Pubblicità
rifiuti

Gli uomini non riciclano perché non vogliono passare per gay, dice uno studio

A quanto pare, alcuni uomini vedono l'ambientalismo come una 'cosa da femmine' e per questo evitano certi buoni comportamenti.

di Gavin Butler
12 agosto 2019, 7:09am

Foto via Pxhere.

Quando si parla di "mascolinità tossica," in genere non lo si fa in senso letterale. Quello che intendono è che alcuni uomini sono "tossici" perché reiterano i vecchi principi della mascolinità in modi che danneggiano la società, non l'ambiente fisico intorno a loro.

Ma per alcuni uomini sono vere entrambe le definizioni. Questo secondo uno studio recente condotto dalla Penn State University—e intitolato Gender Bending and Gender Conformity: The Social Consequences of Engaging in Feminine and Masculine Pro-Environmental Behaviours—per cui certi uomini non sono disposti a compiere azioni positive per l'ambiente come riciclare, usare sacchetti non usa e getta, o spegnere l'aria condizionata, se le percepiscono come comportamenti "di genere." Il loro timore è che svolgere attività apparentemente non conformi al loro genere potrebbe farli passare per gay.

Come spiega Janet K. Swim, docente di psicologia della Penn State e ricercatrice principale dello studio, "potrebbero esserci conseguenze subdole, legate al genere, quando inneschiamo determinati comportamenti a favore dell'ambiente. È possibile che certe persone li evitino perché elaborano l'impressione di genere che suppongono le altre persone avranno di loro. O li evitano se questi comportamenti non coincidono con il loro genere."

Lo studio ha chiesto a un totale di 960 partecipanti—uomini e donne—di valutare se una serie di personaggi di finzione risultassero "femminili" o "maschili" sulla base delle attività ambientaliste che facevano. I partecipanti, spiega la rivista Out, hanno fornito le proprie impressioni su una scala da 10 punti che andava da eterosessuale a omosessuale.

"Considerata la tendenza a vedere l'ambientalismo come una cosa da femmine, tutte le persone sono state giudicate come più femminili che mascoline a prescindere dai comportamenti attuati," ha detto Swim—sottolineando che i personaggi il cui comportamento era conforme al genere sessuale erano in genere visti come più eterosessuali di quelli il cui comportamento era dissonante. Lo studio inoltre indicava che se per una persona era importante essere percepita come eterosessuale, questa rinunciava a comportamenti non conformi al genere per evitare di essere associata a un qualche pregiudizio. È stato inoltre scoperto che "gli uomini erano più inclini a distanziarsi socialmente" da attività non conformi al loro genere.

"Se per una persona essere vista come eterosessuale è importante, quella stessa persona potrebbe dare la priorità a comportamenti ambientalisti conformi anziché dissonanti prevedendo il giudizio altrui," ha detto Swim.

"I comportamenti non ci aiutano solo a compiere qualcosa di concreto, sono anche un segnale di chi siamo. Stendere il bucato [anziché usare un'asciugatrice] o tenere le gomme dell'auto alla giusta pressione possono indicare il fatto che siamo attenti all'ambiente, ma se quegli stessi comportamenti sono associati a un genere sessuale, possono indicare anche altro."

Per cui ecco: anche la mascolinità tossica, insieme a una certa omofobia, potrebbe contribuire a tutti gli effetti alla distruzione del pianeta.

Guarda anche: