FYI.

This story is over 5 years old.

Stuff

Perché i millennial non fanno sesso

Secondo alcuni studi, la nostra generazione fa molto meno sesso di quelle precedenti alla stessa età. Forse dipende dalla maggiore consapevolezza delle responsabilità dell'età adulta, forse dalla paura delle MST, forse, invece, dal porno.
28.4.16

Immagine di Adam Mignanelli.

Settimana scorsa mio cugino, che ha vent'anni, ha detto a mio fratello, a un amico e a me (che abbiamo tutti quasi trent'anni) che la notte prima l'aveva passata con una ragazza. Era esausto, ha detto, perché erano stati sveglio fino all'alba a parlare.

"È successo qualcosa?" ha chiesto uno di noi.

No, non era successo niente. La cosa che per noi tre era più importante, per lui era del tutto secondaria.

Pubblicità

Certo, la trovava attraente. E certo, ci sarebbe andato a letto. Ma era la coinquilina di una sua amica, e non voleva che la sua amica finisse in una brutta situazione. E non voleva nemmeno stare sveglio più a lungo, e poi, nonostante il fatto che lei si fosse accoccolata sul divano a fianco a lui e avessero parlato fino alle tre del mattino, non era sicuro che ci stesse.

Noi, i vecchi stronzi, eravamo senza parole. Come poteva non aver fatto un singolo passo? Com'era possibile, soprattutto in un'età in cui il sesso è la cosa più importante?

Ma i dati dimostrano che mio cugino non è strano. Due studi nel corso dell'ultimo anno hanno dimostrato che oggi i giovani fanno meno sesso.

La dottoressa Jean Twenge, professoressa e ricercatrice alla San Diego State University, ha scoperto che i millennial hanno meno partner degli appartenenti alla generazione X e dei baby boomer alla loro età. E secondo un report del 2015 del Center For Disease Control, sono diminuiti i ragazzi tra i 15 e i 19 anni che dichiarano di aver avuto rapporti sessuali rispetto alle generazioni precedenti. Il decremento è stato significativo in entrambi i generi, ma soprattutto tra i maschi.

Sono un millennial, quindi si parla anche di me. Ma quest'ultimo studio sostiene che l'attività sessuale tra i millennial sia in discesa costante, e che interessi soprattutto la seconda metà della generazione: perciò i millennial più giovani (come mio cugino) fanno ancora meno sesso di quelli più grandi (come me).

Pubblicità

Una mia amica, che ha 29 anni, mi ha raccontato di quando era al liceo: aveva fatto un pompino a un ragazzo, consensualmente ma senza averne alcuna voglia, perché si sentiva come se fosse rimasta indietro. Voleva solo farla finita. Io mi sono sentito quasi nello stesso modo a ogni nuovo passo della mia esistenza—come se fosse troppo tardi—e a pensarci sembra assurdo.

Mio cugino, come mia sorella che ha vent'anni, e i loro amici, non sentono nemmeno questa insicurezza. Mi sembrano un nuovo prototipo—ragazzi che, almeno all'apparenza, hanno molte meno certezze di quelle che avevamo noi alla loro età. E se fanno meno sesso, forse è perché si sono adattati meglio alle pressioni della prima età adulta. Siamo in un'epoca, mi sono chiesto, in cui i giovani pensano al sesso senza alcuna censura ma non sentono la pressione di farlo?

Ho espresso la mia idea davanti a loro. "Mmm, forse," mi ha detto mia sorella—ma mi ha anche fatto subito notare che le relazioni stabili sono così schifate dalle persone della sua generazione che anche il sesso occasionale è percepito come troppo intimo. Alcuni suoi amici hanno deciso di non fare sesso per non confondere il sesso occasionale con l'impegno, e per non rischiare di provare sentimenti che li possano far soffrire.

Ma le ricerche dipingono un quadro ancora più preoccupante della vita sessuale dei millennial. Secondo uno studio di Twenge e dei suoi colleghi, ansia e depressione sono impennate negli ultimi cinquant'anni. Sempre più giovani usano antidepressivi, ansiolitici e stimolanti che uccidono il desiderio.

Pubblicità

C'è inoltre un problema logistico: i giovani vivono ancora con i genitori. "Anche dopo la recessione, continuano a non andarsene di casa," ha detto Twenge, che a proposito ha anche scritto il libro Generation Me. "E insomma non è mai bello portare una sfilza di partner a casa di mamma."

I giovani hanno troppo da fare al lavoro e a scuola, e hanno meno tempo per le uscite serali e il sesso. Perciò i millenial sono grandi consumatori di porno, che è più accessibile rispetto al passato. "Ho avuto un sacco di pazienti—devo dire, un sacco di giovani, che non sono persone sessualmente adulte. Sono, diciamo, parzialmente soddisfatti dal porno e da internet," ci ha detto il dottor Ildiko Kovacs, psichiatra e specialista in fattori comportamentali, relazionali e religiosi che influenzano la vita sessuale. L'influenza del porno è relativamente nuova, ha detto. "Quello che vediamo è che nella fase iniziale, anche alle scuole superiori, [molti giovani] si rivolgono al porno e ottengono una gratificazione immediata. Non devono preoccuparsi di un'altra persona e non saranno respinti."

Se da un lato il declino del sesso potrebbe essere un indicatore dell'ansia dei millennial, da un altro potrebbe anche essere un segno che questa generazione è più cauta—pur considerando il sesso senza alcun pregiudizio. Le gravidanze tra gli adolescenti sono diminuite, e i millennial in genere hanno un minor numero di partner sessuali rispetto alle precedenti generazioni—e qualcuno dice che dipende anche dalla loro preoccupazione per le malattie sessualmente trasmissibili.

Allo stesso tempo, c'è molta pressione sui giovani. Tra le aspettative che vengono dal consumo di porno e l'analisi costante della loro vita sessuale da parte di ricercatori e media, oggi i ventenni sanno di essere sotto il microscopio.

"Credo che ci sia un sacco di ansia da prestazione tra i giovani," ha detto Kovacs. "Bisogna farlo, farlo un sacco, farlo bene, farlo perfettamente. Per alcune persone diventa davvero una cosa da pianificare. E ad alcuni può non fare benissimo. Semplicemente non vogliono affrontare le possibilità di fallimento. E credo che sia evidente soprattutto al liceo e all'università. Nessuno vuole sforzarsi. Ci sono cose più importanti da fare."

Segui Dave Simpson su Twitter.

Segui la nuova pagina Facebook di VICE Italia: