Salute

Il vaccino che potrebbe prevenire stress, ansia e depressione

Mentre i disturbi mentali dilagano, gli scienziati stanno studiando un vaccino estratto da batteri che potrebbe aiutare nel ridurli.

di Shayla Love
30 luglio 2019, 8:15am

Illustrazione di Hunter French.

Nel 1989, lo psichiatra dell'Università di Cambridge Ed Bullmore, ancora studente di medicina, aveva visitato una donna che non riusciva a camminare per i problemi alle ginocchia. Questo, oltre alle articolazioni dolorosamente gonfie delle mani, indicava un'artrite reumatoide—una malattia infiammatoria. Dopo aver fatto le solite domande per giungere a una diagnosi, Bullmore aveva chiesto un’altra cosa: come si sentisse emotivamente. “Nei 10 minuti successivi, mi aveva detto con calma ma chiaramente che aveva livelli di energia molto bassi, nulla le dava più piacere, aveva un sonno disturbato e molti pensieri pessimistici e sensi di colpa,” ha scritto su Medium del 2018.

Quando l’aveva detto al suo supervisore, questi non l'aveva trovato particolarmente entusiasmante. Una malattia infiammatoria cronica abbatterebbe chiunque, aveva detto. “Non era venuto in mente a nessuno dei due che potesse avere origine nel corpo,” ha scritto Bullmore. "Che la signora P potesse essere depressa, non perché sapeva di essere avere un’infiammazione, ma semplicemente perché aveva un’infiammazione.”

L'infiammazione è una funzione naturale e necessaria del sistema immunitario. È ciò che accade quando il corpo si attiva per proteggersi da una minaccia esterna—diciamo, per respingere un virus o curare una ferita. Ma quando l'infiammazione persiste, può creare confusione. Disturbi autoimmuni e infiammatori come artrite, asma, diabete di tipo 1 e allergie si verificano quando il sistema immunitario non sa quando richiamare le truppe.

Questi disturbi da infiammazione cronica sono in costante aumento. Ciò è preoccupante non solo perché possono essere importanti cause di morte, ma perché, come nel caso della signora P, esiste un legame tra questi disturbi e problemi di salute mentale, anche questi in aumento.

Negli ultimi vent’anni, gli scienziati hanno iniziato a rendersi conto che il legame non è semplicemente una conseguenza del convivere con una malattia difficile. I ricercatori—come Bullmore, che ha scritto un libro intitolato The Inflamed Mind [La mente infiammata]—hanno scoperto un collegamento più significativo. L'infiammazione sembra causare direttamente problemi di salute mentale, mentre allo stesso tempo i problemi di stress e di salute mentale provocano l'infiammazione, creando un pericoloso circolo vizioso.

Un singolo fattore di rischio non spiegherà mai l'insieme dei problemi psichiatrici, ha scritto lo psichiatra dell'Università del Wisconsin-MadisonChuck Raison in un rapporto speciale sull'argomento sullo Psychiatric Times. Ma “l'infiammazione si è rivelata un denominatore comune e probabilmente un fattore di rischio per ogni tipo di disturbo psichiatrico, dalla schizofrenia al disturbo ossessivo compulsivo, dalla mania alla depressione,” ha scritto.

Christopher Lowry, un neuroendocrinologo comportamentale presso l'Università del Colorado Boulder, immagina un futuro in cui potrebbe venire somministrata una vaccinazione per proteggere dai disturbi mentali causati dall'infiammazione. In una serie di studi, negli ultimi dieci anni, Lowry e i suoi collaboratori hanno dimostrato su modelli animali che un particolare batterio del suolo, il Mycobacterium vaccae (o M. vaccae), può ridurre l'infiammazione e i preoccupanti sintomi comportamentali che ne derivano.

Uno dei motivi per cui si verifica un’iper-infiammazione è che il sistema immunitario ha smarrito il cammino. Ecco: al nostro sistema immunitario potrebbe mancare l'esposizione ad alcune cose cruciali che ne favoriscono il sano sviluppo come batteri e virus, e vermi parassiti—le stesse cose che è progettato a scacciare. La mancanza di esposizione a questi organismi microbici a causa delle nostre moderne diete, dei farmaci e degli stili di vita potrebbe produrre sistemi immunitari ingenui e non preparati, con la tendenza ad andare in tilt.

Il sistema immunitario non può sparare come un cannone impazzito a ogni cellula estranea, deve decidere quando qualcosa è una minaccia e quando non lo è. Ecco perché l'uomo e altri mammiferi hanno un sistema immunitario innato e adattivo, afferma Graham Rook, professore di microbiologia medica e immunologia allo University College di Londra. L'organismo impara cosa bersagliare e quando, ma per farlo ha bisogno di dati.

“È come un computer,” ha detto Rook. “La domanda è: da dove provengono i dati? Provengono in parte dal microbiota o dagli organismi nell'intestino. Provengono anche da infezioni esterne e altri microbi a cui siamo esposti, specialmente nella prima infanzia.”

