Salute

Perché dico sempre di sì, ma poi all'ultimo non ho voglia di vedere i miei amici?

Se non hai voglia di vedere nessuno e all'ultimo dai sempre buca agli amici, potrebbe essere per uno o più di questi motivi.
8.10.20
Giovane donna seduta al cellulare
Collage di VICE Staff | Photo via Getty

Annullare un appuntamento a cui non hai più voglia di andare può darti un sollievo quasi fisico. Un po’ è perché sai che non dovrai fare lo sforzo: vestirti, capire come arrivarci, parlare del più e del meno con il/la partner della persona che dovevi incontrare, capire come dividere il conto della serata. Anche se le videochiamate dovrebbero ridurre tutte queste rotture di scatole, nemmeno una pandemia è stata in grado di sradicare la tentazione di tirare un pacco agli amici all’ultimo minuto.

Pubblicità

“Annullare gli impegni è una cosa che in tanti amano fare,” ha detto a VICE Johanna Jarcho, ricercatrice di psicologia alla Temple University di Philadelphia. “Dà grande sollievo.”

Ma anche le persone che amano stare da sole hanno bisogno di almeno un po’ di interazioni sociali, e spesso si sentono più leggere e più apprezzate dopo aver passato un po’ di tempo con gli amici, tanto di persona quanto via telefono. Una connessione sociale genuina è benefica per la nostra salute. Eppure, con l’avvicinarsi di un evento programmato, quella sensazione di angoscia può farsi avanti. Se sei spesso tentato di tirare il pacco agli amici, potrebbe essere per uno o più di questi motivi.

Come imparo a dire di no?

Secondo l’ISTAT, circa il 7 percento degli italiani soffre di ansia, e alcune associazioni riportano percentuali ancora più alte (fino al 13) per l’ansia sociale. Un modo particolare che questa ha di manifestarsi, secondo Jarcho, è quello di accettare immediatamente un invito senza prendersi il tempo di valutare come si deve la richiesta, e di non suggerire un piano diverso e più in linea con i propri desideri quando sarebbe necessario. È un modo di evitare il conflitto: aderire a un programma proposto sembra più facile che pensare a un’opzione migliore per tutti—finché non arriva il momento di mettere in atto quel programma.

“Per alcune persone, la risposta di default a ogni cosa è ‘sì’, senza pensare alla logistica,” ha detto a VICE Ric Mathews, psicoterapeuta e consulente psicologico di New York. “Questo è un segnale che indica problemi con la definizione di limiti personali. Imparare a dire di no può essere difficile. Può richiedere un po’ di riflessione e di indagine. Ma una volta imparato, diventa più facile prendere impegni e rispettarli stando bene con se stessi. Può essere molto liberatorio.”

Pubblicità

Comunicare i propri bisogni—e offrire sostegno agli amici che comunicano i propri—rende il tempo passato insieme a socializzare più bello per tutti. “Suggerire un programma alternativo che è più comodo può farti sentire una pressione sociale inferiore e allo stesso tempo mantenere solidi i rapporti,” ha detto Mathews.

Dove trovo tempo per gli amici—e per me stesso?

È facile cadere nella trappola di cercare di ottimizzare la propria vita—di cercare di programmare le giornate, le serate e i weekend alla perfezione. “Può essere un prodotto della FOMO,” ha detto Mathews. “Alcune persone tendono a dire di sì a un sacco di cose e andare in overbooking nella speranza che avere l’imbarazzo della scelta darà loro più opportunità di svago o produttività.” Ma, naturalmente, è impossibile fare tutto, quindi sottrarsi a qualcosa è spesso l’unico modo per gestire il tempo.

Inoltre, se ti senti sempre impegnato, passare del tempo da solo a leggere (ok, a scorrere Instagram e YouTube) o semplicemente a stare seduto in silenzio può sembrare un bisogno primario—anche più importante della socializzazione. E, sorpresa: questo punto di vista è in realtà perfettamente valido. “Molta gente è sovraccarica di impegni, e l’idea di avere del tempo per se stessi è molto importante,” ha spiegato Jarcho. “La solitudine può essere molto importante e rigenerativa, che tu sia introverso o meno.”

