Pubblicità
Food by VICE

Non bere vino rosso perché pensi ti faccia bene

Se hai casi di cancro in famiglia, dovresti prendere in considerazione di smettere di bere vino rosso per esempio. Perché la copertura stampa sul vino può sembrare contraddittoria e confusa?

di Markham Heid
24 marzo 2019, 8:15am

Ashlynne Lobdell / EyeEm / Getty Images

Una settimana ti dicono che il vino fa bene. Quella dopo che fa male. Qual è la verità? Uno studio appena pubblicato su Journals of Gerontology riassume perché la copertura stampa sul vino - e sull'alcol in generale - spesso può sembrare contraddittoria e confusa. In una nuova ricerca un team della Virginia scopre che il resveratrolo, un antiossidante presente nel vino - specialmente nel rosso - ha il potenziale di rallentare la degradazione delle fibre muscolari e il declino cognitivo dovuto all'età. Ed ecco titoli come: "Un antiossidante nel vino rosso può rallentare l'invecchiamento cerebrale."

Quel titolo è tecnicamente accurato. Ma lo studio era sui topi, non sulle persone. E nonostante molte ricerche abbiano collegato il resveratrolo a benefici sugli umani - dalla salute cardiovascolare migliorata a minori rischi di demenza - quasi tutti gli studi si concentrano su persone che prendono un supplemento di resveratrolo, cioè una pillola piena di una dose concentrata, invece che su uomini e donne che aggiungono un bicchiere di bino rosso alle loro diete.

"Una cosa che abbiamo visto frequentemente è che piccole quantità di alcol aumentano l'HDL, il colesterolo buono, che è associato con un rischio più basso di malattie al cuore"

Ma questi studi sul resveratrolo non sono gli unici sul vino rosso. Diverse altre ricerche hanno studiato le abitudini alcoliche di consistenti gruppi di persone nel tentativo di trovare una correlazione tra specifici comportamenti ed effetti sulla salute. Molti di questi studi indicano un collegamento tra un bere moderato - di alcol, non solo di vino - e la salute.

"Una cosa che abbiamo visto frequentemente è che piccole quantità di alcol aumentano l'HDL, il colesterolo buono, associato con un rischio più basso di malattie al cuore," dice Aaron White, senior scientific advisor al National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism. "Piccole quantità [di alcol] sembrano anche aumentare la sensibilità all'insulina, potrebbero ridurre il rischio di sviluppare il diabete."

La maggior parte delle autorità sanitarie definiscono una moderato consumo di alcol come non più di un bicchiere al giorno per le donne e due per gli uomini.

White dice che altre ricerche hanno collegato un consumo giornaliero di alcol da basso a moderato con "un minor rischio di coagulazione del sangue" e quindi una possibile protezione da infarto o ictus. La maggior parte delle autorità sanitarie definiscono una moderato consumo di alcol come non più di un bicchiere al giorno per le donne e due per gli uomini. White dice che come 'bicchiere' vengono considerati 340 g di birra con il 5% di alcol, 140 g di vino al 12% di alcol, o 28 g di liquore con il 40% di alcol. Ancora più significativo: tanti studi su grande scala hanno collegato un modesto consumo di alcol, specialmente se l'alcol è vino, a un minor tasso di mortalità. "I bevitori moderati vivono più a lungo che gli astemi e i grandi bevitori," dice Paul Gow, deputy director of gastroenterology all'Australia's Austin Hospital. Gow ha studiato la ricerca sull'alcol e si schiera fermamente nel partito del bere.

"Uno studio ha riscontrato come le persone che aggiungevano vino alle loro liste della spesa tendessero a comprare più verdure, e più cibo sano, rispetto ai bevitori di birra"

Ma c'è una ragione per cui ogni scienziato ha "correlazione e non casualità" tatuato sull'anima: solo perché alcuni studi suggeriscono che i bevitori di vino vivano di più, o abbiano meno malattie cardiache, non significa che sia il vino stesso ad avere il merito. Uno studio danese del 2006 ha riscontrato come le persone che aggiungevano vino alle loro liste della spesa tendessero a comprare più verdure, e più cibo sano, rispetto ai bevitori di birra, che tendevano a riempire il carrello di pasti pronti, schifezze zuccherate e salumi.

La maggior parte degli epidemiologi ora sostiene che non esista nessun consumo di alcol completamente sicuro

Tim Stockwell è direttore del Center for Addictions Research at the University of British Columbia. Dice che sono i punti ciechi nella ricerca e i "pregiudizi sistemici" a portare alle conclusioni del tipo "L'alcol ti fa bene!". "Le nostre meta-analisi del 2016 suggeriscono che la mortalità cresce a partire da un bicchiere al giorno," dice. "La maggior parte degli epidemiologi ora sostiene che non esista nessun consumo di alcol completamente sicuro". La 'maggior parte' potrebbe essere esagerato. Gow, ad esempio, dice che i dati che abbiamo al momento collegano un moderato consumo di alcol con 'netti benefici per la salute". Dice anche "il vino rosso sembra essere associato con la maggior parte di questi benefici".

White ripete il supporto di Gow per un moderato consumo, anche se non è disposto a dire che il vino rosso è al massimo. "Bere moderatamente sembra essere associato con rischi più bassi che bere molto o astenersi," dice. "Ma penso che l'evidenza fino ad adesso suggerisca che è l'alcol, non il tipo di, a offrire benefici."

Ma come può l'alcol migliorare la salute? "Nonostante centinaia di studi, questa è ancora la cosa che non sappiamo," dice White. Piccole quantità di alcol potrebbero ridurre l'infiammazione sistema o combattere disordini metabolici. Ma risposte difficili sono difficili da raggiungere.

"Un altro elefante nella stanza quando si parla di alcol e salute: il cancro. Anche piccole quantità di alcol sono state collegate a rischi maggiori per diversi tipi di cancro".

"Quello che davvero ci manca è la prova definitiva che l'alcol possa venire consumato come medicina," dice White. Con 'come una medicina' intende che la quantità di alcol che una persona consuma ogni giorno possa essere strettamente controllata, nello stesso modo in cui le medicine vengono somministrate in clinica. Questo tipo di accorgimenti sono necessari, anche perché le persone sono notoriamente restie ad ammettere la quantità di alcol che bevono, o addirittura quanto se ne mettono nel bicchiere. "Quando gli viene chiesto di versare una singola cosa, anche se le persone sanno quello che significa - e molte non lo sanno - quasi tutte tendono a versarsene troppa," dice White.

Questo è problematico quando si considera che metà della ricerca sull'alcol si basa su abitudine alcoliche auto-annotate. Potresti pensare che sei onesto quando dici al tuo dottore che bevi due bicchieri di vino al giorno, ma se stai bevendo rossi pesanti e super alcolici come il Cabernet, e sei generoso per le porzioni, potresti in realtà consumare quello che un ricercatore definirebbe come tre o addirittura quattro porzioni.


Un altro elefante nella stanza quando si parla di alcol e salute: il cancro. Anche piccole quantità di alcol sono state collegate a rischi maggiori per diversi tipi di cancro, dice Gow. Quindi se sei esposto a un rischio maggiore - per la tua storia familiare, o perché fumi - anche bere poco potrebbe farti male.

Per riassumere, è possibile - ma non certo - che un bicchiere o due al giorno possano offrire qualche beneficio per la salute. E, se sei agnostico quando si parla di alcol, è dimostrato che il vino rosso abbia più benefici per la salute. Ma se ti astieni dall'alcol, o preferisci una birra o un cocktail al vino, non c'è abbastanza incontestata evidenza per fare un cambio nella tua ordinazione.

Questo articolo è originariamente apparso su TONIC US.

Segui MUNCHIES su Facebook e Instagram

Vuoi restare sempre aggiornato sulle cose più belle pubblicate da MUNCHIES e gli altri canali? Iscriviti alla nostra newsletter settimanale