10 domande a...

10 domande che hai sempre voluto fare a un giudice

"Quando ero giovane ho scarcerato un uomo che due settimane dopo ha commesso un omicidio. Mi sono messo a piangere."
02 novembre 2017, 10:08am
Tutte le foto di Rebecca Rütten

"Sei in ritardo," mi dice il giudice Andreas Müller quando mi accoglie sulla porta di casa, a Glienicke, a nord di Berlino. "Se fossi arrivato un po' prima ti avrei offerto qualcosa." La convinzione che ogni azione abbia conseguenze non è nulla di strano per Müller, che il quotidiano tedesco Bild ha descritto come "il giudice minorile più duro di tutta la Germania."

"Ci ho messo tutto me stesso per guadagnarmi quel titolo," commenta Müller, che ha 56 anni e fa il giudice da 20. "Se i ragazzini della zona hanno paura di me, significa che ho fatto bene il mio lavoro." La zona a cui si riferisce è Bernau, un'area con una grossa comunità neonazista i cui membri finiti sotto processo si sono spesso scontrati con le originali sentenze di Müller: visite a moschee e kebab coi ragazzi turchi. "Ero il più odiato, tra quelli dell'estrema destra. E ne vado ancora fiero."

andreas muller giudice minorile

Andreas Müller nella sua casa di Glienicke

Mi racconta che oggi combattere l'estremismo di destra gli interessa meno di quanto non gli interessi un'altra causa—la liberalizzazione della cannabis. Nel 2015 ha pubblicato il suo secondo libro Kiffen und Kriminalität [_Erba e criminalità_], in cui sostiene che per consentire alle autorità di proteggere i giovani è necessario legalizzare la cannabis.

Gli ho chiesto se ci sono sentenze di cui si pente e quali sono le prove più terribili che si è trovato davanti nel corso di questi anni.

VICE: Ha mai perso il sonno su una sentenza?
Andreas Müller: Sì, prima di prendere alcune decisioni sono stato in piedi tutta la notte, seduto in cucina a pensare al verdetto del giorno seguente. Devo lasciarlo andare o spedirlo in galera? Devo spedire un neonazi 18enne dietro le sbarre così che tutti sappiano che se lanci una molotov contro i richiedenti asilo è lì che finisci? Ma così facendo non gli distruggerò la vita, a quel ragazzo?

La comunità ne trarrebbe giovamento, ma lui potrebbe perdere il lavoro o essere etichettato per sempre come criminale—anche se è solo un pecorone. Sono decisioni che ancora oggi faccio fatica a prendere, e sono 25 anni che faccio il giudice. Perché sono cose che possono avere effetti duraturi sulla vita di queste persone.

Ha pronunciato anche sentenze sbagliate?
Sono certo di averne sbagliata qualcuna—ma non so quali. Una volta ho mandato in detenzione preventiva un uomo che sospettavo fortemente essere uno stupratore. Alla fine invece è stato rilasciato dopo che le prove sono state completamente riviste. Per lui, passare mesi in carcere ingiustamente è stato terribile, ma i giudici sono esseri umani. E il legislatore lo sa bene, è per questo che esistono leggi che garantiscono che le persone che hanno subito un torto da parte dei giudici abbiano una compensazione pecuniaria.

Prova mai odio per gli imputati?
No, questo non posso permettermelo. Ovviamente sono i sentimenti a renderci umani—senza, non c'è differenza tra uomo e macchina. Si potrebbero tranquillamente inserire gli elementi di un caso in una macchina e farne uscire la sentenza colpevole/innocente. Alcuni casi mi fanno arrabbiare—soprattutto quando c'è in ballo un bambino vittima di abusi, o quando la vittima ha subito un trauma che durerà una vita intera e il colpevole non mostra alcun rimorso. Ma i miei sentimenti non influenzano mai il verdetto.

C'è un caso che l'ha toccato più degli altri?
Molti li porto con me, soprattutto quelli le cui conseguenze sulle vittime sono permanenti. Ma anche gli imputati e quello a cui li condanno, anche quello porto con me. Quando ero un giovane giudice, ho scarcerato su cauzione un uomo—due settimane dopo, ha commesso un omicidio. Mi sono messo a piangere. Ma è il rischio professionale. Nessun giudice è in grado di comprendere al 100 percento l'imputato, vediamo solo quello che vogliono farci vedere. Immagino che per i medici sia lo stesso: se il paziente muore, alcuni piangono. Ma dopo un po' ti rendi conto che è parte del tuo lavoro.

