I Nirvana hanno fatto causa allo stilista Marc Jacobs

Lo stilista ha lanciato una nuova linea di vestiti con un logo piuttosto familiare.
kurt-cobain

Lo stilista Marc Jacobs, che è molto amato da quella terra di mezzo della cultura alternativa (che poi è diventata pop e poi è tornata alternativa) tra musica, arte e moda, nel 1993 creò un piccolo scandalo nel mondo della moda lanciando per primo sulla passerella una linea chiamata Grunge, un tributo allo stile che dominava il mondo del rock in quegli anni: camicie di flanella sopra a vecchi abiti da nonna, pigiami di topolino indossati con i Dr. Martens, insomma, aveva travestito una squadra di modelli e modelle da Kurt & Courtney. La collezione fu definita "orrida" dalla stampa specializzata e gli costò il posto nella casa di moda Perry Ellis, ma fu anche la sua consacrazione controculturale, che gli guadagnò il rispetto di gente come Kim Gordon e Vincent Gallo.

Pubblicità

A 25 anni da quando Kurt Cobain si è dato alla fuga definitiva per smettere di avere a che fare esattamente con questo tipo di cose, Jacobs ha deciso di rilanciare quella collezione, chiamandola Redux Grunge, usando il simbolo più riconoscibile dello strano movimento di Seattle: il logo dei Nirvana. Il problema è che non ha chiesto il permesso.

nirvana marc jacobs

Il confronto tra le due magliette. Fonte: citazione dei Nirvana.

Secondo TMZ e Forbes, i rappresentanti legali della band di Dave Grohl e Krist Novoselic avrebbero citato in giudizio lo stilista per la sua serie di magliette, felpe e calzini chiamati Bootleg Redux Grunge, reclamando la violazione del copyright per il logo con lo smiley. Inoltre, nel documento di citazione originario si legge che Jacobs avrebbe usato senza autorizzazione motti legati ai Nirvana come "Smells Like Teen Spirit" e "Come As You Are" nella comunicazione promozionale. La richiesta è di un risarcimento monetario e dell'interruzione immediata della vendita di questi prodotti, che tra parentesi costano un occhio della testa (50 euro per un paio di calzini di spugna?).

Siamo sicuri che, con l'anniversario della morte di Cobain in arrivo, non sarà l'ultimo tentativo di cattivo gusto di utilizzare la sua immagine per quest'anno.

Segui Noisey su Instagram e su Facebook.