Un gruppo di neofascisti è indagato per i "Bangla tour" a Roma

Tredici persone sono state accusate di far parte di un "gruppo criminale" che ha compiuto diversi raid razzisti contro la comunità bengalese di Roma.

|
14 gennaio 2016, 2:20pm

Minimarket a Torpignattara - Foto di Niccolò Berretta/VICE Italia

Segui VICE News Italia su Facebook per restare aggiornato

Nella mattinata del 14 gennaio 2016 i carabinieri del Ros hanno eseguito delle perquisizioni tra Roma, Ferrara e Chieti a carico di 13 persone di estrema destra, accusate di aver allestito un'associazione finalizzata "all'incitamento, alla discriminazione e alla violenza per motivi razziali, istigazione alla discriminazione e alla commissione di atti di violenza per motivi razziali, minaccia, lesioni, detenzione di armi da sparo e altri reati."

Il provvedimento di perquisizione – che, stando a RomaToday, ha coinvolto anche una sede romana del partito Forza Nuova – nasce dall'inchiesta denominata "Banglatour," avviata nel dicembre del 2013 dopo alcuni presunti "raid punitivi" contro cittadini bengalesi a Roma.

Come riportano le cronache, dalle indagini sarebbe "emersa l'esistenza di un gruppo criminale gravitante nell'ambito dell'estrema destra romana," che "attuava un rigoroso e talvolta violento indottrinamento dei suoi appartenenti, anche minorenni, al fine di assicurare il rispetto delle regole interne al gruppo e consolidarne le gerarchie."

A tale proposito, l'indagine ha anche documentato un episodio risalente all'ottobre del 2014, in cui è andata in scena "la punizione, con vessazioni e percosse inflitte secondo un particolare rituale, di alcuni militanti resisi responsabili di una violenza sessuale in danno di una ragazza e dell'uso di sostanze stupefacenti." A uno di questi militanti è stato anche esploso un colpo di pistola a distanza ravvicinata, "cagionandogli molteplici lesioni al volto nonchè l'indebolimento dell'udito".

Oltre alle aggressioni fisiche contro i cittadini bengalesi, il gruppo propagandava su Internet la propria "vocazione ideologica di estrema destra nazionalsocialista" diffondendo "messaggi, proclami e iniziative volte ad incitare alla discriminazione e alla violenza per motivi razziali."

Leggi anche: Il vicepresidente del consiglio regionale veneto ha festeggiato il suo compleanno con una torta fascista

Della pratica dei "Bangla tour" aveva parlato per la prima volta Repubblica nel 2013. Secondo il quotidiano, alcuni militanti di estrema destra – convinti di "combattere l'immigrazione clandestina" – si organizzavano in squadre per "farsi un bengalino" al grido di "camerata della destra romana, azione."

Nel maggio del 2012, due giovani di 19 e 16 anni vennero arrestati dopo l'aggressione ai danni di un minorenne originario del Bangladesh, avvenuta nel quartiere romano di Tor Pignattara. In quell'occasione la polizia riuscì a risalire agli autori – che furono ritrovati con i vestiti ancora sporchi di sangue – perché uno di questi, nella fuga, aveva perso il cellulare per strada.

All'epoca, l'avvocato del sedicenne si espresse sull'episodio con queste parole: "Dietro a queste spedizioni punitive, a mio avviso, c'è un vero e proprio indottrinamento. Il mio assistito rispondeva alle mie domande come un invasato. Picchiare i bengalesi per lui non era solo un modo per divertirsi, mi spiegò, ma era una vera e propria crociata, una battaglia che doveva combattere a tutti i costi."

In base alla ricostruzione di Repubblica, i "Bangla tour" si sarebbero svolti principalmente nel quadrilatero tra Torpignattara, Largo Preneste, Casilino e Pigneto, e nel giro di un solo anno avrebbero causato almeno una cinquantina di vittime—quasi un pestaggio in media a settimana.

Leggi anche: A quanto pare, fare il saluto romano in Comune a Milano è ancora un reato

Alcune vittime hanno raccontato a Carlo Scepi, avvocato di riferimento per molti cittadini bengalesi della zona, le violenze subite.

P., in Italia dal 2009, è stato pestato da "un gruppo di giovani italiani" mentre stava aspettando l'autobus 409. "Avevano le birre in mano," ha spiegato il cittadino bengalese. "Uno di loro mi dice: 'Cosa guardi? Mi stai guardando male?' Io gli dico che non lo stavo guardando. E lui mi prende a schiaffi, poi mi aggrediscono gli altri con pugni, calci e infine mi dicono: 'stronzo, negro, tornatene a casa tua'. Io davvero non so perché fanno questo."

M., invece, ha subito violenze in via di Tor Pignattara. "Ero insieme a dei miei amici appoggiato a delle transenne, vendevamo braccialetti e pallette colorate," si legge nella testimonianza raccolta da Repubblica. "Sono passati tre ragazzi italiani molto giovani e hanno iniziato a picchiarci senza alcun motivo: ginocchiate, schiaffi, pugni e calci."

All'epoca, il deputato del Partito Democratico Khalid Chaouki aveva presentato un'interrogazione parlamentare al ministro dell'interno Angelino Alfano, chiedendo quali provvedimenti intendesse "prendere per contrastare, quanto prima, il degenerare di queste azioni squadriste ai danni dei bengalesi e delle altre comunità straniere."

Carlo Scepi, dal canto suo, aveva parlato di "numeri delle violenze [...] oggettivamente allarmanti," descrivendo i "Bangla tour" come "aggressioni a sfondo razzista di una vigliacchieria unica." 

Gli aggressori, concludeva l'avvocato, se la prendono "con il bengalese perché è docile, non avvezzo alla violenza, esile di corporatura, non provoca, non reagisce, incassa e quasi mai denuncia. È la vittima ideale."


Segui VICE News Italia su Twitter e su Facebook
Segui Leonardo Bianchi su Twitter: @captblicero

Altro da VICE
Vice Channels