Siamo stati nel quartiere di Brooklyn dove la K2 sta trasformando i ragazzi in ‘zombie’

K2 è il nome della marijuana sintetica spacciata nei minimarket di Bed-Stuy, e che ha mandato in ospedale decine di persone in una settimana.
20.7.16
Foto di Frank Franklin II/AP

La settimana scorsa ha cominciato a circolare un video che mostrava decine di persone barcollare come zombie e accasciarsi mollemente sui marciapiedi di Bed-Stuy, a Brooklyn.

Almeno 33 persone sono state poi ricoverate per overdose da marijuana sintetica, una sostanza comunemente nota come K2 o Spice che pare esser venduta sottobanco dalle bodegas del quartiere, dei minimarket spesso condotti da stranieri.

La polizia alla fine è intervenuta con qualche blitz, portando a casa solo l'arresto di 3 persone per vendita di sigarette di contrabbando.

Sami al-Zindan, che lavora al Day & Night Deli, sa bene che la K2 è venduta in posti come il suo. "So che qui in giro la vendono i molti, ma non io," si difende. "La gente passa a chiedermela: spesso becco qualcuno a taccheggiare, e molti di loro sono fatti di K2."

Leggi anche: Cos'è la Spice, la droga sintetica simile alla marijuana che sta devastando i giovani russi"

haram," aggiunge, usando la parola araba che sta per "proibito". "Da quando sono qui, mai venduta."

La maggior parte delle bodegas della zona sono di proprieta di yemeniti come Zindan: teme che molti come lui vengano additati come responsabili per l'escalation crescente di overdose, e d'altro canto basta fare due chiacchiere con chi lavora lì nel quartiere per capire che le sue preoccupazioni sono più che legittime.

"Sono loro, gli arabi delle bodegas: loro la vendono," ci spiega convinto Eddie Blanko, il tatuatore della zona. "È un modo di merda per fare soldi facili. È una nuova era delle droghe: fa paura, è dannosa, e fa diventare il quartiere più pericoloso."

Il problema di New York con la K2 non si limità, però, solo a Brooklyn. È molto economica - una canna può costare anche un dollaro - ed è ritenuta causa di circa 6mila overdose in città in tutto il 2015 — incluse due fatali.

Il sindaco De Blasio, in ottobre, ha firmato un'ordinanza per rendere fuorilegge alcuni agenti chimici spesso utilizzati per la K2. La polizia di New York ha fatto più di 180 arresti collegati alla K2, l'anno scorso.

Ma malgrado a stretta, la K2 resta molto popolare e facilmente reperibile. Parte del problema è il fatto che i chimici in Cina e india continuano ad alterare la formula per stare semrpe un passo avanti alle leggi americane sulle droghe — lunedì scorso, il senatore USA Chuck Schumer ha esposto un piano per introdurre delle norme che rendano illegali altre 22 sostanze utilizzate nella K2.

Gli spacciatori stessi cercano di evitare problemi smerciando la sostanza in sacchetti di plastica con su scritto "Not for human consumption." Il prodotto in genere contiene materia vegetale essiccata simile a un potpuorri, con spruzte di misteriosi agenti chimici — il che vuol dire che il suo effetto varia da partita a partita.

Stando alla legge vigente a New York al momento, chiunque sia trovato a vendere K2 rischia una pena che parte da un anno di carcere e una multa di più di 100mila dollari a salire.

In una dichiarazione rilasciata a VICE News, l'Assistant Chief della polizia di New York Patrick Conroy ha spiegato che le forze dell'ordine pensano di moltipllicare la loro presenza nella zona di Bed-Stuy proprio a causa della K2. "In quel quartiere, in quell'epicentro specifico, abbiamo fatto parecchi arresti, e abbiamo molte squadre dispiegate," ha aggiunto, garantendo che verranno impiegati agenti extra nelle prossime settimane per stazionare in zona.

Leggi anche: Una dose di marijuana sintetica ha reso una via di New York la "terra degli zombie"

VICE News ha visitato cinque bodegas nell'area in cui c'è stato questo boom di overdose. Tutti i proprietari hanno ovviamente negato di vendere K2, ma uno di loro, nello specifico, si è mostrato particolarmente fuori di sé al solo sentir nominare la sostanza.

"Mai venduta in vita mia, non fa bene ai nostri affari," ci spiega Hafez Mozab, altro gestore yemenita. "Rischia di rovinarti la piazza e la vita. Ho dei figli, non posso fare queste cose."

Molte persone del posto, interrogate da VICE News, hanno indicato Big Boy Deli come vero e proprio hub dello smercio di K2. Yeyhi Thabet, figlio del proprietario, è stato arrestato dopo che la polizia - in un raid - ha ritrovato 11 pacchetti di sigarette senza contrassegni.

Quando VICE News è andata a visitare il posto. Thabet era lì dietro la cassa. Ha negato tutto, e non si è detto disponibile a rispondere ad ulteriori domande sulla faccenda. Di fianco a lui, un cartello rosso-nero del comune. "K2: 0 per cento marijuana, 100 per cento pericolosa. Qui non si vende K2."


Segui VICE News Italia su Twitter, su Telegram e su Facebook

Segui Adam Hamze su Twitter: @adamhamz

Guarda il documentario di VICE News "L'Ascesa della K2 negli Stati Uniti"