Pubblicità
Stuff

Modelle, yacht e soldi in fumo: la storia del Fyre Festival è sempre più assurda

A quanto pare, gli organizzatori del festival iper esclusivo avevano bruciato i soldi in feste ancora prima di comprare i cessi chimici.

di Gabrielle Bluestone
04 maggio 2017, 11:07am

Un mese prima che centinaia di giovani benestanti fossero attesi su un'isoletta remota delle Bahamas per passare da uno yacht all'altro, ballare gomito a gomito con modelle e vedere Blink 182 e Major Lazer sul palco del Fyre Festival, gli organizzatori erano già in grossi guai.

I soldi scarseggiavano e mancavano ancora cose fondamentali come i bagni e le docce—nel frattempo, il tempo passava. Un fornitore contattato da VICE ha detto che quando sono stati contattati dal festival ad aprile, hanno risposto che nemmeno tutti i soldi del mondo avrebbero fatto passare le dogane in tempo ai bagni e alle docce, perché il processo doganale richiede come minimo una settimana. Il festival doveva tenersi in due weekend tra fine aprile e inizio maggio, e ormai sappiamo come è andata a finire.

"Non c'era nessuna infrastruttura pronta. Non avevano nemmeno un attracco per lo scarico merci, né idea di che veicoli erano presenti sull'isola e come avrebbero potuto scaricare il tutto dalla barca, una volta lì," ha raccontato la fonte. "Ci hanno detto, 'Non preoccupatevi della dogana, è solo per un weekend, non vi dovete preoccupare'."

In realtà, Billy McFarland, il 25enne fondatore del festival, avrebbe dovuto preoccuparsi eccome delle dogane. Il sabato del festival, le autorità delle Bahamas hanno sequestrato il sito. "Abbiamo chiuso la zona perché Billy non ha pagato le tasse doganali su quello che ha importato," ha detto il Ministro del turismo delle Bahamas alla ABC. A quel punto i partecipanti avevano già abbandonato il sito, che alcuni hanno paragonato a un campo profughi soprattutto per la somiglianza delle "tende di lusso" a quelle delle associazioni umanitarie.

Dalle interviste con decine di persone che hanno lavorato per il Fyre, manovalanze e potenziali investitori si capisce chiaramente che gli organizzatori sapevano con mesi di anticipo che il Fyre Festival non sarebbe stato nemmeno lontanamente simile a quello che stavano vendendo. Nonostante le mosse di marketing, McFarland e la sua agenzia, la Fyre Media, avevano poco da offrire agli investitori a parte una foto con dieci modelle famose e un comunicato stampa che annunciava la collaborazione con YachtLife, un servizio di yacht di lusso.

L'organizzazione del festival vera e propria non è cominciata che a fine febbraio-inizio marzo—meno di due mesi prima dell'arrivo delle persone a cui McFarland aveva venduto una vacanza di lusso su un'isola privata.

Un fornitore di bagni e docce (poi non riuscito a strappare un contratto al Fyre Festival), ha detto agli organizzatori che l'equipaggiamento sarebbe costato loro un milione di dollari—con un sovrapprezzo dovuto all'urgenza dell'ordine (lui stesso l'ha descritto come "un prezzo senza senso"). Quella cifra non includeva il costo della spedizione sull'isola né della creazione del pozzo necessario allo scarico delle acque usate da centinaia e centinaia di persone che si fanno la doccia e usano il bagno.

Ad oggi, il fallimento del festival è diventato una barzelletta. Chi ci ha lavorato pensa che McFarland e il suo co-organizzatore Ja Rule volessero inizialmente mantenere le loro promesse—fornire un'esperienza di ultra lusso su un'isola privata "appartenuta a Escobar," con modelle famose che ballavano sugli yacht, servizio drink durante i concerti sulla spiaggia, e tesori nascosti raggiungibili solo sugli sci d'acqua. Ma tutti concordano sul fatto che avrebbero dovuto sapere, o forse sapevano, che non avrebbe funzionato.

McFarland ha cercato di dare la colpa al maltempo, e Ja Rule, in una dichiarazione, ha detto che il festival "NON È COLPA MIA" e "NON È UNA TRUFFA".

Se il Fyre Festival è sembrato improvvisato, è perché lo era. Come riferito da fonti vicine all'organizzazione, McFarland ci ha pensato nell'ottobre 2016 e ne ha dato l'annuncio su Instagram un mese dopo, spendendo milioni in modelle, jet privati e yacht per promuovere quello che sarebbe stato il suo primo evento su larga scala.

Ha speso 25mila dollari solo per un post Instagram di Kendall Jenner, e centinaia di migliaia su altri influencer meno noti, nessuno dei quali (sempre secondo una fonte) gli è costato meno di 20mila dollari.

