Questi macellai temono per la propria vita dopo essere stati minacciati dai vegani

Una macelleria inglese sta affrontando atti vandalismo e minacce di bombardamenti perché, beh, perché è una macelleria. E non è l’unica.

Ci sono un sacco di cose per cui avere paura in questo mondo: la guerra, il terrorismo, il cambiamento climatico, incontrare i tuoi colleghi in palestra, … Ma di recente alcuni macellai ne hanno scoperto una nuova, quella che riguarda un gruppo di persone che minaccia la loro stessa esistenza e le loro famiglie: i vegani incazzati.

La macelleria Marlow Butchers nel Kent, Inghilterra, è stata recentemente attaccata con delle scritte sul muro e sulle finestre del negozio che dicevano cose tipo: “Smettetela di ammazzare animali” e “Forza vegani”. E sotto le due frasi pompose c’era pure lo stencil del logo del Fronte per la Liberazione degli Animali.

Pubblicità

Nei giorni seguenti l’attacco vandalico, la famiglia Marlow ha ringraziato la comunità locale per il supporto che continuano a ricevere – e per l’aiuto nella pulizia delle scritte – e ha commentato l’accaduto con una goccia in più di buon vetriolo.

“Tutto risolto!! Siamo pronti a riaprire dalle 6 di domani mattina”, si trova scritto sulla pagina Facebook del negozio “L’aiuto che abbiamo ricevuto è stato incredibile […]. Chicca del giorno: la lacca per capelli rimuove benissimo la vernice dalle finestre. Non vogliamo che questo incidente generi odio nei confronti dei vegani: cercate di capire che è stato il gesto di alcuni attivisti, e non è lo specchio reale di quello che sono i vegani!”. Ora, questo post è decisamente pacifico, ma la cosa interessante è che sembra aver ricordato ancora di più agli erbivori arrabbiati che le macellerie, come quella dei Marlow, esistono. All’inizio della settimana, i Marlow hanno dichiarato di aver subito altri attacchi di vandalismo volti a minacciare i loro affari, e sono stati costretti a denunciare il tutto alla polizia. (Noi di MUNCHIES abbiamo provato a contattare qualcuno del Fronte per la Liberazione degli Animali, ma non abbiamo ancora ricevuto una risposta). “La cosa peggiore di tutte è Internet, che è dove più ci minacciano di distruggere fisicamente il nostro negozio e dove cercano di rovinare la nostra reputazione con recensioni e commenti negativi”, ha detto Wayne Marlow a KentOnline. "Vogliono farci chiudere, e minacciano continuamente di distruggerci le finestre o di bombardare il magazzino. Viviamo nella paura e di notte non riusciamo a dormire per la preoccupazione. Ci stanno terrorizzando".

Pubblicità

La Countryside Alliance, un’organizzazione che promuove il lavoro degli agricoltori e delle imprese locali e li sostiene – oltre a occuparsi di altre questioni della vita rurale come le ingiustizie verso i più poveri o il problema del segnale nelle aree di campagna – si sta muovendo in prima linea per il caso dei Marlow. “I social media sono stati un forte catalizzatore per gran parte di questa brutta faccenda, e fanno una grandissima pressione sulle imprese a conduzione familiare", ha detto al Telegraph Tim Bonner, amministratore delegato di Countryside Alliance. "Sono minacce dirette, e le persone si sentono insicure: non stanno facendo una polemica contro chi la pensa diversamente, stanno solo portando avanti il business che la loro famiglia ha da generazioni.”

Sebbene questi attacchi alle macellerie siano rari, esistono. Lo scorso agosto, ad esempio, i proprietari di The Local Butcher Shop a Berkeley, in California, sono stati costretti a negoziare con gli animalisti che avevano trascorso quattro mesi a organizzare proteste settimanali fuori dal negozio con tanto di cartelli. Secondo il Guardian, "coinvolgevano anche manifestanti mezzi nudi che grondavano sangue finto avvolti in della plastica. Il tutto contornato da registrazioni di maiali che urlavano in un macello." Per far cessare le proteste, i proprietari hanno dovuto accettare di appendere un cartellone di 4 metri per 4 sopra la facciata del negozio che diceva: "ATTENZIONE: le vite degli animali sono un loro diritto. Ucciderli è violento e ingiusto, indipendentemente da come è stato fatto."

Pubblicità

Non hanno proprio fatto i salti di gioia. “Venire minacciati ed essere costretti ad accettare le loro condizioni mi rende solo triste”, ha detto una delle socie della macelleria Monica Rocchino. “Le loro modalità di lotta sono davvero estremiste: è stata pura estorsione etica. ”Per tornare in Inghilterra, solo il tempo potrà dire se i Marlow saranno costretti a continuare a dover gestire minacce e proteste online. Ma almeno i proprietari sembrano essere divertiti dal fatto che, nonostante siano attivisti furiosi, i loro nuovi nemici non sono dei vegani molto svegli. “Quando hanno vandalizzato il negozio, hanno usato supercolla e vernice, ma entrambe le cose contengono sottoprodotti animali”, ha detto uno dei Marlow.

Segui MUNCHIES Italia anche su Facebook e Instagram.

Vuoi restare sempre aggiornato sulle cose più belle pubblicate da MUNCHIES e gli altri canali? Iscriviti alla nostra newsletter settimanali.


Questo articolo è originariamente apparso su Munchies US.