FYI.

This story is over 5 years old.

Tecnologia

Nessuno sa come fermare gli ippopotami di Pablo Escobar

Il signore della droga è morto, ma i suoi ippopotami continuano a riprodursi e a terrorizzare le pianure di Medellin.
ippopotami
Pablo Escobar; Common hippopotamus. Immagine: Wikipedia/Colombian National Police; Wikipedia/Jon Connell

Aggiornamento dell’ottobre 2021: Da quando gli ippopotami di Pablo Escobar sono in libertà , in Colombia—e quindi non proprio nel loro habitat—il governo locale ha tentato di limitarne la riproduzione. L’intento però non è proprio riuscito: nonostante la castrazione e sterilizzazione di alcuni esemplari, nell’ultimo decennio questi sarebbero passati da 35 a circa 80. 

Pubblicità

La maggior parte degli studi scientifici sugli effetti ambientali causati dalla presenza degli ippopotami ha evidenziato come questi mammiferi stiano rovinando i laghi fertilizzando i fondali con le loro feci, e di conseguenza stimolando l’eccessiva crescita di alghe (anche se ci sono alcune posizioni contrarie). 

Una ricerca pubblicata sulla rivista Biological Conservation a gennaio 2021 ha evidenziato che una massiccia presenza degli ippopotami, oltre a costituire una minaccia per la biodiversità e l’ambiente circostante, potrebbe rivelarsi sempre più pericolosa per l’incolumità degli uomini. Il numero degli ippopotami, infatti, potrebbe raggiungere quota 1500 entro il 2035. Oggi, il governo colombiano sta provando a sterilizzare gli ippopotami, stavolta con l’aiuto della sostanza contraccettiva GonaCon, somministrata agli animali tramite dei dardi. Perché l’effetto sia completo è necessario somministrare almeno tre dosi ad ogni animale; per ora, oltre agli undici ippopotami sterilizzati con metodi tradizionali, a 24 è stato iniettato GonaCon.

Per l'occasione, riproponiamo un articolo dal nostro archivio.

Quando il signore della droga Pablo Escobar è stato ucciso dalla Colombian National Police nel 1993, ha lasciato dietro di sé una immensa scia di sangue. Il boss del cartello di Medellin è ricordato come uno dei criminali più attivi della storia, ed è noto per aver fondato un impero costruito sulla cocaina e sui corpi di migliaia di persone assassinate.

Pubblicità

Ma El Patròn è ricordato anche da dozzine di ippopotami (Hippopotamus amphibius) che al momento scorrazzano libere attorno alla sua villa patronale, Hacienda Nàpoles. Gli ippopotami in cattività di Escobar non sarebbero mai dovuti arrivare ai fiumi e agli estuari della Colombia occidentale, ciononostante, sin dalla sua morte si sono comportati come si comporterebbe un qualunque animale selvaggio: sono cresciuti e si sono moltiplicati, diventando lentamente la più grande specie invasiva del mondo.

Oggi, sembra che il loro problematico regno sia ben lontano dal decadere, principalmente perché nessuno sa davvero come fermarli.

Nelle decadi successive alla morte di Escobar, i branchi hanno sfondato le recinzione della villa e sono arrivati nelle vie d'acqua vicino, come il Magdalene River. Nel 2015, uno di loro è stato individuato mentre vagabondava attorno a una scuola elementare locale. E anche se le autorità hanno assicurato che non si sono verificate vittime umane, i fattori e i pescatori che lavorano a Puerto Triunfo hanno paura ad avvicinare gli ippopotami.

La società privata che al momento della stesura del pezzo gestisce Hacienda Napoles come se fosse un parco tematico non ha particolare intenzione di occuparsi del problema. Nel 2009, un toro chiamato 'Pepe' è stato colpito e ucciso da un soldato dell'esercito colombiano, accendendo un dibattito tra ambientalisti ed ecologisti preoccupati e chi vede questi giganteschi animali come innocue attrazioni.

Pubblicità
1467909883800228

L'entrata di Hacienda Nápoles oggi. Immagine: Wikimedia Commons/Arrasaris.