Quando l'uomo ha iniziato a vivere in ambienti urbani, ha perso l'esposizione a una grande varietà di microrganismi, creando un sistema immunitario che è un po’ dal grilletto facile.

Questo concetto è più noto come “ipotesi igienica,” che suggerisce che la sterilità della vita moderna stia portando a problemi di salute. A Rook non piace questo termine. Crede che non sia abbastanza ampio da includere tutti i modi in cui ci vengono a mancare le interazioni microbiche. (E che ignori il fatto che abbiamo bisogno dell'igiene per prevenire la diffusione di malattie patogene, specialmente in ambienti urbani molto affollati.) Il vero problema è su una scala sociale più ampia, ha detto Rook. Deriva da condizioni di vita e cibo più puliti, ma anche da un eccessivo uso di antibiotici, di tagli cesarei, di cambiamenti radicali negli alimenti che mangiamo, di perdita di vecchie infezioni (come la tubercolosi, l’epatite A, l’helicobacter pylori e i vermi parassitari), e dal non entrare in contatto con organismi che vivono della materia morta o in decomposizione nel fango e nel suolo.

Gli effetti dei batteri del suolo sull'infiammazione sono facilmente visibili in un fenomeno chiamato “effetto fattoria.” Gli studi dimostrano che interagire con la terra e la presenza di animali da allevamento può proteggere da condizioni infiammatorie come asma e allergie. Per i bambini che non vivono a contatto con questi ambienti, avere animali domestici o entrare in contatto con cani e gatti può allo stesso modo ridurre il rischio di allergie. Rook pensa che l'effetto fattoria possa essere spiegato dal fatto che gli animali portano vita microbica con le loro zampe e corpi sporchi, aiutando a formare il sistema immunitario.

Un recente studio condotto da Stefan Reber all'Università di Ulm, in Germania, ha rivelato un legame tra una buona salute emotiva e essere cresciuti intorno allo 'sporco'. Quaranta uomini sono stati portati in laboratorio e sottoposti a un test sullo stress, nel quale hanno dovuto tenere un discorso di fronte a scienziati in camice bianco. Quelli provenienti da ambienti rurali hanno riferito di sentirsi stressati, ma sono stati quelli cresciuti nelle città che hanno avuto una risposta infiammatoria fortemente esagerata. La loro infiammazione è durata per tutta la durata dello studio.

Negli anni Settanta, Rook e l'immunologo John Stanford avevano estratto il M. Vaccae dal fango vicino al lago Kyoga in Uganda. Stavano cercando di capire perché le vaccinazioni per la lebbra erano più efficaci in alcuni paesi quando si erano imbattuti proprio nel M. vaccae—un batterio strettamente correlato alla lebbra che probabilmente aumentava l'effetto del vaccino.

“Più tardi, poiché John era un buon immunologo, si era reso conto che questo batterio aveva la capacità di indurre qualcosa che chiamiamo immuno-regolazione,” ha detto Lowry.

Nel 2004, un oncologo nel Regno Unito ha provato a dare ai pazienti con carcinoma polmonare inoperabile il M. vaccae insieme alla chemioterapia per vedere se avrebbe innalzato i tassi di sopravvivenza. I batteri non hanno aiutato le persone a vivere più a lungo, ma hanno migliorato la loro qualità di vita. Avevano una crescita nei livelli di salute emotiva e nelle funzioni cognitive e una riduzione del dolore.

Lowry ha iniettato per la prima volta dei topi con M. vaccae poco dopo, nel 2007. Ha riscontrato un aumento del metabolismo della serotonina nella corteccia prefrontale, un neurotrasmettitore e una parte del cervello collegati all'umore e alla personalità. Un altro studio sui topi ha rilevato che quando gli animali venivano messi insieme a un grosso maschio aggressivo, quelli a cui era stato iniettato M. vaccae si comportavano in modo meno ansioso, e avevano meno probabilità di sviluppare problemi infiammatori come la colite. In uno studio più recente sui ratti, Lowry e i suoi colleghi hanno scoperto che gli animali a cui era stata dato M. vaccae avevano una più rapida estinzione della paura—erano in grado di superare più rapidamente qualcosa di cui erano stati condizionati ad avere paura.

“Questo è ciò che gli individui con ansia o disturbo da stress post traumatico (PTSD) non riescono a fare, è estinguere la paura,” ha detto Lowry. “Anche in ambienti sicuri.”

Con ulteriori ricerche, Lowry potrebbe considerare il M. vaccae utilizzato nella prima infanzia, insieme ad altre vaccinazioni di routine, sotto forma di iniezione. Potrebbe insegnare al sistema immunitario a regolarsi da solo o a ridurre l'infiammazione nei soggetti ad alto rischio di depressione o PTSD. Potrebbe anche essere somministrato un richiamo quando qualcuno subisce un trauma.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla newsletter di VICE per avere accesso a contenuti esclusivi, anteprime e tante cose belle. Ogni sabato mattina nella tua inbox. CLICCA QUI .