Pubblicità
medio oriente

Le autorità sospettano che lo Stato Islamico sia coinvolto nel traffico di oppiacei verso la Libia

Dopo aver ricevuto una soffiata dall'agenzia antidroga statunitense, le autorità greche hanno scovato un trasporto di 26 milioni di pasticche di Tramadol, un potente antidolorifico. Le pillole provenivano da Nuova Delhi ed erano dirette in Libia.

di Tess Owen
08 giugno 2016, 1:06pm

Il terminal container del porto del Pireo Container Terminal, vicino Atene, Grecia, 6 giugno 2016. (Alike Konstantinidis/Reuters)

Le autorità greche hanno intercettato un'enorme quantità di oppiacei sintetici arrivati la scorsa settimana nel porto del Pireo da Nuova Delhi, camuffati da lenzuola.

La spedizione di oppiacei - nello specifico, 26 milioni di pasticche contenenti il potente antidolorifico Tramadol - era diretta vero le coste libiche, e le autorità stanno cercando di capire se lo Stato Islamico abbia a che fare con questa storia.

La US Drug Enforcement Agency (DEA), l'agenzia antidroga statunitense, avrebbe dato notizia del carico - del valore di strada stimato in 13 milioni di dollari - proveniente dall'India alla Divisione Narcotici e Armi dell'Unità greca per i Crimini Finanziari (SDOE).

Loukas Danabasis, direttore dell'SDOE, ha detto a Reuters che le compagnie coinvolte in questo episodio "erano già state coinvolte in traffici simili." Danabasis ha aggiunto che la compagnia che avrebbe dovuto ricevere il carico in Libia "è sospettata di avere dei legami con lo Stato Islamico."

VICE News non è stata in grado di verificare se il carico confiscato fosse sotto indagini per possibili collegamenti con lo Stato Islamico.

Tuttavia, Russell Baer della DEA ha potuto confermare che grandi quantità di Tramadol sono trafficate spesso tra Nuova Delhi e la Libia, e che negli ultimi anni il paese che affaccia sul Mediterraneo è emerso come "uno snodo importante per il traffico di Tramadol" nella regione.

Dal 2015, spiega Baer, le forze di polizia da Dubai, Egitto, Malta, Singapore e Spagna hanno sequestrato circa 200 milioni di pasticche di Tramadol, le quali erano tutte dirette verso Tobruk, un porto libico sul Mediterraneo vicino al confine con l'Egitto.

Stando all'Ufficio delle Nazioni Unite contro le Droghe e il Crimine (UNODC), ci sono dei cavilli nelle leggi che regolano l'industria farmaceutica indiana che facilitano il dirottamento su larga scala di farmaci come il Tramadol dai produttori legittimi al mercato nero.

Baer dice che il Tramadol è una droga molto richiesta in Egitto, in Medio Oriente e nell'Africa Occidentale perché è potente, disponibile e poco costosa. I trafficanti di droga lavorano per assicurare che le loro spedizioni di Tramadol siano abbastanza grandi da soddisfare la domanda della regione per l'antidolorifico.

La domanda crescente per il farmaco, soprattutto nelle zone instabili del Medio Oriente e del Nord Africa, "pone potenzialmente una significativa minaccia alla sicurezza della regione," spiega Baer, che afferma che c'è "una preoccupazione crescente che i ribelli e le organizzazioni terroristiche straniere possano sfruttare ulteriormente il traffico di droga per finanziare le proprie operazioni."

La Libia è stata risucchiata dall'anarchia e dal caos dalla caduta dell'ex dittatore Muammar Gheddafi nel 2011. La capitale Tripoli, e la seconda città libica Bengasi, sono sotto il controllo dei ribelli islamisti, incluso lo Stato Islamico.

Baer ha fatto riferimento al Captagon nell'email che ha inviato a VICE News, in cui ha notato che nonostante sia una sostanza vietata in gran parte del mondo dalla metà degli anni Ottanta, continua ad essere prodotta e venduta in Medio Oriente e in Nord Africa. In passato i militanti di IS sono stati sospettati di aver finanziato alcune delle loro operazioni tramite il traffico di droga.

Quando la città siriana di Aleppo è caduta nelle mani di IS a gennaio 2014, i militanti sarebbero entrati in possesso di un'impianto di produzione farmaceutica in grado di produrre l'anfetamina Captagon. Si dice che la droga sia popolare tra i militanti perché le sue qualità simili alla speed gli permettono di combattere più a lungo senza stancarsi, e che sia anche redditizia — viene venduta all'ingrosso per qualche spicciolo mentre in strada frutta fino a 20 dollari a pasticca.

Mentre la regione continua a diventare sempre più instabile, la diffusione del Captagon e del Tramadol sembra destinata ad aumentare. Ad esempio, due anni fa VICE News ha parlato con alcuni farmacisti che lavorano in un laboratorio di narcotici dell'ospedale di Baghdad, che hanno detto che il loro lavoro era mutato e che ora includeva molti più oppiacei - in particolare, l'antidolorifico Tramadol - e molte più anfetamine, nello specifico il Captagon.


Segui VICE News Italia su Twitter, su Telegram e su Facebook

Tagged:
VICE News
dea
Droga
Tramadol
Captagon
Libia
Stato Islamico
oppiacei
Nord Africa
traffico di droga