FYI.

This story is over 5 years old.

Vice Blog

Blackpool: La Las Vegas del nord

20.7.09


Eccovi Vickie e il suo vibratore. Leo Leigh l'ha comprata in un negozio di souvenir a Blackpool, una cittadina di mare nel nord ovest dell'Inghilterra. Ogni volta che la guardo vengo sopraffatto dalla voglia. Nel gennaio 2009 sono andato a Blackpool con Leo per girare un film dal titolo Blackpool: Las Vegas of the North, che ora potete guardare su VBS!

Un tempo Blackpool era il luogo di villeggiatura preferito dalle famiglie proletarie inglesi. Attraeva 17 milioni di lavoratori ogni anno, finché i pacchetti economici tutto compreso per la Spagna non hanno fatto crollare il business. La chiamavano la "Las Vegas del nord" per le sue luci abbaglianti, la reputazione di offrire emozioni sporcaccione e chilometri di slot machine.

Di questi tempi le entrate maggiori della città provengono da anziani e da addii al celibato—alcoliche feste pre-matrimoniali di sfigatoni da marsupio aggressivi e semi-nudi che si trascinano dentro e fuori strip-club, sexy shop, bordelli e negozi di souvenir come quello in cui abbiamo trovato Vicky.

Il negozio in cui l'abbiamo comprata vende anche pistole ad aria compressa, balestre, coltelli di ogni tipo, "gollywog", dildo, miriadi di oggettini a forma di pisello, quintali di oggettini a forma di tette, falsi Viagra, libri e giornali porno e finte vagine. Tutti questi prodotti sono scomodamente esposti di fianco a caramelle gommose, set di pirati giocattolo di plastica, gadget tarocchi di Spiderman,  tavolozze di acquarelli "Benvenuti a Blackpool!" e  kit "Gira la moda" per le ragazzine.

Normalmente, questa combinazione di regali per bambini e vecchie signore e armi letali, sex toy e pornografia tutto insieme, sarebbe un po' ripugnante. Ma a Blackpool, un luogo conservatore ma surreale, una cittadine bella ma così brutta, così contraddittoria nel suo passato, presente e futuro, tutto questo confuso insieme in un casino pazzesco…ha perfettamente senso.

ANDY CAPPER