Solo Emily Ratajkowski ha reso chiaro che il suo post era promozionale, come richiesto dalla Federal Trade Commission [l'agenzia governativa americana che si occupa di commerci e concorrenza]. L'omissione degli altri influencer è ora soggetta a una class action.

"Questi post sponsorizzati violavano apertamente le linee guida della Federal Trade Commission, secondo le quali devono essere chiare le connessioni tra i clienti e chi fa promozione," si legge nel capo d'accusa. "Gli influencer non hanno fatto nulla per rendere chiaro di essere stati pagati per la promozione del Fyre festival. Anzi, hanno dato l'impressione che la lista degli invitati fosse zeppa di celebrity."

Le "manovalanze" del Fyre Festival hanno detto che preparare l'evento è stato come partecipare a un lunghissimo spring break. McFarland e il suo entourage si recavano in zona "ogni quindici giorni per fare vacanze di lusso" sulle isole intorno, ma solo i maschi dello staff erano ammessi. "Billy ci portava solo uomini, erano momenti solo per uomini," dice un membro del team organizzativo. "Alle conferenze raccontavano di donne, prostitute etc."

Lo stesso racconta che McFarland urinasse con la porta aperta, perché gli altri vedessero. "Era un club per soli uomini," commenta. "Ne ridevano." Un altro lavoratore a contratto ha descritto l'ambiente come "velatamente sessista e razzista."

Un terzo testimone, che ha lavorato per breve tempo al festival e ha chiesto di rimanere anonimo, concorda: "Pensavano solo a comprarsi casa lì. Non mi pareva che prendessero sul serio il festival."

A quanto dichiarato da Chloe Gordon, coordinatrice della produzione, il team rideva della preoccupazione di chi sosteneva che non sarebbero riusciti a finire in tempo. "Facciamolo e basta, diventerà una leggenda," riferisce di aver sentito dire da un uomo che lavorava nel marketing in risposta al consiglio di posticipare il festival al 2018.

A marzo, le cose hanno cominciato a mettersi veramente male. Il festival stava finendo i soldi nonostante i significativi investimenti di una ricca investitrice di New York che aveva lavorato con McFarland anche nella sua fallimentare azienda di carte di credito per millennial, Magnises.

Diverse persone vicine all'ambiente dicono che McFarland e il team avessero iniziato a sollecitare una seconda ondata di investimenti. In una delle ultime riunioni con gli investitori, McFarland ha spiegato che il festival aveva speso diversi milioni di dollari per esser pubblicizzato dalle celebrità e per altre operazioni di marketing, e ora aveva bisogno di soldi per pagare i fornitori, i lavoratori e gli artisti.

Nonostante un progetto ufficiale che al lancio prometteva diecimila ospiti paganti in ognuno dei due weekend, le vendite erano basse e la maggior parte dei biglietti era stata acquistata con sconti. La maggior parte dei paganti aveva pagato i biglietti a una cifra che andava dai 500 ai 2.000 dollari, nonostante gli annunci che sostenevano le persone stessero comprando pacchetti per centinaia di migliaia di dollari. Il pubblico target non erano l'elite o facoltosi—erano persone che ne imitavano lo stile di vita ma non se lo potevano permettere.

Un ex impiegato di Fyre Media che ha chiesto di rimanere anonimo ricorda come l'evento è stato venduto alla ricca investitrice di New York dal direttore Grant Margolin. "Le hanno venduto una farsa. L'hanno portata nella stessa isola in cui portavano le modelle. Non aveva idea di quale fosse la realtà," ha detto.

Le promesse fatte ai partecipanti cambiavano costantemente. Pablo Escobar non ha mai posseduto un'isola alle Bahamas, e anche se lo avesse fatto, il festival si trovava su un prolungamento abbandonato di una spiaggia pubblica vicino al Sandals resort. In un primo documento ufficiale del festival ottenuto da Vanity Fair, il team di McFarland sosteneva che al Fyre fossero stati dati terreni per un valore di 8.4 milioni di dollari sull'isola di Exuma "per ospitare il festival e pubblicizzare l'isola." Anche se le fonti dicono che a dicembre McFarland e il 24enne Margolin stavano pensando di comprare un'isola privata, dopo che la prima ondata di biglietti era stata venduta, i due hanno abbandonato l'idea perché questa non aveva elettricità, acqua né lo spazio necessario a ospitare migliaia di persone.

Inizialmente si diceva che si aspettassero di vendere 40mila biglietti entro il 31 marzo. Quel numero è stato abbassato a 20mila, e la parte dell'"isola privata" è rimasta solo nei documenti di marketing. Dopo che i biglietti sono stati venduti, l'azienda ha improvvisamente cambiato le opzioni di alloggio, e i "cottage rustici" si sono trasformati nelle tende che erano sul luogo all'arrivo dei partecipanti.

