La sonda Beresheet si è schiantata sulla Luna — ma prima ci ha mandato una foto

Giovedì, per via di un malfunzionamento del motore, il lander lunare Beresheet sviluppato da SpaceIL e dall'Agenzia Spaziale Israeliana non è atterrato sul satellite come sperato. Ma, almeno, è in buona compagnia.
foto luna lander lunare Israele Beresheet SpaceIL schianto
L'ultima foto scattata dal lander lunare Beresheet. Immagine: SpaceIL  

Questa è l'ultima foto che la sonda israeliana Beresheet è riuscita a scattare e spedire sulla Terra, prima di schiantarsi sulla Luna alle 21:23 di giovedì sera.

Quando la navicella è stata catturata dalla gravità della Luna il 4 aprile scorso, Israele è diventato la settima nazione a inserire con successo una sonda nell'orbita lunare. Giovedì, è diventato la quinta nazione a inviare un robot sulla superficie della Luna — ma l'atterraggio del veicolo non è stato morbido come gli scienziati a capo della missione speravano.

Pubblicità

Al momento, non è chiaro cosa abbia causato i malfunzionamenti al motore e al sistema di telemetria che hanno portato al fallimento della missione. Ma anche se questo non è il risultato ideale, Beresheet è di certo in buona compagnia. Nel corso della storia, infatti, molte sonde lunari sono atterrate sul satellite con uno schianto — a volte deliberato, a volte accidentale.

Beresheet è stata concepita e sviluppata dall'organizzazione no-profit israeliana SpaceIL, con il sostegno e finanziamento dell'Agenzia Spaziale Israeliana, delle Industrie Aerospaziali Israeliane e di svariati filantropici investitori.

La NASA ha collezionato delusioni simili agli albori della corsa allo spazio, per esempio quando il satellite Ranger 4 dell'agenzia si è schiantato nel lato nascosto della Luna il 26 aprile 1962 — era pur sempre, però, il primo oggetto americano a raggiungere un altro mondo.

Gli schianti fanno male sul momento, ma non precludono atterraggi di successo nel futuro.

Questo articolo è apparso originariamente su Motherboard US.