Pubblicità
analisi

IS, ISIS, ISIL, Daesh: come dobbiamo chiamare l'autoproclamato Stato Islamico?

Sulle testate italiane e internazionali si leggono molti acronimi differenti: ecco che cosa significano, qual è il loro valore politico, e qual è la scelta editoriale di VICE News Italia.

di VICE News Italia
18 novembre 2015, 10:45am

La bandiera dell'autoproclamato Stato Islamico (IS)

Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato

Tre giorni fa, parlando del ruolo dell'autoproclamato Stato Islamico (IS) negli attentati del 13 novembre a Parigi, il presidente americano Barack Obama ha utilizzato l'acronimo Daesh.

Daesh sta per al-Dawla al-Islamiya fi al-Iraq wa al-Sham, ovvero "Lo Stato Islamico dell'Iraq e del Levante". Con Levante ci riferisce al vecchio protettorato francese del Levant, un territorio che comprenden la Siria, il Libano, l'Israele, la Palestina e la Giordania.

Daesh, l'equivalente arabo dell'acronimo inglese ISIL, è il termine che gli osservatori arabofoni neutrali utilizzano per indicare il gruppo, che invece preferisce auto-definirsi oggi al-Dawla al-Islamiya (Stato Islamico) o al-Khilafa (il Califfato).

Anche in Francia, a livello giornalistico, è molto utilizzato (nella variante Daech). Forse è quella la ragione per cui Obama - ma anche John Kerry - ha scelto di definirlo 'Daesh' durante la conferenza stampa successiva agli attacchi di Parigi.

In precedenza, il gruppo si chiamava ISI, Stato Islamico dell'Iraq (al-Dawla al-Islamiya fi al-Iraq wa al-Sham), salvo poi cambiare il proprio nome in ISIS (e/o ISIL, qui le differenze sono minime) nel 2013, dopo avere conquistato la città siriana di Raqqa, facendone la capitale dell'autoproclamata nazione.

Quando nel giugno 2014 Abu Bakr al-Baghdadi proclamò la nascita del Califfato, cambiò il nome del gruppo in Stato Islamico (IS), nel tentativo di fornire una connotazione legale e giuridica ai territori conquistati dal gruppo.

Dal momento che il nome - come ogni nome o acronimo, del resto - reca in sé un forte valore strategico e politico, c'è anche chi ha provato a chiedere l'adozione di una dicitura diversa. Vari musulmani hanno espresso la loro rimostranza verso l'adozione del termine islamico da parte di IS, spiegando che i comportamenti e le barbarie operate dal gruppo in Iraq, Siria e altrove siano molto distanti - anzi, incompatibili - con la vera fede islamica.

Anche il segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon ha assunto un'analoga posizione di critica, spiegando ai cronisti come il gruppo rappresenti piuttosto un "Non-stato non-islamico".

Ad oggi il termine più utilizzato dai media italiani è ancora ISIS, nonostante - come abbiamo spiegato - questo acronimo al momento sia forse quello meno accreditato e riconosciuto a livello internazionale. 

Per il momento, VICE News continuerà a utilizzare il termine Stato Islamico (IS), specificando in ogni articoli come la definizione di 'stato' sia in realtà un termine senza una reale base giuridica—il cosiddetto Stato Islamico o l'autoproclamato Stato Islamico.


Segui VICE News Italia su su Twitter e su Facebook