Le case di lusso che venivano pubblicizzate sul sito non sono mai esistite, ha detto uno degli impiegati del Fyre—le avevano messe per scherzo, pensando che nessuno le avrebbe prenotate. Gli organizzatori hanno ignorato le mail e hanno lasciato chi già aveva il biglietto all'oscuro del luogo verso cui il loro volo sarebbe stato diretto fino a pochi giorni prima della data.

A quanto dichiarato da un impiegato del festival a conoscenza dei fatti, l'accordo per il catering di gourmet con il ristoratore di Filadelfia Stephen Starr sarebbe stato cancellato il 2 aprile, dopo che quest'ultimo non aveva ricevuto nessun pagamento. Starr ha confermato con un comunicato che da aprile "non è stato coinvolto né ha provveduto per alcun servizio legato all'evento." Bloomberg riporta che gli organizzatori si sono tirati indietro di fronte al prezzo a sei cifre preventivato da Starr.

Molti dei fornitori coinvolti dicono che ancora non sono stati pagati.

Diversi ex impiegati e manager di artisti selezionati per suonare confermano che molte persone non erano state pagate, mentre le persone che venivano pagate ricevevano il denaro direttamente da McFarland. A quanto dichiarato da uno degli impiegati, le persone che lavoravano al Fyre Media hanno improvvisamente smesso di essere nel libro paga da ottobre.

"Abbiamo cominciato a essere pagati direttamente da bonifici che arrivavano dal conto di Billy e una volta [a gennaio] siamo stati pagati con una pila di contanti. Non avevano soldi. Continuavano a pagare influencer e modelle," ha dichiarato l'impiegato.

Allarmate da quello che stava succedendo, ha dichiarato un impiegato, diverse persone si sono licenziate non appena è risultato ovvio che la dirigenza non era interessata alle loro preoccupazioni.

"Quest'anno al South by Southwest, a qualsiasi festa c'era qualcuno che aveva lavorato al Fyre Festival—dicevano tutti che era un casino totale," ha riportato una persona che ha lavorato per breve tempo al festival.

Secondo quanto riportato da diverse fonti, gli organizzatori hanno cambiato diversi team di produzione, dopo aver licenziato alcune persone per aver dichiarato che si trattava di un lavoro impossibile e aver portato altre a licenziarsi a causa dei pagamenti lenti e di obiettivi irraggiungibili. Un team è arrivato al suo hotel di Miami per scoprire che i dati della carta di credito forniti dal Fyre non funzionavano. La stessa cosa è successa quando sono arrivati alle Bahamas.

"Cercavano di spingerci a usare le nostre carte di credito personali per le stanze d'albergo," ha detto un membro del team di produzione. "E i proprietari giravano con pile di banconote da cento per cercare di pagare le persone."

Un ex impiegato al Fyre ha detto che McFarland aveva venduto a Ja Rule un "sogno irraggiungibile", ma ci sono prove per pensare che lo scafato artista avrebbe dovuto procedere diversamente. I video relativi al festival che pubblicava su Twitter e che dopo ha cancellato includono riprese del palco principale, che aveva scale poco sicure e non includeva barriere o un'uscita per il servizio di medicina d'urgenza. "Le persone sarebbero morte," ha detto la persona che lavorava nella produzione.

Anche il primo sito web del festival è stato cancellato dopo che il Fyre non ha pagato l'azienda che lo ha creato, ha detto un ex impiegato al Fyre.

Giovedì scorso— stando a una causa da 100 milioni di dollari presentata domenica da Mark Garagos—gli organizzatori del festival, incluso McFarland, hanno cominciato ad avvisare le celebrità e i partecipanti più importanti di non andare.

McFarland e Fyre Media hanno rifiutato di rilasciare dichiarazioni, ma ovviamente non è per niente finita. Lunedì gli organizzatori del festival hanno cominciato a far circolare un documento che offriva a chi aveva il biglietto l'opzione di ingressi gratis per il Fyre Festival del 2018 invece che rimborsare loro la somma come promesso.

"Preferisci cambiare il tuo biglietto del 2017 con biglietti per il 2018 e tanto di pass VIP, invece di ricevere il rimborso? (Es: se avevi comprato tre biglietti per il 2017, riceverai 6 pass VIP per il 2018)," recitava il documento. "Abbiamo ricevuto supporto e diversi artisti si sono impegnati a esibirsi all'evento del prossimo anno. Saremmo grati se anche tu ci sopportassi."

Tagged:
Ja Rule
bahamas
fyre festival