Vale anche la pena di notare che le persone che si considerano più introverse, ma che hanno un lavoro che richiede estroversione, spesso fanno molta più fatica a prosperare in campo professionale. “Per cui, quando è il momento di fare o rispettare programmi sociali, hanno problemi a trovare le energie necessarie. Fuori dal lavoro, vivono in modalità di sopravvivenza,” ha spiegato Mathews.

Come trovo la forza di socializzare?

In letteratura psicologica c’è una cosa che si chiama affective forecasting (previsione affettiva) della quale è stato appurato che gli umani non sono molto bravi a prevedere come si sentiranno in futuro—e spesso toppiamo completamente ciò che potrebbe farci felici. Ergo, quando sei a casa con i pantaloni di Snoopy e la vecchia maglietta dei NOFX, è facile scordarsi quanto sincero piacere trarrai dal vestirti e andare a beccare gli amici al parco.

“Gli umani sono spesso pessimi nel prevedere come sarà una certa esperienza prima di farla,” ha detto a VICE Marlone Henderson, ricercatrice di psicologia della University of Texas di Austin. “In particolare quando si tratta di cose emotive. Spesso le nostre previsioni non hanno alcuna corrispondenza con la realtà dell’esperienza.”

Come evito di isolarmi?

Li abbiamo visti tutti: le variazioni sulla battuta “scusate il ritardo, non volevo venire” su Instagram, gli status su quanto sia bello tirare un pacco e stare a casa da soli. “A livello di tendenze culturali, l’introversione è molto di moda,” dice Jarcho.

In psicologia sociale, questo fenomeno si chiama conformismo—un cambiamento del comportamento in risposta a pressione sociale, reale o immaginaria. Il conformismo non è sempre una brutta cosa; può spingere più persone a prendersi cura della propria salute mentale, o a non frequentare gruppi numerosi durante una pandemia. Ma può avere anche conseguenze negative, come influenzarti senza che tu te ne accorga a isolarti più di quanto vorresti, o a smettere di coltivare amicizie importanti.

“Queste immagini, anche se non sono ritratti esatti della realtà, mettono radici nella nostra coscienza. Ogni giorno vedi i meme sull’evitare gli appuntamenti, e improvvisamente ti sembra che lo facciano tutti, come fosse un obbligo,” ha detto Henderson. “Quindi quando sei nella fase in cui ti chiedi ‘vado o non vado?’ vieni influenzato dall’idea che sia culturalmente accettato e giusto stare a casa da soli.”

Perché non ho più amici?

Quando smettiamo di fare qualcosa che fa parte della nostra routine per un certo periodo di tempo, riprenderlo diventa più difficile—che si tratti di fare jogging, chiamare i genitori o mangiare verdura ogni giorno. Anche la vita sociale ha i suoi rituali. “Crescendo, le nostre interazioni con gli altri diminuiscono,” ha spiegato Jarcho. “Quando eravamo giovani, la maggior parte di noi aveva rapporti frequenti, almeno settimanali, con gli amici.”

L’interruzione dovuta al lockdown comporta uno sforzo maggiore per tornare alla socialità. E la mancanza di ricordi di momenti di socializzazione recenti, di persona o su Zoom, può pesare sul piatto ‘non vado’ della bilancia.

Pubblicità

“Quando programmi il futuro, guardi al passato per ottenere un’idea di che cosa troverai più piacevole,” ha detto Jarcho. Ma la ripetizione e la frequenza di certi ricordi finisce per metterne in ombra altri—quindi più stai a casa a leggere o guardare la TV invece di parlare con gli amici, più cominci a pensare a quella come a un’attività più piacevole.

Come scelgo le priorità nelle relazioni?

La connessione umana è importante—gli psicologi lo chiamano “bisogno di appartenenza.” Questo bisogno deve essere affrontato in un modo o nell’altro—che sia tramite legami famigliari, relazioni romantiche o amicizie. Ma c’è grande varietà tra il quanto e il come deve avvenire questa appartenenza per darci soddisfazione. La quantità e il livello di interazione sociale di cui si ha bisogno cambia da persona a persona, e cambia anche nei diversi stadi della vita.

