FYI.

This story is over 5 years old.

Stuff

Questa foto di Berlusconi è tutto ciò che rimane del berlusconismo

L'ultima scarica di immagini ironiche che ritraggono Berlusconi con gli occhiali da sole alla conferenza stampa della campagna elettorale di Bertolaso hanno definitivamente sancito il passaggio da personaggio politico a meme.
Niccolò Carradori
Florence, IT
24.3.16

Foto via Twitter.

Non è passato poi molto tempo dall'epoca in cui la figura di Berlusconi troneggiava sul nostro paese come una gigantesca e totemica statua Moai. La sua vita, i suoi bisogni, e le sue pulsioni contagiavano, direttamente o di riflesso, qualsiasi dinamica politica. Per questo è abbastanza sorprendete che il suo deterioramento politico prima, e la riconfigurazione della sua immagine poi, siano state così repentine e tutto sommato ben assorbite.

Nelle ultime ore su internet una spirale di meme virali ha nuovamente avuto come oggetto Silvio Berlusconi, che si è presentato a un incontro per la campagna elettorale a sindaco di Roma di Guido Bertolaso, il candidato che sostiene, con un paio di occhiali da sole e un look total black.

Pubblicità

Non appena le foto hanno cominciato a circolare, sono state subito sfruttate per una serie di fotomontaggi ironici sulla thuglifedi Berlusconi: un genere di meme che da un po' di tempo a questa parte costituisce quasi totalmente il lascito di questo personaggio all'immaginario comune. Meme in cui si evidenzia quanto scopa, quanto domina, quanto nonostante ormai conti poco possa ancora imporsi alla nostra attenzione.

— Deejay chiama Italia (@DjChiamaItalia)March 24, 2016

I meme o i fotomontaggi ironici si Berlusconi fanno parte delle azioni involontarie che gli italiani condividono su internet fin dai tempi in cui il paese era nelle sue mani; anzi, i suoi meme circolavano molto di più in passato, ma all'epoca in cui Berlusconi aveva una vera rilevanza sociale—soprattutto all'epoca in cui aveva larilevanza sociale—questi meme e queste immagini o video erano condivisi con un spirito totalmente diverso.

Quando mi iscrissi a Facebook, i contenuti ironici su Berlusconi erano ovunque, e a condividerli solitamente erano quel genere di persone che lo detestavano e che tentavano di utilizzarli per esprimere con sarcasmo tutti i motivi per cui ritenevano questo personaggio deleterio per la politica italiana: le pessime figure internazionali che faceva, le sue continue uscite infelici sulle donne, la sua ostentazione di potere ecc ecc. Pur essendo meme ironici, dunque, erano condivisi con astio: ma soprattutto celavano un'intenzione—o una manifestazione—di volontà politica.

Pubblicità

E questo era ben visibile perché questi meme difficilmente venivano condivisi da chi sosteneva lo schieramento politico di Berlusconi, anzi, venivano vissuti male da questi utenti, che li commentavano con la stessa disapprovazione con cui oggi i sostenitori di Renzi e del Movimento 5 Stelle commentano i melme ironici sui politici che prediligono.

Adesso invece i meme di Berlusconi con gli occhiali da sole vengono condivisi con ilarità da qualsiasi utente di Facebook: un po' come se fossero delle simpatiche fototessere di un parente anziano a cui tutti, dopo alcuni screzi passati, abbiamo imparato a volere bene.

Tutti i commenti sui Kapò al Parlamento Europeo, i giuramenti sui figli, il contratto con gli italiani, gli editti bulgari, le leggi ad personam, le liaison con le varie Ruby Rubacuori sono parte di un passato che non interessa più a nessuno. Che non ha praticamente nessunaattinenza—almeno in forma manifesta—con quello che gli italiani vivono e valutano come importante oggi: nemmeno coloro che addossavano a quest'uomo ogni tipo di attributo negativo.

Questa riflessione sullo sviluppo dei meme di Berlusconi potrebbe sembrare un approccio superficiale al personaggio, ma a pensarci bene forse in questa epoca è una delle modalità più immediate per osservare qualcosa che all'esterno di internet si mostra sempre più come autoevidente: le dinamiche che hanno portato alle candidature per l'elezione del sindaco di Roma sono soltanto uno degli ultimi esempi di quanto ormai Berlusconi abbia perso la sua influenza, nonostante continui a paragonarsi a Batman.

Proprio in occasione della conferenza stampa relativa a questa foto, Berlusconi ha dovuto esprimersi sui "tradimenti" di Giorgia Meloni e di Renzi, mentre negli ultimi mesi si moltiplicano gli esempi di fuoriuscite dal partito, e anche quei personaggi che per anni avevano sostenuto la sua causa cominciano a parlare addirittura di "eutanasia politica"

Tornando al centrifugato di realtà rappresentato dai meme su Berlusconi, quindi, possiamo ulteriormente sottolineare una questione che quelli che, come me, hanno vissuto a pieno il regno aureo 1994-2008 forse troveranno un po' grottesco e straniante—e forse proprio per questo in parte esaltante: tutto ciò che è rimasto del berlusconismo è semplicemente una scarica di meme di un ottantenne che bosseggia.

Segui Niccolò su Twitter

Segui la nuova pagina Facebook di VICE Italia: