FYI.

This story is over 5 years old.

Poltronette

Pezzi

La puntata di oggi introduce una classifica che ci sta estremamente a cuore, ovvero le dieci migliori scene di mutilazioni di cazzo del cinema.
6.4.12

Bentornati su Poltronette. Qualche anno fa, a Londra, un uomo è entrato nel locale di una relativamente nota catena di ristoranti. Si è diretto in cucina; alcuni uomini hanno cercato di fermarlo, ma lui è riuscito a entrare comunque. Una volta lì, magari per saggiare gli utensili, chi lo sa, l'uomo SI È STACCATO IL CAZZO A COLTELLATE. Ha fatto un tentativo anche con il polso, ma questo particolare è meno rilevante, almeno nell'economia di Poltronette, dato che ho scelto un accadimento di attualità (2007) per introdurre una classifica che mi sta a cuore, ovvero le Dieci migliori scene di mutilazioni di cazzo del cinema, partendo dalla più efficace per arrivare alla più scarsa, attraverso una serie variabile di utensili.

1) Coltello elettrico e me stesso: L'ULTIMA DONNA. Marco Ferreri. 1976.

L'ultima donna non è certo il miglior film di Ferreri (sinossi: “Gérard Depardieu e menate”)—e probabilmente una delle ragioni è che Ornella Muti interpreta uno dei personaggi principali—ma non è per orgoglio patrio che si trova in cima alla lista. L'autoevirazione in campo lungo, con un accenno di dettaglio giusto per capire quello che sta succedendo, non solo è piuttosto rara, se non unica (chi, disponendo di una scena di castrazione in sceneggiatura, non ne approfitterebbe per prodigarsi in primissimi piani dello SCHIFO?), ma funziona ottimamente anche quanto a quella che i manuali di cinema denominerebbero "raffigurazione del dolore cane". Inoltre, la tempistica del coltello (prima molto lento, poi rapidissimo) ha un effetto comico ed è allo stesso tempo interamente realistica. Ricordo che, quando ero piccola e il mio babbo usava il coltello elettrico, mia mamma gli diceva sempre "Occhio che ti succede come a Gérard Depardieu."

2) I coltelli della Global: ECCO L'IMPERO DEI SENSI. Nagisa Oshima. 1976.

A quanto parrebbe, il 1976 è stato un anno sfortunato per i piselli. Il film di Oshima, basato su eventi reali, presenta una ragionevole quantità di amore fatto da persone che, si sa dal modo in cui lo fanno, finiranno male. Rimanderei in ogni caso alla godibile

sinossi di Wikipedia

Pubblicità

(contiene spoiler):

"[…] annullando, con l’ossessivo ripetersi degli amplessi, ogni forma di quotidianità tradizionale e di razionalità."

"[…] si conclude con la morte di Kichi, soffocato nell'ultima e mortale trasgressione. Nel finale Abe Sada si appropria delle sue parti virili […]"

3) Superpistole: ROBOCOP. Paul Verhoeven. 1987.

4) Forbici: DESPERATE LIVING, titolo italiano NUOVO PUNK STORY. (EH?). John Waters. 1977.

Un anno dopo il 1976, ecco il 1977, altro anno infausto per i piselli, ed ecco John Waters che salta sul carro del vincitore e ci mostra uno dei feticci di Waters, Susan Lowe, che interpreta una ex wrestler lesbica che, per soddisfare la sua amante, va dal medico, lo minaccia un po' e si fa impiantare un pene matto (parentela immediata con questo). Poi torna a casa, disgusta l'amante che continua a dirle "Tagliatelo," e il pene finisce per (v. foto) e poi viene mangiato da un cane. La gratitudine di chi ci vuole bene. Il titolo italiano, conviene ricordare, è Nuovo Punk Story.

5) Vagina dentata: DENTI. Mitchell Litchenstein. 2007.

, nonostante quello che se ne è detto, non è nulla di sconcertantemente nuovo o divertente, e ha fatto eccitare la gente al Sundance in virtù della sua locandina monocroma, delle lunghe pause riflessive nella narrazione quando accade qualcosa di brutto, e del fatto che il pubblico si sentiva legittimato nel dire apertamente “vagina” senza ridacchiare.

Il film ci presenta un'adolescente che ha: 1) la tosse asinina quando piange 2) la vagina dentata 3) le dirette conseguenze del caso.

Pubblicità

Ciononostante, il mio buon amico Radu, che è rumeno, lo ha definito non a torto “la massima altitudine dell'ansia da castrazione in un film.” Come se non bastasse, in

Denti

è contemplata anche una scena in cui un granchio si porta via un pisello; rispetto alla pubblicità della Fiat Cinquecento Summer manca la canzone delle Atomic Kitten.

6) Pesci d'acqua dolce: PIRANHA 3D. Alexandre Aja. 2010.

Non abbandoniamo il tema animali marini e passiamo a quel francese che ha realizzato un film al di sotto delle aspettative e che tenta di basarsi sulla propria straripante simpatia. Nella scena denominata “floating penis”, che ci apprestiamo a vedere in video, una pornostar e un pornoartista, indubitabilmente vizioso e ostile poiché interpretato da

Jerry O'Connell

, vengono sbranati vivi dai piranha. A quel punto, Alexandre “Giudizio Morale” Aja ci mostra ciò che di loro, più o meno, sopravvivrà.

7) Bocca: L'ULTIMA CASA A SINISTRA. Wes Craven. 1972.

Lei glielo stacca a morsi.

8) Non si sa: HARD CANDY. David Slade. 2005. Nonostante questo sia IL film che ha portato la castrazione nel ventunesimo secolo, non merita, in classifica, una posizione più alta dell'ottava perché non molto è visibile, al di fuori di un barattolo di presumibili palle (e per quello possiamo sempre accontentarci di Planet Terror). Hard Candy è un ottimo film basato sul corto-circuito morale e conoscitivo dello spettatore; Patrick Wilson è un ipotetico pedofilo; Juno non è una carogna supponente come in Juno bensì SI FINGE TALE; (spoiler) Sandra Oh, ahimè, non muore. Alla fine, dati i risultati, il fatto che non siano presenti inquadrature rivelatrici e/o scabrose passa in secondo piano, così come il fatto che David Slade rimane pur sempre il regista di Twilight: Eclipse.

9) Alta velocità: ORE 11:14 – DESTINO FATALE. Greg Marcks. 2003.

Il film di Greg Marcks, un tale che in seguito non ha fatto praticamente nulla, non è—a dispetto dei giudizi tiepidi che ha ricevuto—pessimo, se oltretutto si considera che quel dimenticabile film uscito un anno dopo con la stessa struttura e una simile illuminazione notturna ha vinto IL NOBEL DEI FESSI. Comunque, uno dei vari intrecci narrativi di 11:14 è una storia vecchia come il mondo: teppisti incoscienti, teppista che fa pipì fuori dal finestrino di un furgone in corsa, incidente, morte sulla strada, e in tutto il baccano nessuno si è accorto che c'è un pisello in meno. “Destino fatale.”

10) Mastini, armi e forbici: HOSTEL: PART II. Eli Roth. 2007. In genere (storia vera), le persone si lamentano di Hostel II perché "non è Hostel." OH NOES, RAGAZZI, Hostel II non è Hostel perché è Hostel II. Fatte le dovute premesse, non fosse per la logica fallimentare di chi attacca il film, Hostel II sarebbe indifendibile poiché brutto. In ogni caso, la scena in questione è o non è il primo stallo messicano della cinematografia mondiale con evirazione visibile?

Comunque un “bravo” a tutti i partecipanti.