Identità

Il 'segreto' del muffing, il fingering delle donne transessuali

Il muffing è una forma di masturbazione per donne trans non operate, ma ano e pene non c'entrano niente.
25 ottobre 2017, 4:00am
Foto via Flickr.

Nel 2010 la transessuale americana Mira Bellwether ha creato una fanzine underground dal titolo Fucking Trans Women. In realtà era un vero tomo, che si autoproclamava "un gigante da 80 pagine" interamente dedicato, come il titolo suggerisce, al sesso come lo vivono le donne transessuali e i loro partner. Poiché di questo argomento si parlava poco, e la pubblicazione di Bellwether era molto artistica, la fanzine è immediatamente diventata un oggetto di culto.

L'obiettivo che Bellwether si prefiggeva con la sua fanzine era, come scriveva lei stessa in apertura, semplice: "Volevo discutere con altre donne trans di come fare sesso che ci piaccia." Era certa che la comunità avrebbe tratto beneficio da un dialogo aperto sulla specificità delle esperienze sessuali che riguardano le donne transessuali. E per farlo è stato necessario riconoscere il fatto che i partner non sapevano da dove partire, e che non si sappia quasi niente del corpo delle donne trans, del modo in cui loro lo vedono.

Dato che l'esperienza di Bellwether col sesso è stata per la maggior parte della sua vita l'esperienza di una persona con un pene, la fanzine parla soprattutto delle donne non operate. Enfatizza il fatto che "solo perché quello che ho nelle mutande sembra un pene non significa che funzioni come un pene." Quest'idea è trattata nello specifico nella sezione della rivista dedicata alla pratica che Bellwether chiama "muffing" [to muff in inglese significa "_pasticciare"_]—ovvero, il fingering quando sei una donna trans.

Il muffing è solo una delle pratiche descritte in FTW, ma si differenzia dalle altre perché ha come protagonisti orifizi di cui molti ignorano completamente l'esistenza. Per capire di cosa si tratta, c'è anzitutto bisogno di capire l'anatomia: Bellwether descrive l'atto come "un ditalino nei canali inguinali," ovvero le—così le descrive—"'taschine' gemelle situate tra il pene e i testicoli." I canali inguinali sono i canali tramite cui sono discesi i testicoli nel feto—e il percorso a ritroso che compiono i testicoli quando ti butti in una piscina ghiacciata. Bellwether si riferisce a queste parti del suo corpo come alle sue "fighe", usando intercambiabilmente il termine medico e quest'ultimo.

Per penetrarle o masturbarle, bisogna anzitutto trovarle. Può essere complesso perché, a differenza per esempio dell'ano, gli ingressi a questi canali sono avvolti nella carne. Per trovarle, FTW consiglia anzitutto di mettere la mano in alto dietro il pene. Gli ingressi, secondo Bellwether, sono "all'inizio della dimensione di un dito, ma molto elastici." Consiglia a chi lo fa per la prima volta di "cominciare piano" e di prestare molta attenzione.

Secondo il dottor Curtis Crane, urologo specializzato in chirurgia di ri-assegnazione di genere, il muffing è sicuro e abbastanza piacevole; molte pazienti gli fanno domande a riguardo, e in tutti questi anni di carriera non ha mai visto donne transessuali o uomini cis farsi male. "Penso che non sia necessario fare un corso di primo soccorso prima di provarlo," aggiunge.

Secondo Crane, questo tipo di masturbazione è perfettamente logico. "Anatomicamente, i nervi ileoinguinale e genitofemorale passano proprio di lì—sono entrambi nervi che portano le sensazioni in quell'area. Quindi sì, è piacevole," dice, spiegando inoltre che il canale inguinale ha due anelli. Uno è superficiale, ovvero all'esterno del canale dove entra nello scroto. L'altro anello si trova in profondità. "Dove tu metti il dito, è molto superficiale, ma se potessi seguire tutto il percorso fino in cima, arriveresti dentro l'addome," dice. Comunque, quest'ultima opzione non è auspicabile né fattibile: "Sarebbe impossibile penetrare così in profondità."

Nei canali è anche possibile far rientrare i testicoli, come fanno a volte le donne trans per nascondere il tutto. (E la pratica è in uso anche fuori dalla comunità trans: "Tradizionalmente, i lottatori di sumo si 'sollevavano' i testicoli prima di cominciare le gare," fa notare Crane.) Oppure è possibile penetrare i canali con un dito "ribaltando lo scroto"—come un preservativo per dita fatto di scroto. "Il termine tecnico per questo è 'invaginazione'," spiega Bellwether. Per alcune donne trans, è la gratificazione sessuale più efficace.

"[I miei partner] potevano fare quello che volevano [col mio pene] , senza grandi risultati," dice Hannah, donna trans che ha esperienze di muffing. Durante i rapporti lo preferiva perché usare il pene nel senso tradizionale del termine non la stimolava. Ora ha fatto la vaginoplastica, quindi ha abbandonato la pratica, ma allora era la sua "fonte di masturbazione primaria."

"A dire il vero mi manca," dice Hannah. "A parte che era il luogo dove nascondevo il pacco, era anche più comodo da stimolare e sexy che avere una vagina—non che non sia felice di essermi sbarazzata del pene." Preferiva il fatto che il muffing non fosse così "bagnato", il fatto di non dover usare lubrificante e che tutto restasse all'interno del corpo.

Tyler, donna trans di Baltimora, dice di aver sentito parlare per la prima volta di muffing all'inizio del 2013, all'inizio del percorso di transizione, quando un amico le ha portato una copia di Fucking Trans Women. Non era una pratica nuova, per lei, tranne per il nome. "Lo facevo sin da piccola," dice. "Un giorno mi stavo toccacciando e l'ho scoperto. Mi è sempre sembrata una cosa naturale, ma forse un po' me ne vergognavo e quindi finché non ho letto FTW non ne ho mai parlato."

La fanzine di Bellwether è stata un vero e proprio manuale d'istruzione per le giovani trans di tutti gli Stati Uniti. Per Tyler, FTW ha fornito un nome a una pratica che conosceva già e l'ha illuminata su quello che stava effettivamente facendo al suo corpo. "Non avevo idea del fatto che si trattasse dei canali inguinali, mi ero sempre chiesta cosa fossero," dice. "Questi buchetti sono stati parte del mio sviluppo o della mia vita sessuale finora, e mi hanno aiutato a costruirmi un'autostima. Eppure, quasi nessuno sa che esistono."

Questo articolo è tratto da Broadly.