FYI.

This story is over 5 years old.

parigi

Questa installazione interattiva vi permette di manipolare il tempo e lo spazio

I visitatori della mostra 'XYZT' esplorano un mondo dove geometrico, organico, reale e virtuale coincidono.
28.4.16
Screencap dell'autore

L’ultima volta che abbiamo avuto notizie dei coreografi multimediali Adrien M e Claire B, avevano appena pubblicato un video per The Movement of Air, opera in cui i ballerini manipolavano una varietà di tornado, colonne di fumo e fogli di carta volanti tutti fatti di proiezioni mappate. Nel loro ultimo video, che racconta la mostra XYZT, i due artisti mostrano paesaggi astratti estesi sulle quattro dimensioni—quella orizzontale (X), quella verticale (Y), la profondità (Z) e il tempo (T).

Pubblicità

“Quattro lettere per descrivere il movimento di un punto nello spazio, e per propagare un territorio immaginario,” spiegano Adrien M e Claire B nella descrizione del video. “Paradossi matematici, illusioni tipografiche, metafore di movimento disegnano i paesaggi di questa mostra.”

“Camminare attraverso uno spazio digitale lussureggiante, toccare algoritmi con le dita, sentire la materia leggera—[questi] sono solo alcuni dei territori da esplorare,” aggiungono. “Come un viaggio attraverso una natura rivisitata. La coincidenza tra geometrico e organico, reale e virtuale.”

Così, i visitatori della mostra XYZT ospitata a Le Palais de la Découverte, a Parigi, hanno potuto camminare su pavimenti virtuali che reagivano ai loro passi. Hanno anche potuto manipolare le particelle di luce sugli schermi di un tablet, guardare un bosco bianco e luminoso disintegrarsi fuori dalla mostra, e sbirciare in scatole di vetro dove lettere virtuali erano impegnate ad assemblarsi e rimescolarsi. Da quel che possiamo intuire, XYZT sembra proprio essere stata una meraviglia per gli occhi. Una fusione tra un’installazione di arte moderna e uno spettacolo di magia del 19esimo secolo.

XYZT - 2015 di Adrien M / Claire B su Vimeo.

Andate qui per scoprire altri lavori di Adrien M e Claire B.