Nascosto lontano dal centro di Antioquia, tre ore fuori da Medellin, Hacienda Napoles continua a essere un bizzarro santuario del benessere e degli eccessi di Escobar. Al climax del suo successo, il capitale totale del signore della droga era di circa 30 miliardi di dollari americani, che spendeva in una vita stravagante e imprevedibile. Nel 1978, Escobar ha comprato una fetta di terra tra le tranquille colline di Puerto Triunfo e ha costruito una fiorente villa coloniale spagnola che sarebbe poi diventata la dimora permanente della sua famiglia. Il complesso una volta includeva un'arena, una pista per go-kart, un giardino pieno di sculture. Oltre al suo aeroporto privato.

Ciononostante, Escobar pensava a se stesso come a un dittatore benevolo, ed era notoriamente adorato dai residenti più poveri di Medellin per aver condiviso i soldi dei suoi traffici per costruire edifici utili alla comunità. Quindi, invece che vivere solamente ad Hacienda Napoles, Escobar ha costruito uno zoo pubblico—pieno di animali esotici smerciati illegalmente come elefanti, giraffe e zebre. Tra gli animali che convincevano studenti e e spettatori a viaggiare fin lì c'erano quattro ippopotami, tre femmine e un maschio.

Pubblicità

Dopo l'uccisione di Escobar, gran parte degli animali di Hacienda Napoles sono stati catturati e trasportati in strutture vicine, come l'ormai defunto Matecana City Zoo di Pereira. Il piccolo harem degli ippopotami, dall'altra parte, è stato trascurato, probabilmente perché gestire dei colossi da più di 4.000 chilogrammi può trasformarsi in fretta in una rouletta russa. Quindi, in assenza di predatori naturali e favoriti dal clima ospitale, i quattro ippopotami sono presto diventati otto, poi 10, 20 e così via.

Per gli scienziati come McCauley, gli ippopotami rinnegati di Escobar sono un'opportunità agrodolce per assistere a ciò che succede quando si permette a una specie di proliferare indisturbata. Più di un millennio fa, diverse specie di ippopotami, molte delle quali sono ora estinte, sono state trovate a nord delle isole mediterranee, in Egitto e anche in alcune parti dell'Europa. Oggi, l'ippopotamo comune si trova soltanto in Africa, ed è vulnerabile alla caccia incontrollata, la distruzione degli habitat e il bracconaggio per l'avorio. I biologi che studiano l'animale e il suo ambiente stanno osservando una rapida diminuzione della popolazione, e stanno cercando di comprendere il più in fretta possibile il perché e quali siano le conseguenze di un ecosistema privo di ippopotami.

Pubblicità

Nel loro habitat, gli ippopotami possono essere descritti come i giardinieri della natura. Passano la maggior parte delle loro giornate sommersi sott'acqua, protetti dai pericolosi raggi UV del sole e, possibilmente, anche dagli umani. Di notte, si sollevano dall'acqua e dal loro fangoso habitat per nutrirsi di copiose quantità di erba, e cagare in abbondanza il pasto precedente. Milioni di chili di feci di ippopotami si riversano nei fiumi africani ogni anno, e senza questo enorme apporto, molti animali finirebbero per morire. Alcuni scienziati hanno sfruttato dei marcatori chimici per determinare quanti pesci e insetti si nutrano a partire da queste feci—una pratica conosciuta come coprofagia—e ciò suggerisce un collegamento chiave tra l'ecosistema acquatico e terrestre.

Dall'altro lato, troppe prelibatezze (la cacca) potrebbero, secondo alcuni studiosi, essere tossiche. Nei ristretti ecosistemi fluviali, gli ippopotami rischiano di inondare l'acqua con eccessivi nutrienti, stimolando il fiorire di alghe nocive e privando pesci e invertebrati dell'ossigeno. Questo processo, chiamato eutrofizzazione, è stato collegato agli ippopotami già in precedenza.

Pubblicità

"Gli ippopotami possano disturbare seriamente i sedimenti di laghi e fiumi, e ciò permette ai sedimenti di tornare in circolo nel flusso d'acqua. Questo processo ha un effetto gigantesco sulla produttività, e può generare molti tipi di conseguenze. Che l'impatto sull'ecosistema sia simile o meno, in Africa—tutto ciò che ha coesistito con la loro presenza si è evoluto per la loro presenza," spiega Jonathan Shurin, un professore di biologia della University of California a San Diego, che studia i problemi relativi alla qualità dell'acqua in Colombia.