“C’è chi richiede solo una cerchia ristretta di amici per sentirsi completo e connesso, e c’è chi ha bisogno di qualcosa in più,” ha spiegato Henderson. “Qualunque sia quel livello di comfort, ci sono dei momenti nella vita in cui ci sentiamo soddisfatti di quante e quali persone abbiamo attorno, e altri in cui ci sentiamo più vulnerabili e sentiamo un bisogno maggiore di stare con gli amici.” Per esempio, il livello di vulnerabilità—e di conseguenza il desiderio di stare con gli amici—normalmente si alza dopo la fine di una relazione amorosa.

Pubblicità

“Possono verificarsi circostanze che spingano nella direzione dell’estroversione o dell’introversione,” ha detto Mathews. “Le priorità cambiano a seconda di ciò che si considera importante, e le cose importanti cambiano con il tempo.”

Se stai pensando di annullare un impegno preso con gli amici, una domanda che ti dovresti porre è che cosa pensi di fare nello specifico nel tempo che avresti dedicato a quell’uscita. “Declinare un invito può voler dire investire quelle energie e quel tempo nel farsi una famiglia, nello studio, nella cura di sé o nella spiritualità,” ha spiegato Mathews. “È un errore pensare che il fatto di saltare un appuntamento sia un segnale di mancanza di interesse o di amore per quelle amicizie. In tanti hanno dei periodi in cui sentono il bisogno di dare la priorità ad altro. Comprendere questa cosa è un atto di empatia.”

Come esco da un’amicizia sbagliata?

Nonostante non voler frequentare certi amici non significhi necessariamente che non ti importa di loro, può anche voler dire che questo rapporto non ti procura più gioia e senso di appartenenza—e fai fatica a uscirne. “Ci sono amici che sono ancora tali per abitudine, ma ogni volta che passi del tempo con loro non stai bene,” ha detto Jarcho. “È difficile affrontare una conversazione di questo tipo e rompere un’amicizia; è più facile dire di sì a idee che sotto sotto non ti vanno bene.” Se pensare di frequentare una persona in particolare ti dà sempre ansia—o se ti senti da schifo dopo—può voler dire che quel rapporto non fa più per te. Se l’amicizia ha raggiunto la data di scadenza, potrebbe essere arrivato il momento di scartarla.

Come capisco se la mia è ansia sociale?

Se ti capita molto, troppo spesso di provare angoscia e voler evitare interazioni con le tue persone preferite per lunghi periodi di tempo, potrebbe farti bene parlare con un analista, tanto per avere un punto di vista professionale.

“Tutti ci sentiamo depressi o ansiosi di tanto in tanto,” ha detto Jarcho. Ma ci sono certi segnali che possono indicare un comportamento preoccupante. “Le parti critiche per cui preoccuparsi sono tre: la tempistica; la cronicità—quanto è costante la sensazione; e il disagio—questi fatti hanno un impatto fastidioso sulla tua vita?” ha spiegato.

Secondo questi criteri, una diagnosi di ansia sociale è indicata dopo sei mesi di intensa e costante paura o ansia in caso di situazioni sociali. Una diagnosi di depressione, invece, può arrivare in caso per due settimane si “provi una mancanza di piacere in quasi ogni attività per quasi tutto il giorno e quasi tutti i giorni,” associato ad altri cambiamenti riscontrabili dell’appetito, sonno, energia e capacità di prendere decisioni.

Ovviamente, non voler passare del tempo con i tuoi amici per alcune settimane non significa necessariamente che tu abbia la depressione o l’ansia sociale. Per Jarcho, i segnali elencati qua sopra possono anche essere legati a consumo di alcol, droghe, farmaci o a una patologia non diagnosticata. E vivere durante una pandemia non è proprio la cosa più divertente del mondo. Ma proprio per questo, parlare con un medico non ti farà certo male.