare una trasfusione per i testimoni di Geova è peccato mortale, la religione non vieta di accettare altri "prodotti" sanguigni come plasma, piastrine o persino globuli rossi e bianchi.

Il 15 giugno 2000 sulla rivista ufficiale dei testimoni di Geova, La torre di guardia, è stato pubblicato un articolo che si chiedeva se fosse o meno permesso accettare questi prodotti, che non sono vero e proprio sangue. La risposta era la seguente: "Non lo sappiamo. La Bibbia non fornisce dettagli, per cui ogni fedele può decidere per sé e renderne conto a Dio."

SEGRETEZZA

"Il paziente può chiedere di non ricevere visite o telefonate," mi ha detto Allison Squires, professoressa al Rory College of Nursing della New York University. "Per non far sapere ai membri della sua comunità religiosa cosa sta facendo."

Squires è stata per dieci anni infermiera in un'ospedale e ha lavorato con pazienti testimoni di Geova che soffrivano di gravi patologie respiratorie in grado di causare anemie, che a volte richiedevano trasfusioni di sangue. Mi ha detto di non ricordare un solo caso in cui un testimone di Geova abbia rifiutato una trasfusione, ma ha aggiunto che tutti i pazienti volevano che la cosa rimanesse segreta a tutti fuori dallo staff dell'ospedale.

VIE LEGALI

Quando si tratta di pazienti minorenni in situazioni d'emergenza, capita che le alternative a una trasfusione di sangue non siano davvero un'opzione. Jay Requarth, ex chirurgo cardio-toracico, mi ha raccontato di aver operato un 15enne testimone di Geova: "Quando è arrivata la famiglia, si sono precipitati a staccargli la flebo di sangue. Ovviamente si tratta di un grosso problema per noi medici, ma in questi casi i tribunali tendono a darci ragione. Nel mio caso abbiamo subito contattato l'avvocato dell'ospedale che ci ha dato istruzioni sul da farsi. Abbiamo chiamato la polizia per allontanare la famiglia."

Curtis mi ha detto che in casi come questo il ragazzo che riceve la trasfusione non viene scomunicato dalla chiesa, ma la comunità considera comunque la cosa come una grave tragedia per la famiglia.

Un portavoce dei testimoni di Geova contattato per la realizzazione di questo articolo ha rifiutato di fare commenti in merito.

Questo articolo è apparso originariamente su Tonic.

Tagged:
salute
religione
medicina
Testimoni di Geova
fede