Al momento della stesura del pezzo, esistono pochissimi studi scientifici sugli effetti dell'invasione di ippopotami, principalmente perché non c'è alcun precedente a riguardo. Shurin ha aggiunto che i ricercatori spesso hanno diversi problemi a lavorare in Colombia, e il problema della muta di ippopotami di Escobar sembra aver ricevuto minima attenzione nella comunità scientifica. Inoltre, il paese sta già affrontando una crisi ecologica su scala più vasta, come per il problema delle discariche abusive, della deforestazione e dell'acqua contaminata. Che razza di minaccia sono una dozzina di ippopotami?

"Il problema con le specie invasive è questo: ne abbiamo viste di tutti i tipi distruggere ecosistemi e riorganizzare la loro ecologia, cambiando praticamente tutto ciò che le circonda. Non c'è motivo di pensare che la simpatia degli ippopotami possa evitare loro di ricevere un trattamento che permetta di limitare questi danni," spiega McCauley.

Pubblicità
1467910158294962

Un giovane abitante dei terreni di Hacienda Napoles. Immagine: Wikimedia Commons/Motero Colombia

È qui il problema: non c'è un vero modo per controllare efficacemente la popolazione di ippopotami selvatici. Secondo Michael Knight, zoologo del South African Park Units, consulente per il Ministero dell'Ambiente colombiano nel 2009, solamente l'eliminazione selettiva e la castrazione sono opzioni realistiche. In un'intervista con Colombia Reports, Knight raccomandava di sparare agli animali con fucili altamente potenti.

Ma come spesso accade con le specie invasive, le persone si affezionano ad esse. Molti residenti locali si sono appassionati alla comunità di pachidermici anfibi, e sono quantomeno affascinati. "Mio padre ne ha portato un cucciolo a casa, una volta," ha detto una ragazzina al giornale El Colombiano. "L'ho chiamato Luna perché era molto dolce—lo abbiamo nutrito solo con il latte."

Non è chiaro quale sia il livello di coinvolgimento del governo colombiano nelle operazioni di gestione della crisi, ma a un certo punto la castrazione e il contenimento sono diventati gli unici meccanismo di gestione del numero di ippopotami della regione. L'autorità ambientale locale, Cornare, ha recentemente inviato dei biologi nella zona per costruire delle barriere naturali per gli animali, al fine di confinarli all'interno del complesso di Hacienda Napoles. L'iniziativa opera su un budget annuale di 135.000 dollari ed è finanziata completamente a partire da denaro recuperato da raid-anti spaccio.

Nel 2014, secondo un report di Fusion, lo staff di Haciend Napoles chiedeva a un residente chiamato James Torres di catturare e accudire cuccioli di ippopotami nella sua vicina fattoria. Torrest ha ricordato che separare i cuccioli dagli ippopotami li avrebbe resi più semplice da trasferire negli zoo.

La castrazione, per quanto un meccanismo piuttosto felice rispetto all'uccisione, sta diventando troppo complicata anche per i guardiani più esperti. Per cominciare, gli ippopotami sono decisamente riservati nonostante le loro dimensioni. Durante il giorno si possono vedere solamente le loro orecchie, occhi e narici emergere dall'acqua, e ciò rende difficile distinguere i maschi dalle femmine. I testicoli di un maschio sono nascosti nel suo addome, e possono essere identificati in sicurezza solo dopo aver sedato l'animale. Ma colpire una creatura da diverse tonnellate è un processo piuttosto complicato. Anche se i cocktail sedativi usati dai veterinari sono decisamente sofisticati, è impossibile sapere come ogni individuo reagirà all'anestesia. Occasionalmente, un ippopotamo sedato si spaventerà a tal punto da tornare nell'acqua e rischiare di affogare.

"Con le specie più invasive basterebbe agire di polso, ma non sembra essere il caso degli ippopotami. Se volessero davvero rimuoverli, l'avrebbero già fatto. Sembra che gli ippopotami siano diventati un'attrazione turistica e hanno un qualche valore economico. L'idea non è quella di rimuoverli," ha spiegato Shuring.

Il futuro degli ippopotami colombiani rimane un mistero. Ma una cosa è certa: anche da morto, la presenza di Pablo Escobar ha trovato un modo per essere percepita tra i campi di Medellin.