FYI.

This story is over 5 years old.

Il tabacco uccide

Eddie Ramirez non fuma, ma a volte la nicotina gli fa "venire i capogiri," come se "stesse per vomitare." È uno delle migliaia di giovanissimi che lavorano nelle piantagioni di tabacco statunitensi, e che continuano ad ammalarsi.
20.1.15
Eddi Ramirez, 15 anni; da quando suo padre è stato deportato in Honduras lavora nelle piantagioni di tabacco per aiutare la madre

Eddie Ramirez non fuma, ma a volte la nicotina gli fa "venire i capogiri," come se "stesse per vomitare." Le stime dicono che Eddie è solo uno delle migliaia di ragazzi che lavorano nelle piantagioni di tabacco degli Stati Uniti. Nelle giornate di caldo insopportabile questi ragazzi si dedicano alla potatura delle piante, le cui foglie saranno vendute alle grandi compagnie di tabacco come Reynolds American o la Japan Tobacco International, che a loro volta le trasformeranno in Camel e Pall Mall. La malattia del tabacco verde, una forma di grave avvelenamento da nicotina, si manifesta quando il tabacco filtra attraverso la pelle dei lavoratori, e secondo un recente rapporto, circa i tre quarti di tutti i giovani raccoglitori di tabacco soffrono di sintomi quali vertigini, emicrania, nausea e vomito. Mentre ci trovavamo tra le piante di tabacco ingiallite dal sole a Snow Hill, nella Carolina del Nord, mi ha mostrato la sua mano. "Lo senti com'è appiccicosa?" mi ha chiesto, strofinandosi il pollice con l'indice. "È la nicotina."

Negli Stati Uniti è perfettamente legale che Ramirez lavori nei campi a 15 anni. Ha iniziato a lavorare quando ne aveva 12, l'età minima prevista dalla legge, più bassa che in ogni altro settore lavorativo d'America. Nel 2011 l'ex segretario del lavoro Hilda Solis aveva provato senza successo ad innalzare l'età minima per il lavoro nei campi a 16 anni, e recentemente alcune ONG hanno tentato un altro tipo di approccio: persuadere le grandi compagnie di tabacco come Philip Morris International a introdurre una riforma nella filiera. Margaret Wurth, autrice nel maggio 2014 di un rapporto per l'Osservatorio per i diritti umani sulle condizioni di bambini e ragazzi che lavorano nelle piantagioni di tabacco, è convinta che l'età minima per raccogliere il tabacco si dovrebbe alzare a 18 anni. "È un lavoro che non dovrebbero fare dei bambini," sostiene. "È troppo pericoloso, per loro."

Per Ramirez—e molti altri immigrati dal Messico e dall'America Centrale, che costituiscono l'83 percento dei lavoratori agricoli negli Stati Uniti—vale la pena correre il rischio di ammalarsi. "Mio padre non è qui con noi, così io aiuto mia madre quanto posso," mi spiega. Dato che il padre è stato deportato in Honduras, Ramirez lavora 12 o anche 13 ore al giorno a 8,75 dollari l'ora (un dollaro e mezzo al di sopra del salario minimo). Quello che fa è di grande aiuto per sua madre, che lavora in un impianto di lavorazione di patate dolci. Anche lei prima lavorava nelle piantagioni di tabacco, ma poi si è ammalata. "È stata molto male a causa della nicotina," spiega Eddie. "Abbiamo dovuto portarla all'ospedale."

Il grado di sensibilità delle persone verso i rischi della nicotina è variabile. Thomas Arcury, che si occupa di sanità pubblica alla Wake Forest University, ha scoperto che il 25 percento dei lavoratori adulti che maneggiano il tabacco presenta i sintomi della malattia del tabacco verde. Ramirez indossa un sacco dell'immondizia per cercare di proteggersi dalla rugiada piena di nicotina che al mattino impregna i vestiti e filtra attraverso la pelle. Fa due buchi sui lati per le braccia e si infila il sacco dalla testa. Nonostante il rimedio fatto in casa, "ti bagni lo stesso."

Nessuno conosce i rischi di un'esposizione a lungo termine, soprattutto su ragazzini il cui organismo e sistema nervoso non sono ancora del tutto sviluppati. Quello che sanno gli scienziati è che la nicotina assorbita attraverso la pelle viene metabolizzata in una sostanza chiamata coitinina, la quale successivamente viene misurata per conoscere la percentuale di nicotina presente in un individuo. Alla fine del raccolto di tabacco del 1999 nelle contee di Wake e Granville, nelle campagne della Carolina del Nord, uno studio aveva dimostrato che i livelli di coitinina presenti nei lavoratori adulti e non fumatori corrispondevano a quelli di un individuo che fuma circa cinque sigarette al giorno. Nonostante i rischi non siano gli stessi di quelli legati al fumo, come il cancro ai polmoni, secondo il responsabile della salute pubblica degli Stati Uniti l'esposizione alla nicotina in fase adolescenziale potrebbe portare a ripercussioni negative nello sviluppo del cervello.

quando ha fatto questa foto non fumava da tre giorni. Legalmente sarebbe abbastanza grande per lavorare nei campi di tabacco, ma troppo giovane per fumare

Nella Carolina del Nord, un luogo dove tantissimi sono cresciuti raccogliendo tabacco nelle piantagioni di famiglia, c'è anche chi ritiene che i rischi legati alla malattia del tabacco verde non siano così preoccupanti. "Trent'anni fa lo chiamavamo 'il verde meschino'," racconta Graham Boyd, vice presidente della Tobacco Growers Association della Carolina del Nord. "Io facevo parte di quel gruppo di persone che ne soffrivano ogni giorno," continua, ricordandosi i sintomi che ha patito da quando ha cominciato a lavorare sotto il sole cocente all'età di 12 o 13 anni. Graham dice anche che i suoi figli di 16 e 17 anni "sono cresciuti molto bene, e non sembra che ci siano ripercussioni sulla salute dovute al loro lavoro nelle piantagioni." In realtà i suoi figli non lavorano nelle piantagioni.

Non è chiaro chi abbia più interesse nel mantenere l'età minima ferma a 12 anni. La Tobacco Growers Association della Carolina del Nord ha seguito la linea d'azione di un'altra associazione di coltivatori, il Council for Burley Tobacco del Kentucky, dichiarando ufficialmente che non tollererà la presenza di raccoglitori sotto i 16 anni. L'unica compagnia aperta al dialogo tra le otto grandi marche che comprano foglie di tabacco dalle piantagioni della Carolina del Nord è stata la Philp Morris, International, che ha stilato una lista di compiti ad alto rischio ai quali i lavoratori sotto i 18 anni non potranno essere sottoposti.

Nonostante la preoccupazione generale degli attori principali nel settore del tabacco, non ci sono ancora risultati evidenti. "Siamo convinti che le compagnie del tabacco abbiano il dovere di evitare che i bambini finiscano a fare lavori rischiosi nelle piantagioni della loro filiera," ha aggiunto Wurth, membro dell'Osservatorio per i diritti umani. "Le aziende continuano a dichiararsi preoccupate per il lavoro minorile nelle loro piantagioni, ma non c'è stato nessun cambiamento significativo nella loro politica."

Malgrado i rischi per la salute, per molte famiglie i salari dei figli raccoglitori sono insostituibili. "Se non lavorassi non potremmo sfamarci," confessa Saray Cambray Alvarez, una ragazza di 13 anni che lavora nelle piantagioni di tabacco di Pink Hill, una contea vicina a Snow Hill. Tutta la sua famiglia è composta da contadini dipendenti, tra chi lavora nelle piantagioni di tabacco della Carolina del Nord e chi negli agrumeti della Florida; ognuno, compresa Saray, deve lavorare per la sopravvivenza della famiglia.

"Se [i genitori di ragazzi come Alvarez e Ramirez] guadagnassero di più," sostiene l'ex contadino ora rappresentante dell'associazione sindacale David Flores, "i figli non dovrebbero più lavorare nei campi."

In ogni caso per Eddie Ramirez è meglio fare i conti con la nicotina piuttosto che con l'alternativa di non lavorare. "Mia madre lavora molto, torna a casa tardi e non guadagna abbastanza," dice. "Per me è un piacere poter dare una mano."