A quanto pare si può fare il vino nella pentola a pressione elettrica

Ovviamente l'idea viene dagli americani.
1.3.18
Collage fotografico. Foto via Flickr

Sono tempi d'oro per l'Instant Pot, la pentola a pressione elettrica che è in commercio dal 2010, ma solo negli ultimi due anni ha guadagnato una popolarità crescente per le sue tante funzionalità.

Il food blogger David Murphy è uno degli accoliti di questo nuovo culto. Nei primi giorni di convivenza con la sua 6-quart DUO Plus Instant Pot ha trovato un meme su Facebook che si chiedeva ironicamente perché nessuno avesse ancora pensato di mettere l'uva in una pentola a pressione e farci del vino.

Pubblicità

Era uno scherzo. Murphy l'ha preso come una sfida.

Murphy ha spulciato in tutte le ricette con l'Instant Pot presenti su Internet, ma non ne ha trovata nessuna che facesse al caso suo, solo una preparazione del vin brulè basata su vino da supermercato. Quindi ha deciso di crearne una lui.

Murphy, membro della Instant Pot Community Group on Facebook, ha tartassato gli amministratoricon domande infinite sul funzionamento della pentola.

"E poi ho avuto la mia epifania" ha scritto a MUNCHIES questo mercoledì per email "La Instant Pot ha una funzione yogurt, che si può usare meno calore. Prima che me ne accorgessi, stavo facendo shopping su Amazon e correndo al negozio per comprare del succo e mettere alla prova la mia teoria… e ha funzionato!"

Ammette che non è il miglior vino che teoricamente si potrebbe comprare; è più un "vino da tavola estremamente piacevole" che costerebbe circa 12 dollari per 8 bottiglie.

Il risultato è stata una ricetta postata sul suo blog i primi giorni di febbraio che conduce i lettori attraverso l'impegnativo procedimento che coinvolge una bottiglia di succo d'uva, una tazza di zucchero, una confezione di Lalvin Red Wine Yeast, carta da pacchi e un imbuto (è troppo lungo e complicato da riassumere qui: è meglio indirizzarvi direttamente al suo sito).

La ricetta richiede un'enorme dose di pazienza: ci vogliono 28 ore di preparazione, seguite dall'imbottigliamento e dalla conservazione in un luogo buio e freddo in un periodo che può variare da un minimo di otto giorni a un massimo di un mese. Al termine tutta la frizzantezza del succo è scomparsa.

Pubblicità

Il vino ha il sapore di un Merlot, sostiene Murphy. "L'uva nel succo diventa viva e si trasforma in qualcosa di più piacevole" ha spiegato a MUNCHIES. "Al naso puoi sentire ciliegie mature e cioccolato crudo, e in bocca sapori più complessi di quelli da cui sei partito".

Murphy spera che i suoi sforzi siano l'inizio di una rivoluzione tra i cuochi casalinghi che potrebbero avvertire l'esigenza, come è capitato a lui, di produrre il proprio vino. Ammette che non è il miglior vino che teoricamente si potrebbe comprare; è più un "vino da tavola estremamente piacevole" che costerebbe circa 12 dollari per 8 bottiglie.

In altre parole, è certamente meglio di quello del supermercato. Il che non è niente male per qualcuno che si aspettava un colossale fallimento.

Segui MUNCHIES Italia anche su Facebook e Instagram.

Questo articolo è apparso originariamente su Munchies US.