Internet

È giusto fare shopping online durante una pandemia?

Siamo tutti in quarantena, quindi ecco una guida alle domande da farsi prima di ordinare un mucchio di prodotti in sconto.
illustrazioni di Marta Parszeniew
07 aprile 2020, 9:48am
shopping online
Loghi (Depop, ASOS, eBay) via Wikimedia.

Scrollare su Instagram in queste settimane somiglia a una passeggiata per il mercato del bestiame: gli influencer agitano link con sconti dei brand che li sponsorizzano, e i brand stanno abbassando i prezzi più che mai. Se c'è una costante in questa pandemia, quindi, è che il capitalismo regna ancora sovrano. Blogger, inserzionisti e aziende di fast fashion non hanno mai avuto così fame della nostra attenzione e dei nostri soldi.

Chi di noi è nella fortunata condizione di annoiarsi e avere ancora uno stipendio regolare, può essere tentato di darsi allo shopping online compulsivo: vivere all'epoca del coronavirus è uno strazio, almeno ordino cose carine che mi sollevino lo spirito.

Ma non è così semplice e dobbiamo prima di tutto chiederci: è giusto ordinare prodotti non essenziali online? Il cibo è un conto, ma tutine da mare, piastre per i capelli e altri accessori improbabili sono un altro. Lo shopping online in questo momento di crisi è un pericolo diretto per noi e le altre persone—può essere etico e giustificabile?

Intanto: le basi. Il coronavirus attacca il sistema respiratorio e si diffonde tramite goccioline disperse nell'aria. Quando una persona infetta tossisce o starnutisce, gocce contenenti il virus possono atterrare sulla faccia di qualcun altro o essere inalate. Ma le persone possono anche prendere il Covid-19 se si toccano la faccia dopo essere entrati in contatto con superfici infette.

Un nuovo studio, pubblicato sul New England Journal of Medicine, spiega come il virus si disintegra su vari materiali. I ricercatori hanno scoperto che dura 24 ore sul cartone, il che suggerisce che i pacchi di cartone che arrivano via posta potrebbero avere solo livelli bassi di contaminazione, se il corriere è in salute. Sui pacchi di plastica, il virus resiste fino a 72 ore—ovvero tre giorni pieni. Per fortuna, la quantità diminuisce su entrambe le superfici da subito. Al momento non sappiamo per quanto questo virus resista su diversi tessuti. Non ci sono ancora stati test specifici, salvo uno studio pubblicato su Journal of Hospital Infection che ha riscontrato che sui camici usa e getta resta attivo fino a due giorni.

Ma a meno che la persona che maneggia qualsiasi di questi materiali non sia malata, il rischio di infezione è molto basso, hanno concluso gli esperti. Aumenta un po' solo se la persona che effettua una consegna ha tossito o starnutito dritto sul tuo pacco, o te l'ha passato con le mani contaminate. È importante ricordarsi che il virus non può infettarti attraverso la pelle, ma solo attraverso occhi, naso e bocca. Se sei preoccupato, basta come sempre lavarti le mani (perché escludiamo che lecchi tutti i pacchi che ricevi o ci dormi insieme, giusto?)

Se sei in un gruppo a rischio, inoltre, puoi evitare qualsiasi interazione facendoti lasciare il pacco sull'uscio o in un punto sicuro, che puoi comunicare al corriere lasciandogli una nota sulla porta o dicendoglielo a voce quando suona.

Queste misure, ovviamente, proteggono il cliente più che la persona che effettua la consegna. Ma dovremmo preoccuparci anche di postini, corrieri, magazzinieri e delle loro famiglie. Spostandosi di casa in casa, corrono un rischio molto più alto di infettarsi rispetto a chi lavora da casa. Queste persone hanno spesso contratti senza tutele.

"In una pandemia, la priorità fondamentale è diminuire il rischio di contagio. Per farlo, devi avere il minor numero di contatti con il minor numero di persone, e più di rado possibile," ha detto la dottoressa Carissa Véliz, professoressa di Etica a Oxford. Se hai bisogno assoluto di una certa cosa, ordinarla a casa può ridurre il numero di contatti rispetto ad andare in negozio, ma questo bisogno è molto meno giustificabile quando si tratta di nuove scarpe da corsa e borse.

