FYI.

This story is over 5 years old.

Design

Il MOMA ha appena acquisito il primo vestito stampato in 3D

The dress was created by design studio Nervous System using the 4D printing system, Kinematics, and printed in NYC by Shapeways.
9.12.14

Il MOMA ha annunciato di aver acquisito il primo abito stampato in 3D per la propria collezione permanente assieme al video che accompagna il pezzo. Creato dallo studio Nervous System grazie a Kinematics e stampato a New York da Shapeways, il leggerissimo abito è entrato a far parte della collezione permanente con i cinque "umili capolavori" fai-da-te acquistati dal MOMA il mese scorso.

L'abito è notevole per la sua eleganza e semplicità, ha una struttura che non richiede cuciture ed è indossabile appena stampato. Utilizzando una complessa struttura di 2.279 pannelli triangolari e 3.316 cardini—stampati come un pezzo unico—il vestito apre le porte alla moda del futuro “stampa e indossa”. Nervous System ha affermato che “Kinematics fa in modo che si possa trasformare una forma tridimensionale in una struttura flessibile con la stampa 3D. Kinematics combina le tecniche di geometrica computazionale con la struttura del corpo e permette anche la personalizzazione. Kinematics ci permette di prendere grandi oggetti e comprimerli per la stampa in 3D grazie alla simulazione. Permette anche la creazione di abiti con fantasie intricate che si adattano alla flessibilità del corpo.” La flessibilità, la forma e il pattern dell'abito sono totalmente personalizzabili grazie alla Kinematics Cloth app.

Pubblicità

Cliccate qui per leggere l'annuncio originale di Nervous System riguardo l'acquisto da parte del museo, e godetevi qui sotto le immagini dell'abito e il video del making-of:

L'abito stampato in 3D di Nervous System e Shapeways. Immagini via

I pannelli che formano il design Kinematics in un rendering a raggi X.