Qual è la prova che non avrebbe mai voluto vedere e invece ha dovuto vedere?
In un processo ho dovuto guardare il sex tape di una coppia. La cosa peggiore è che avevano obbligato la figlia a filmare—il padre la abusava. La ragazzina si è poi suicidata.

E poiché mi occupo di minori, devo guardare anche le prove dei casi di pedopornografia. Lo odio, quello. E se c'è un omicidio, ovviamente bisogna analizzare il report del coroner.


Guarda anche: 10 domande che hai sempre voluto fare a un'urologa:


Siamo tutti uguali di fronte alla legge?
No, non direi. Soprattutto nel sistema penale, i pesci piccoli pagano e quelli grossi sono liberi. Un senzatetto che ruba una bottiglia di vino—diciamo dal valore di quattro euro—finisce in carcere, e chi prende i mezzi senza biglietto becca la multa. Puniamo madri che magari non riescono ad arrivare a fine mese e devono scegliere tra comprare il biglietto del treno o il gelato al figlio. Ma dall'altra parte ci sono gli evasori e i truffatori che costano a tutti noi milioni di euro, e loro se la cavano sempre facilmente, penso. Un uomo povero può finire in carcere per un crimine che gli è valso 50 euro, perché non può permettersi un avvocato costoso. Ecco perché non sono contento del nostro sistema giudiziario.

Ci sono criminali verso cui prova più simpatia?
Sono più bendisposto verso le persone che hanno dovuto affrontare scelte moralmente difficili. Una volta mi si è presentato il caso di un uomo che ha cercato di rapinare una banca con una pistola giocattolo, chiedendo 180 euro. Gli ho chiesto perché l'avesse fatto, e mi ha risposto che aveva promesso la PlayStation a suo figlio per Natale. Ovviamente sono cose che ti colpiscono. Allo stesso tempo, ho dovuto anche pensare all'impiegato della banca che si era spaventato da morire. Ho finito per dargli la libertà vigilata.

Un'altra volta una madre ha portato la figlia anoressica in Olanda a fumare erba, perché voleva che mangiasse un sacco di cioccolato. Secondo la legge tedesca aveva commesso un crimine, ma al tempo mi sentivo più vicino alla madre che alla legge.

Le sue idee politiche influenzano i suoi verdetti?
No, ma la mia morale sì. Se, come me, sei favorevole alla legalizzazione della cannabis, puoi usare la legge a favore dei consumatori. Se hai subito violenza in prima persona, sarai più duro contro chi usa violenza. Se nelle ultime sei settimane ti hanno rubato la bici tre volte, al primo ladro di biciclette che ti si presenta darai una punizione più severa. In ogni caso, per me, la politica non ha alcun ruolo. Tratto i manifestanti violenti anticapitalisti esattamente come i manifestanti violenti dell'estrema destra.

In tribunale succedono mai cose divertenti?
Certo, ridiamo un sacco. Non ridiamo però delle cose serie, per esempio quando ci sono di mezzo bambini o qualcuno sta per finire in carcere per un bel po'.

La cosa più divertente che mi viene in mente è quella volta che ho deciso di bandire dall'aula gli anfibi militari. Stavamo sentendo un membro del NPD [_il Partito Nazionaldemocratico di Germania, un partito neonazi_] come testimone, e io gli ho detto che i suoi anfibi erano un simbolo di estrema destra, violenza e xenofobia. Gli ho dato un'ora per cambiarsi. Quando è tornato, aveva solo i calzini: uniforme completa e calzini. Sono rimasto serio in aula, ma quando l'udienza è finita non riuscivo a smettere di ridere.

Cosa porta sotto la toga?
Cosa vorresti che rispondessi, reggicalze? I jeans. Puoi mettere quello che vuoi sotto la toga. Se avessi un fetish speciale, potrei seguirlo. Conosco un'avvocata che indossa deliberatamente reggicalze in aula. Come ti senti meglio a fare il tuo lavoro, così puoi vestirti.