"L'aspetto problematico dei corrieri, nel contesto del coronavirus, è che non si sono offerti volontari per prendersi tutti questi rischi," ha detto Véliz. "È dunque diverso per loro rispetto al personale ospedaliero, che fa di base un mestiere rischioso. Inoltre, non ci sono opzioni alternative per queste persone, se hanno bisogno di lavorare e questo è il loro lavoro e si trovano improvvisamente in una situazione ad alto rischio."

Alla fine dei conti, sta al singolo consumatore controllare le pratiche e le politiche di una certa azienda e pretendere informazioni prima di comprare qualcosa durante la pandemia. Ma Véliz ha insistito che se un'azienda trascura i propri lavoratori è perché il governo non la costringe a fare la cosa giusta.

Ha spiegato: "Anche se è importante che le persone si chiedano cosa fare in queste circostanze, non significa che debbano sollevare da ogni responsabilità governi e aziende—e farsi carico dell'intero peso morale come cittadini."

Se decidi di boicottare un'azienda per ragioni etiche, ha aggiunto Véliz, è importante farglielo sapere: con un tweet, un'email, puoi rendere noto cosa sbagliano.

In tutto ciò, le aziende di fast fashion continuano a pubblicizzare promozioni e sconti senza dare informazioni precise sulla sicurezza e su come intendono proteggere i loro lavoratori. Per esempio, un'inchiesta del Telegraph ha rivelato che ai lavoratori di Boohoo è stato detto di continuare a lavorare, ma di tenere una distanza di due metri uno dall'altro, "cosa impossibile, nel nostro lavoro," ha detto una persona intervistata. Un portavoce di Boohoo ha detto a VICE che ora la maggior parte dei dipendenti sta lavorando da casa, comprese le categorie a rischio.

ASOS ha lanciato l'hashtag #AtHomeWithASOS e ha messo in saldo fino al 50 percento molti prodotti della nuova stagione. Hanno detto a VICE di aver preso misure "in adesione alle linee guida del governo britannico." Hanno poi rinviato a una dichiarazione del CEO di ASOS in cui si dichiara che ASOS sta proteggendo la sicurezza dei suoi dipendenti, ma non dà dettagli su come.

Topshop non ha risposto alla richiesta di commento sulla sicurezza dei propri dipendenti e clienti, ma sta pubblicizzando nuovi prodotti con didascalie come "anche le nostre borse restano a casa in questo momento." Hanno anche messo molti capi in saldo fino al 30 percento e uno sconto sulla consegna espressa per un anno.

È chiaro che le questioni etiche che riguardano il fast fashion—come le condizioni dei lavoratori e gli sprechi—sono valide più che mai durante questa pandemia. Ora, però, si portano dietro una serie di problemi in più.

Le aziende di fast fashion sono una cosa molto diversa dai servizi di shopping di terze parti, come Depop e eBay. La maggior parte dei venditori su questi siti impacchetta i prodotti autonomamente e vende cose fatte a mano o usate/vintage, ed entrambe le piattaforme hanno aggiornato i propri siti con informazioni rilevanti sul coronavirus sia per chi acquista che per chi vende.

Il responsabile delle operazioni di Depop, Dominic Rose, ha detto a VICE che i cambiamenti (specificati per esteso qui) sono stati apportati appena sono state annunciate le misure restrittive: "Stiamo avvisando attivamente tutti i venditori di usare punti di ritiro e servizi di consegna senza contatto, perché è l'unica via per spedire in modo sicuro e restando a casa."

Un portavoce di eBay ha detto a VICE: "La nostra piattaforma è operativa come sempre per i venditori, ma stiamo aggiornando le misure man mano che la situazione si evolve."

Se ti senti in conflitto, fai un punto obiettivo della situazione. Hai davvero bisogno di un certo capo e ti servirà una volta che la pandemia sarà rientrata? È necessario per la tua salute fisica o mentale durante la quarantena? Potresti comprare una cosa equivalente da un servizio locale e indipendente anziché da una grande azienda, e magari chiedere di far partire la spedizione quando la situazione sarà più tranquilla? Usa giudizio e sii coerente. Contattando i brand pubblicamente sui social media e via email, puoi mettere pressione affinché si prendano cura dei propri dipendenti, e risparmiare soldi godendoti le cose che già hai. Chi lo sa? Magari finalmente indosserai quella tuta di velluto che hai comprato nel 2018 e leggerai la pila di libri che hai sul comodino da quando hai finito l'università.

@hannahrosewens