FYI.

This story is over 5 years old.

Ecco cosa vedrebbe un computer sotto l'effetto dell'LSD

Il regista Joshua Roberts ha tradotto il trip di un computer in realtà
22.12.14

​Cosa vedrebbe un computer sotto LSD? Questa è la domanda che si è fatto il regista sperimentale Joshua Rogers per il video di "The Populating of Empty Space" degli Stage Hands.

Rogers ha elaborato una fantasia digitale glitchata che, combinata con i suoni elettronici e il ritmo del pezzo degli Stage Hands, produce effetti visivi che riescono nell'intento di simulare l'effetto sinestetico dell'LSD e le sue immagini allucinatorie sfuocate, iper-colorate e ricche di trame.

Pubblicità

Rogers solitamente spulcia negozi di usato o mercatini per trovare materiale interessante su videocassette, film in 8mm e DVD. E ha fatto lo stesso per "The Populating of Empty Space", per cui il regista ha trovato una varietà di materiale visivo che ha poi editato.

"Faccio partire il video editato con una catena di 8 lettori VHS per dargli una vera atmosfera vintage, se la registrazione non si corrompe," mi ha detto Rogers. "Poi prendo il video e lo metto su Tachyons+ per creare l'effetto v-hold, di saturazione, etc."

Dopodiché, Rogers ha mandato il segnale a un vecchio mixer Sima Video Ed/It degli anni '80 per "addolcire il segnale," e ha poi ripreso i risultati con la sua videocamera. Ha poi messo il video finito su Final Cut per le ultime modifiche e per fare in modo che l'effetto fosse "una combinazione di grafiche glitchate stile Commodore 64."

È piuttosto assurdo pensare a un computer sotto acidi, ma se mai l'intelligenza artificiale diventerà senziente e capace di provare qualcosa come SoundSelf, il caleidoscopico "meditation game" di Robin Arnott, forse un giorno i computer potranno avere davvero dei trip. Poi alla fine, cos'è la mente umana se non un complesso computer senziente con la capacità di cadere nel buco nero della psichedelia?

L'album omonimo degli Stage Hands debutterà il 10 febbraio 2013 per il collettivo artistico My Idea of Fun. Non perdetevi gli altri video sperimentali di Rogers sulla sua pagina Vimeo.